I ricercatori rivelano modelli di abuso sessuale in ambienti religiosi

I sociologi espongono come i perpetratori usano la fiducia, la fede e l’autorità per governare le vittime e mantenere segreto l’abuso.

Di GEOFF McMASTER

Una recente revisione della letteratura da parte di un esperto di sette dell’Università di Alberta e del suo ex studente laureato dipinge un quadro sorprendente e coerente del segreto istituzionale e della protezione diffusa di coloro che abusano dei bambini nelle istituzioni religiose “in modi che spesso differiscono dalle forme di manipolazione in ambienti secolari. ”

È il primo studio completo che espone modelli di abuso sessuale in contesti religiosi.

“Un predatore può passare settimane, mesi, persino anni a governare un bambino per violarlo sessualmente”, ha detto  Susan Raine , sociologa della MacEwan University e coautrice dello studio con Stephen Kent, sociologo dell’Università di Alberta .

Anche gli autori sono difficili da identificare, hanno detto i ricercatori, perché raramente si conformano a un singolo insieme di personalità o altri tratti.

I risultati dimostrano la necessità di “dedicare meno tempo a concentrarsi sul” pericolo estraneo “e più tempo a pensare al nostro coinvolgimento immediato nella comunità, o all’ambiente esteso e al potenziale di cura”, ha detto Raine.

Raine e Kent hanno esaminato la ricerca sugli abusi in un certo numero di confessioni religiose in tutto il mondo per mostrare “come alcune istituzioni religiose e figure di leadership in loro possono coltivare lentamente i bambini e i loro caregiver in attività sessuali dannose e illegali”.

Tali istituzioni includono vari rami del cristianesimo, nonché culti e movimenti settari tra cui i Figli di Dio, i Branch Davidians, i Santi degli Ultimi Giorni fondamentalisti, nonché un ashram indù e la Devadasis.

Hanno scoperto che “a causa della posizione istituzionale della religione, l’educazione religiosa avviene spesso in un contesto di fede indiscussa riposta nei criminali sessuali da bambini, genitori e personale”.

I due ricercatori hanno iniziato il loro studio dopo che a Kent è stato chiesto di fornire la testimonianza di un esperto per una causa legale a Vancouver accusando il coreografo di Bollywood e leader della setta Shiamak Davar di aver abusato sessualmente di due dei suoi studenti di danza nel 2015.

Kent si rese conto che, sebbene alcuni studiosi avessero scritto sull’abuso sessuale nella religione, “non avevano identificato il processo di toelettatura e le sue caratteristiche distintive”. Dopo che la causa è stata risolta in via extragiudiziale, ha contattato Raine per accettare il progetto.

“Noi due avevamo già lavorato a progetti (compreso il libro di successo Scientology in Popular Culture ) e sapevo che scriveva fluentemente e velocemente”, ha detto Kent. “Le ho fornito le idee e i suggerimenti iniziali e lei ha fatto la maggior parte della scrittura.”

Il risultato è “il primo nel suo genere a fornire un quadro teorico per analizzare e discutere la cura sessuale di bambini e adolescenti a base religiosa”, ha detto.

Uno dei casi più noti  di tale cura nella Chiesa cattolica è stato scoperto dal Boston Globe nel 2002 e drammatizzato nel film del 2015 Spotligh t. Il Globe ha rivelato che John J. Geoghan, un ex prete, aveva accarezzato o violentato almeno 130 bambini in tre decenni in una mezza dozzina di parrocchie della Greater Boston.

Alla fine un modello diffuso di abusi nella chiesa è stato scoperto in Europa, Australia, Cile, Canada e Stati Uniti.

Più scioccante degli stessi abusi, ha detto Raine, è stato l’insabbiamento sistemico che è arrivato fino al Vaticano.

“E il trasferimento dei sacerdoti in altre chiese, penso che sia stato devastante per i cattolici, una grave violazione della fiducia”, ha detto.

Abuso di autorità

Raine e Kent definiscono il grooming sessuale come la graduale sessualizzazione di una relazione tra una persona con autorità religiosa e un bambino o un adolescente, “a cominciare dal contatto non sessuale che progredisce nel tempo fino al contatto sessuale, per cui il bambino potrebbe non comprendere nemmeno l’abuso e natura impropria del comportamento. “

Gli autori, che possono includere leader religiosi e spirituali, volontari, consulenti dei campi in campi religiosi, personale di scuole religiose e altri associati a comunità religiose, preparano il bambino e gli adulti significativi e creano l’ambiente per gli abusi, ha detto Raine.

Oltre ad ottenere l’accesso a un bambino, mirano a guadagnare fiducia e conformità mantenendo la segretezza per evitare la divulgazione. Spesso, nel momento in cui l’abuso si verifica effettivamente, il bambino sente di aver dato il consenso, ha detto Raine.

“Gli autori di abusi attingono non solo alle loro posizioni di potere e autorità da adulti, che è potente in sé e per sé, ma anche alle affermazioni sulla volontà di Dio – l’autorità ultima indiscutibile per gli aderenti religiosi – e una figura che può ispirare paura tanto quanto essa può stupire e amare. “

Quando un abuso viene rivelato, è spesso accolto con scetticismo o negazione, anche dalla famiglia del bambino.

“Poiché la devozione all’istituzione plasma l’identità sociale, soprattutto per gli individui più devoti, i membri di una comunità religiosa possono essere del tutto sospettosi delle affermazioni della vittima, favorendo invece la figura religiosa e il suo status e la credibilità percepita”.

In alcuni casi, un’intera società può essere curata, ha detto Raine. Indica l’Irlanda, dove “un’intera nazione ha mostrato una ‘cultura dell’incredulità’ nei confronti delle denunce di abuso” dopo le diffuse rivelazioni di abusi negli anni ’90: “I membri possono avere una maggiore lealtà verso l’istituzione che verso la vittima abusata”.

In Nigeria, i ricercatori hanno scoperto che alcuni pastori pentecostali accudivano i bambini con il pretesto di liberarli dalla possessione demoniaca, usando “esorcismo” come eufemismo per violenza sessuale. I pastori erano protetti dalla “assoluta fiducia che la comunità ha in loro”, hanno detto Kent e Raine.

I membri della famiglia senza autorità religiosa possono anche sfruttare la fede della famiglia nel prendersi cura di un bambino, usando una retorica religiosa familiare e convincendo il bambino che l’abuso è perfettamente accettabile agli occhi di Dio, ha detto Raine.

Sebbene gran parte delle loro prove siano inquietanti, Raine mette in guardia dal creare un “panico morale”.

“Non vorrei che la gente inizi a presumere che ogni allenatore di hockey, sacerdote, pastore o ministro proverà a governare e aggredire tuo figlio”.

“Ma è importante che le persone capiscano che la maggior parte degli abusi sessuali non avviene perché qualcuno rapisce tuo figlio da un parco pubblico. Di solito è un membro della famiglia, un membro della famiglia allargata o qualcuno che conoscono nella comunità, sia esso religioso o meno, che è più spesso responsabile “.

https://www.folio.ca/researchers-reveal-patterns-of-sexual-abuse-in-religious-settings/?fbclid=IwAR3O4AuI1qwOXS3p5N5I53Zw8CZESpfFu90R1U_gTg1tpA-LVyQlgzlPQWE