TO’ CHI SI RIVEDE…MCCARRICK. MA L’INCHIESTA VATICANA DOV’È?

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, torniamo a parlare dell’ex cardinale Theodore McCarrick, mentre siamo sempre in attesa – un’attesa che forse non verrà mai soddisfatta – del rapporto che il Vaticano ha promesso di rendere pubblico nell’ottobre 2018 sui documenti esistenti alla Santa Sede sulle attività predatorie di McCarrick. Non vi sembra straordinario che siano passati quasi due anni senza che quella promessa sia stata mantenuta? Un comportamento che non può non avvalorare la testimonianza resa nell’agosto 2018 dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che parlava di complicità a favore di McCarrick che cominciavano molto lontano, e continuavano anche con papa Bergoglio. Certo, quasi due anni per compulsare archivi credo siano un record…Oggi ci sono altre novità.

Come scrive LifeSiteNews,  un avvocato di un uomo che ha accusato Theodore McCarrick e altri sacerdoti di violenza sessuale su minori ha dichiarato che l’ormai famoso ex cardinale gestiva un “ring del sesso” dalla sua casa al mare.

Martedì sera l’uomo, noto solo come Doe 14, ha intentato una causa contro Theodore McCarrick e altri alla Corte Superiore del New Jersey nella Contea di Middlesex. Sono state nominate anche le ex diocesi di McCarrick di Metuchen e Newark, così come le chiese cattoliche e le scuole che impiegavano i sacerdoti che Doe 14 dice che hanno abusato di lui.

L’azione civile sostiene che un padre Anthony DiNardo ha avuto “contatti sessuali non consentiti” con Doe14 nel “1978 circa”, quando il ragazzo era un parrocchiano di 11 anni e un chierichetto della chiesa di San Francesco Saverio a Newark, NJ.

Doe14 è stato poi presumibilmente “preparato” e aggredito dal suo preside della scuola di East Orange, Fratello Andrew Thomas Hewitt, C.F.C., quando il ragazzo aveva approssimativamente tra i 14 e i 16 anni, approssimativamente tra il 1981 e il 1983.

Secondo il suo avvocato Jeff Anderson, quando il futuro di Doe 14 alla Essex Catholic Boys’ School divenne incerto nel 1982, a causa dei problemi di pagamento delle tasse scolastiche, Hewitt avrebbe detto al ragazzo che avrebbe dovuto parlare con il “Boss”, cioè il vescovo di Metuchen, Theodore McCarrick, recentemente nominato vescovo di Metuchen.

Hewitt avrebbe portato Doe14 a incontrare McCarrick con l’accordo che il vescovo avrebbe pagato la sua retta, e in seguito Doe14 è stato portato a fare un viaggio nel fine settimana al Sea Girt di McCarrick, la casa al mare di NJ.

Lì, secondo il suo avvocato Jeff Anderson, Doe 14 ha trovato una “assemblea di seminaristi e altri sacerdoti” sottomessa al vescovo. Nella causa si afferma che McCarrick dirigeva le disposizioni per il sonno, accoppiando i ragazzi minori con i chierici adulti. McCarrick avrebbe anche scelto i suoi compagni di letto tra i ragazzi, i seminaristi e i sacerdoti. Una delle sue vittime era la Doe14.

“Di notte, con l’aiuto di altri, McCarrick si insinuava nel letto di questo ragazzo e lo aggrediva in modo criminale, sussurrandogli ‘va tutto bene’”, ha dichiarato Anderson durante la conferenza stampa Zoom che ha tenuto ieri.

Anderson ha anche nominato padre Gerald Ruane, padre Michael Walters e padre John Laferrera come sacerdoti che hanno avuto “contatti sessuali non consentiti” con l’allora adolescente tra il 1982 e il 1983. L’avvocato ha definito le assemblee della casa sulla spiaggia un “Sex Ring”.

La causa sostiene che dal 1970 al 1990 circa, McCarrick ha aggredito sessualmente almeno sette ragazzi minorenni.

TO’ CHI SI RIVEDE…MCCARRICK. MA L’INCHIESTA VATICANA DOV’È?