fbpx
domenica 14 Aprile 2024

I riflettori si spostano sullo scandalo degli abusi sessuali da parte del clero

Per troppo tempo la Chiesa cattolica ha ignorato e persino nascosto il problema degli abusi sessuali da parte del suo clero. Papa Francesco, a suo merito, ha avviato riforme di più vasta portata di quelle dei suoi predecessori. Ma un inquietante articolo su The Post di Chico Harlan e Alain Uaykani suggerisce che la chiesa ha ancora molta strada da fare per proteggere i bambini dai chierici predatori e dai vescovi che glielo consentono, in particolare nei paesi meno sviluppati, lontano dal bagliore di magistrati efficaci e giornalismo senza riserve. Lì, come scrivono gli autori, “la portata degli abusi rimane sia un mistero che motivo di trepidazione”.

I più letti in questa Categoria

In un caso che descrivono, una suora adolescente in formazione ha detto di essere stata violentata da un prete nella Repubblica Democratica del Congo, un incidente che non ha portato a una seria disciplina per l’aggressore accusato a causa di ciò che una serie di fonti ha descritto un elaborato insabbiamento orchestrato dal vescovo locale, Nicolas Djomo. Alla fine, una cosiddetta indagine, condotta sotto gli auspici del vescovo e presentata al Vaticano, ha concluso che l’accusa era infondata. Gli inquirenti, incredibilmente, non si sono nemmeno degnati di intervistare la giovane che ha affermato di essere stata violentata.

I dettagli dell’accusa sono agghiaccianti, ma non meno agghiaccianti degli sforzi riusciti per spazzarla sotto il tappeto e garantire che non fosse possibile alcuna reale responsabilità, secondo il rapporto dettagliato di The Post. A tale riguardo, il modello di impunità praticato dalla gerarchia cattolica, un tempo così ben radicato nei paesi ricchi del Nord America e dell’Europa prima delle riforme del Vaticano, sembra poco cambiato o migliorato nei paesi in via di sviluppo dove la chiesa rimane quasi intoccabile — e spesso risolve le accuse di abuso per mezzo di pagamenti privati.

Il principale tra i problemi strutturali è il ruolo svolto dai vescovi in ​​così tanti aspetti del governo della chiesa, comprese le indagini e la disciplina dei preti abusivi. Le riforme stabilite da Francesco lasciano la responsabilità quasi esclusivamente nelle mani dei vescovi, che riferiscono direttamente al papa. La supervisione , nella misura in cui esiste, è nelle mani di vescovi più anziani, o metropolitani , generalmente con sede nelle principali aree urbane.

Tale supervisione è stata esercitata solo con parsimonia nei paesi occidentali e quasi per niente nei paesi in via di sviluppo, dove la chiesa è spesso al di là della scarsa portata della legge. Incontrollati, i vescovi in ​​quei paesi generalmente funzionano come investigatori, giudici e giurie nelle loro diocesi, la stessa struttura inefficace che ha permesso alla predazione sessuale di prosperare altrove per decenni.

In assenza di un meccanismo efficace per indagare sugli abusi e proteggere le vittime, il Vaticano deve ripensare il suo approccio. Se si tratta di stabilire una propria struttura, a Roma, per intervenire nell’accertamento e nella disciplina laddove non esistono altri mezzi credibili, allora così sia. Senza tali ulteriori riforme, non ci sarà fine a uno scandalo che ha causato un tale discredito alla Chiesa cattolica, le è costato miliardi di dollari e ha lasciato così tante vittime innocenti sulla sua scia.

https://www.washingtonpost.com/opinions/2022/07/25/clergy-sex-abuse-scandal-congo/


Scopri di più da Rete L'ABUSO

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Rete L'ABUSO

Rete L'ABUSO

La Redazione del servizio web

Related Posts

Next Post
Tessera Socio Tessera Socio Tessera Socio
ADVERTISEMENT

Highlights

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms below to register

*By registering into our website, you agree to the Terms & Conditions and Privacy Policy.

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Scopri di più da Rete L'ABUSO

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading