Cardinale contro le suore. Ma è omertà sugli abusi

Denuncia del ‘prefetto’ Braz de Aviz: “Molestie sessuali tra monache”. La realtà è che la grande maggioranza dei reati viene compiuta dai chierici

di LUCETTA SCARAFFIA

Roma, 26 gennaio 2020 – Un nuovo scandalo aleggia sul Vaticano, ha scritto l’Ansa dopo l’intervista del cardinale Braz de Aviz, prefetto dell’organismo vaticano che si occupa dei religiosi, al mensile femminile dell’Osservatore Romano, su un “fenomeno nascosto che ora deve emergere”, e cioè “casi di abusi sessuali fra suore” e abusi di autorità negli istituti religiosi femminili.

Così, dopo lo scandalo della pedofilia, dopo che si è saputo che anche gli abusi sulle suore da parte di vescovi e sacerdoti costituiscono in tutto il mondo un’abitudine, arriva un’altra rivelazione, la più imprevista: anche le suore sono cattivi soggetti. E la questione sembra preoccupare talmente il cardinale che, interrogato sull’abuso di autorità nei confronti delle donne, non solo dedica quasi tutta la risposta a esempi di superiore prepotenti, ma riguardo gli abusi sessuali sulle suore racconta il suo stupore nello scoprire che vengono praticati anche dalle suore stesse: ben nove casi in una sola congregazione! È naturale che il prefetto si stupisca.

Da anni la sua congregazione riceve numerosissime denunce di religiose sulle violenze subite da religiosi e preti di ogni ordine e grado, ma quelle denunce si fermano e si accumulano. Se invece l’accusata è una suora, la sorpresa è tanta che lo induce a muoversi immediatamente e, s’immagina, a punire con severità. L’intervista ha suscitato dolore e angoscia nel mondo delle religiose: in un momento di crisi delle vocazioni, di abbandoni sempre più frequenti, l’unica forza di cui disponevano era il rispetto e l’affetto di cui sono circondate dal popolo dei fedeli, che le conoscono bene e ammirano la loro abnegazione e la loro concreta testimonianza di vita cristiana.

Che cosa accadrà adesso? Avranno ancora il coraggio di denunciare gli abusi, gli aborti a cui sono state sottoposte per nascondere le colpe e le carriere del clero? Avranno ancora la forza di dire che esigono rispetto e ascolto, che hanno diritto a una preparazione intellettuale uguale a quella degli uomini? I media si stanno impadronendo del lato morboso della vicenda e non sembrano accorgersi di un paradosso: le suore che abusano saranno una su mille, e comunque le loro relazioni lesbiche non inducono all’aborto. Il cardinale assicura: la “cultura che ci ha fatto entrare in queste deviazioni deve sparire, dobbiamo tornare alla testimonianza”.

Certo, ma la testimonianza deve cominciare con la verità, con l’ammissione che finora la Chiesa, e in particolare la congregazione dei religiosi, hanno colpevolmente chiuso gli occhi davanti allo scandalo delle suore abusate dal clero proprio come nei confronti dei preti pedofili. Nell’incontro di un anno fa in Vaticano una suora nigeriana ha raccontato il suo calvario di abusi continuati da parte di un vescovo, che l’ha poi costretta a tre aborti. Ma nel volume che raccoglie gli interventi in quel seminario, non sono riportati né il paese dove il fatto è avvenuto, né il nome del vescovo: si chiama omertà.

https://www.quotidiano.net/cronaca/suore-violentate-1.4999582

Annunci