VIDEO. “Non può esserci un Dio che permetta questo”: una vittima di un prete pedofilo testimonia di fronte al Vaticano

Alessandro Battaglia dice di essere stato “abusato” all’età di 15 anni. Questo giovane italiano ha raccontato la sua storia a poche centinaia di metri dalla Santa Sede, mentre un summit ha riunito centinaia di vescovi per discutere della pedofilia nella Chiesa.

“Quello che voglio raccontare stasera è l’abuso che ho vissuto.” Mentre i vescovi di tutto il mondo si sono riuniti per discutere della pedofilia nella chiesa da giovedì 21 febbraio a Roma per un summit storico, diverse vittime hanno deciso di far sentire la propria voce a poche centinaia di metri dal Vaticano. Tra questi, un giovane italiano di 22 anni, Alessandro Battaglia, ha consegnato una commovente testimonianza che ha colpito l’assemblea.

>> Cosa ricordare dal Vertice Vaticano dedicato alla pedofilia

Davanti alle telecamere, e in particolare quella del programma “C Politique” su France 5, ha detto che è stato “abusato” all’età di 15 anni dal prete” che considerava “come il migliore del mondo, a cui ho confidato la mia vita, a cui ho raccontato tutto “ .

Non credo più in Dio perché non può esserci un dio che lo permetta.

Alessandro Battaglia

“Sono cresciuto in un ambiente cattolico, ero boy-scout, chierichetto, animatore nei i campi estivi organizzati dalla Chiesa, ha testimoniato Alessandro Battaglia.  E loro mi hanno tolto tutto questo, mi hanno tolto degli anni della mia vita.” “Tutti noi abbiamo fatto almeno un tentativo di suicidio“, ha aggiunto, “perché non si può convivere con queste cose”.

“Non ho sentito scuse”

Ha poi parlato del summit che si stava svolgendo in Vaticano: “Dobbiamo fermare tutto questo, e là dietro possono farlo”, ha detto, indicando la Santa Sede. Il papa alla fine ha promesso domenica “una lotta a tutti i livelli” contro l’abuso sessuale dei minori, “crimini abominevoli che devono scomparire dalla faccia della terra”. “Nessun abuso dovrebbe mai essere coperto, come era il caso in passato, e sottovalutato”, ha detto Papa Francesco.

Non abbastanza per Alessandro Battaglia.  “Non ho sentito le scuse, niente di concreto, niente di giusto. Sono lì per parlare di auto-distruzione dei leader e delle vittime. Ma sono loro che ci hanno distrutto”ha pianto alla conclusione del summit.

https://mobile.francetvinfo.fr/societe/religion/pedophilie-de-l-eglise/video-ca-ne-peut-pas-exister-un-dieu-qui-permet-ca-une-victime-d-un-pretre-pedophilie-temoigne-devant-le-vatican_3206767.html#xtref=https://www.google.it/

Advertisements