La Chiesa cattolica di PB è condannata a pagare un risarcimento di $ 12 milioni per lo sfruttamento sessuale

Le vittime erano minorenni; i sacerdoti e persino l’arcivescovo emerito dello Stato sono coinvolti nello scandalo.

Il tribunale del lavoro ha condannato l’arcidiocesi di Paraíba a pagare un risarcimento di 12 milioni di R$ per casi di sfruttamento sessuale contro minori. Il crimine è stato compiuto dai sacerdoti e anche l’arcivescovo emerito dello stato è coinvolto nello scandalo.

Il giornalista ha ascoltato un giovane che era un assistente di messa e un seminarista. Ha scelto di non essere identificato.

Reporter: Quanti anni avevi?

Ex seminarista: avevo 17 anni e mezzo.

Reporter: in seminario hai trovato quello che speravi?

Ex seminarista: no, giusto? Ci aspettiamo una cosa e all’improvviso ci si imbatte in un’altra, giusto? A volte molestie legate a molestie sessuali da parte di sacerdoti, da parte di molti seminaristi.

Reporter: di che tipo?

Ex seminarista: attraverso le parole, gli atti, prendendo i miei genitali, giusto?

Il Processo per la Giustizia prosegue. “L’atto è gravissimo. Sono adolescenti che credevano in quella istituzione come la rappresentazione di Dio”, ha detto il Procuratore del Lavoro Eduardo Varandas.

Tutto è iniziato nel 2014, da una lettera. L’autore ha sentito dire che qualcosa non andava nella chiesa cattolica di Paraíba, e da lì ha fatto una denuncia per lettera, per rimanere dentro la Chiesa. Tuttavia, questo alla fine ha portato alla situazione attuale. Una denuncia che era solo per la Chiesa ha assunto una dimensione immensa.

Reporter: Perché, signora, ha deciso di scrivere la lettera?

Testimone: Poiché ero turbata da così tante cose, mi sono preoccupata molto di essere cattolica. Non ce la facevo più e alla fine ho avuto questo desiderio di fare tutto questo.

Reporter: Eri amica di giovani omosessuali che frequentavano la chiesa?

Testimone: Quello. Per la festa di compleanno stavamo uscendo, stavamo andando in spiaggia di notte. In quella uscita il nostro ha iniziato conversazioni che non mi piacevano.

Reporter: Come cosa?

Testimone: Soprannomi molto brutti sui sacerdoti della nostra chiesa. Monja Vanessa. Pazzo della diocesi. Chiameresti la persona dicendo “ciao, pazzo nella diocesi”?

Reporter: Hai scoperto in seguito che quelli dall’altra parte erano sacerdoti?

Testimone: Erano sacerdoti.

La donna raccontò tutto a un prete affidabile. Spiegò che scrisse la lettera e disse che il documento sarebbe rimasto all’interno della Chiesa. Ma il testo trapelò e divenne notizia. Da quel momento in poi, la Procura della Repubblica iniziò a indagare.

“In effetti, ciò che è stato trovato, ciò che è stato riportato dalla stampa, determinato dal Pubblico Ministero del Lavoro, era l’inserimento sistematico nella  chiesa cattolica di un gruppo di sacerdoti che abitualmente pagavano per il sesso con i chierichetti e anche i seminaristi “, ha detto il procuratore Varandas.

Il crimine era definito come sfruttamento sessuale. Tuttavia, ha sottolineato che dal momento che il caso è nel segreto della giustizia, gli viene impedito di rivelare alcuni elementi concreti e ciò che è avvenuto nelle indagini del caso.

Secondo Varadas, la caratteristica dello sfruttamento sessuale è l’assenza di libero arbitrio per praticare l’atto. In tal caso, il pagamento alle vittime potrebbe essere effettuato in contanti o anche offrendo cibo.

“Qualcosa che crea sottomissione o qualcosa che causa uno stato di necessità per condurre il bambino o l’adolescente a praticare questi atti. Quale stato di necessità è questo? È la miseria, è la fame, è la protezione dello stato, è l’assenza di politiche pubbliche. Nel caso di minorenni sotto i 18 anni, indipendentemente dalla loro volontà, sia lo Statuto dell’Adolescenza che il Codice Penale considerano lo sfruttamento sessuale proprio perché non hanno la volontà convalidata dalla legge per compiere tale atto”, ha spiegato il pubblico ministero .

L’ex seminarista afferma di aver ceduto per volontà di diventare sacerdote.

“Perché fino ad allora la parola d’ordine era ‘passando attraverso questo processo sarai in grado di diventare un prete’. Una specie di scambio, non so se la parola giusta è scambio di favori. A volte una conversazione, un abbraccio all’orecchio, giusto? ‘Sei molto profumato, sei molto bello, molto carino, vero? Devi allenarti molto, non so come lo farai, ma hai un bel petto, giusto?’ ” Ha detto.

La vittima ha detto che ha fatto sesso e che è stato coinvolto da tre sacerdoti. I nomi dei tre sacerdoti appaiono in diverse testimonianze: Jaelson Alves de Andrade, Ednaldo Araújo dos Santos e Severino Melo. I preti sarebbero lontani dalle loro funzioni.

Né l’ex seminarista né l’autore della lettera, che ha dato origine alle indagini, hanno voluto identificarsi. E hanno le loro ragioni.

“Hanno detto che o stavo zitta o che la mia vita era appesa a un filo”, ha detto la donna.

“Mi hanno detto di stare attento dov’ero, perché non sapevo chi c’era dietro di me, non davanti a me o accanto a me”, ha detto la vittima.

Per pressione psicologica, due testimoni importanti che avevano programmato un’intervista con il giornalista hanno rinunciato a parlare. Ma, alla giustizia, hanno parlato.

Uno è un imprenditore, proprietario di un ristorante, ancora molto cattolico. Andò alla chiesa di padre Jaelson e testimoniò contro ciò che pensava fosse una distorsione della Chiesa cattolica.

“Prima di lui, abbiamo avuto ragazzi e ragazze come chierichetti, ma dopo che è subentrato, ha continuato ad ammettere solo chierichetti maschi. Un giorno, due di loro sono venuti da me. Il primo mi parlò in lacrime, mi disse che aveva deciso di lasciare la chiesa perché un giorno era nella casa parrocchiale e padre Jaelson chiese al ragazzo di cospargerlo di olio durante il bagno. Il ragazzo aveva tra i 14 ei 15 anni. L’altro chierichetto che è venuto a parlare con me ha detto che aveva una relazione con il sacerdote dall’età di 14 a 21 anni “, ha detto in una dichiarazione.

Un altro testimone è un impiegato della Cattedrale, che ha lavorato lì per oltre 30 anni e non conosceva nessuno dietro le quinte di quello che stava succedendo all’interno.

“Tre vescovi e cinque sacerdoti sono passati nel tempo in cui ero lì. Uno di questi preti, padre Jaelson, portava chierichetti e altri ragazzi, tutti minorenni, a dormire con lui nelle stanze dietro la chiesa. I ragazzi andavano via presto la mattina. Ha pagato degli spuntini per i ragazzi e gli ha dato anche dei vestiti come regalo. Ho già visto don Jaelson fare sesso con un minore all’interno della chiesa. Ho anche lavorato con padre Ednaldo. Era solito uscire con i ragazzi che guardavano le macchine alla porta della cattedrale. Andava con loro al Bar di Polvora. Erano tutti minorenni e il prete ha dato loro dei soldi “, ha detto in una dichiarazione.

Fu decisiva la testimonianza di uno di questi giovani, che quando era minorenne lavorava attorno alla cattedrale e affermava che all’epoca aveva rapporti con padre Ednaldo. Ha detto loro tutto ma non ha potuto vedere il completamento del caso perché è stato assassinato nel dicembre 2016. La polizia ha anche indagato sulla possibilità di masterizzare i file, ma non è stato dimostrato nulla.

L’ex impiegato ha anche citato un quarto prete: Rui da Silva Braga. Anche padre Rui portò i ragazzi a casa sua.

Una particolarità del caso è che non solo i preti sono stati accusati di crimini sessuali. Secondo il ministero pubblico, vi è stato il coinvolgimento diretto dell’allora arcivescovo, Don Aldo Pagotto. È sospettato di nascondere i crimini dei sacerdoti e anche di aver avuto rapporti sessuali con i giovani della città.

“In una certa conversazione, è arrivato davvero a mettere una mano sul mio petto e ha detto ‘perché non approfittiamo del fatto che siamo entrambi qui e faremo il meglio per entrambi?’ “, ha detto l’ex seminarista.

In tribunale, la vittima ha dichiarato di essere stata molestata solo dall’allora arcivescovo. Ma, con il giornalista, è andato oltre:

“Dobbiamo fare sesso, sì,” disse.

Ignaro del coinvolgimento dell’arcivescovo, l’uomo d’affari gli ha persino chiesto di intervenire sul problema.

“È venuto a piangere e ha detto che avrebbe cercato di risolvere la situazione. disse che avrebbe portato padre Jaelson a fare un trattamento per fermare queste cose. Era il 2009 e non è stato fatto niente. Voglio chiarire che sono cattolico, continuo a frequentare la chiesa e non intendo danneggiare alcun prete. Voglio solo che la verità esca per la dignità della chiesa “, ha detto l’uomo d’affari alla corte.

Nel 2002, quando era vescovo di Sobral in Ceará, Dom Aldo fu accusato di presunto tentativo di coprire i casi di abuso sessuale di un prete contro 21 ragazze. Ma il Tribunale del Ceará ha chiuso il caso. Nel 2004 è diventato arcivescovo di Paraíba. Rimase in carica fino al 2016, quando si dimise, tra accuse di scandali sessuali che coinvolgevano sacerdoti.

Nella lettera di dimissioni, ha fatto riferimento a “laureati”, vale a dire i sacerdoti e seminaristi provenienti da altre diocesi, e che ha ricevuto: “Ho accolto sacerdoti e seminaristi, al fine di offrire loro nuove opportunità nella vita. Tra gli altri alcuni sospettati successivamente di aver commesso gravi defezioni, contrariamente all’idoneità richiesta nel sacro ministero”.

Don Aldo ora vive a Fortaleza. Ha avuto il cancro alla prostata. A Pasqua del 2018, ha pubblicato un video in cui appare indebolito. Il giornalista ha chiamato il suo cellulare tre volte, e anche il telefono fisso della casa in cui vive. Non ha risposto, né ha risposto ai messaggi di testo. Ha inviato una breve email:

“Non partecipo a questo tipo di relazione, chiarisco che l’8.11.2017 i sacerdoti sospettati di coinvolgimento con minori sono stati prosciolti all’unanimità”.

Ma i preti non erano esattamente innocenti. La data citata da Don Aldo coincide con il deposito del caso nella Corte Comune. La Procura della Repubblica ha ritenuto che i crimini fossero già stati prescritti, cioè, per legge, erano vecchi e non potevano più essere giudicati.

Il procuratore di stato Francisco Sagres Vieira ha dichiarato di essere convinto che il crimine è accaduto, che “i fatti sono stati verificati, c’erano ragioni sufficienti per promuovere il crimine”. Tuttavia, era “mani legate perché c’era la prescrizione”.

Ma nel Tribunale del lavoro c’era la condanna per lo sfruttamento sessuale. Indennizzo di R$ 12 milioni, R$ 1 milione per ogni anno di don Aldo Pagotto alla testa dell’Arcidiocesi. Il denaro deve avere un uso sociale.

“Questi 12 milioni di dollari oggetto della condanna saranno destinati al fondo di infanzia, adolescenza e istituzioni simili che lavorano con bambini sfruttati sessualmente e agiscono in recupero psicologico, reintegrazione sociale”, ha spiegato il Procuratore Eduardo Varandas.

L’arcidiocesi di Paraíba ha dichiarato con una nota che “il Procuratore del lavoro ha violato esplicitamente la riservatezza” nel concedere un’intervista sulla condanna. L’Arcidiocesi ha sottolineato che adotterà le misure necessarie per determinare le responsabilità relative all’inosservanza della legge e dell’ordine legale.

Tutti i religiosi menzionati nella causa hanno negato il coinvolgimento con i giovani. La Chiesa può ancora impugnare la sentenza.

“Questo deve essere ripulito dalla società. La Chiesa, a mio avviso, deve questa spiegazione al mondo. Ora, indipendentemente dal fattore che ha causato questo o quello, la grande preoccupazione della Procura è di impedire che tali danni continuino a essere una routine nella vita di bambini e adolescenti “, ha affermato il pubblico ministero.

L’ex seminarista, che ora ha 27 anni, si è laureato in economia e diritto. Ha lasciato il seminario per paura di diventare un prete abusatore.

Ero troppo spaventato di diventare ciò che mi hanno fatto“, ha detto.

Giornalista: Ti farò un’ultima domanda: cosa ti piacerebbe che fosse successo ai preti e al vescovo che ti hanno abusato?

Ex seminarista: guarda, sinceramente, che la Chiesa si è presa cura di loro, giusto? La giustizia è stata davvero fatta, so di essere uno in più. Ma io credo che la Chiesa dovrebbe, come istituzione, prendersi cura dei sacerdoti neurologicamente e costruttivamente, a livello di società, facendo giustizia.

L’autrice della lettera di denuncia, che ha dato origine a ogni indagine, dice che rimane cattolica, confidando in una Chiesa che sa purificarsi.

“Volevo che la chiesa fosse pulita. Non ho denunciato la Chiesa, ho appena fatto una richiesta di aiuto, vado nella nostra Chiesa, la Chiesa sta soffrendo. Volevo che fosse pulito, ma volevo che fosse ripulito all’interno della chiesa, chiuso e non al mondo perché la nostra Chiesa è santa, la nostra Chiesa non merita ciò che sta accadendo”, ha lamentato.

(traduzione con Google)

https://g1.globo.com/pb/paraiba/noticia/2019/01/20/igreja-catolica-na-pb-e-condenada-a-pagar-indenizacao-de-r-12-milhoes-por-exploracao-sexual.ghtml

Advertisements