Legionari di Cristo: “Il sacerdote e preside della mia scuola mi ha violentato e mi ha fatto vedere come ha abusato di altre bambine”

Lo scorso dicembre i Legionari di Cristo hanno pubblicato un rapporto in cui riconoscono che tra il 1941 e il 2019 i membri della loro congregazione hanno violentato 175 bambini.

Secondo il documento, il suo fondatore, il messicano Marcial Maciel, ha abusato di 60 minori.

In questi giorni, come ogni 6 anni, i legionari sono riuniti per otto settimane a Roma.

Oltre a nominare i loro nuovi leader, discuteranno, tra le altre questioni, “la strada da seguire per prendersi cura delle vittime di abusi sessuali, possibili insabbiamenti, abbandono o omissioni in relazione a loro in passato”.

-175 casi di abusi sessuali su minori (60 di padre Marcial Maciel): il rapporto storico dei Legionari di Cristo,

ciò è stato confermato dalla BBC Mundo Pablo Pérez de la Vega, direttore della comunicazione di questa organizzazione in Messico.

Cita anche una dichiarazione della Santa Sede nel 2010 rilasciata dopo una visita ai legionari in cui si descrivono i comportamenti di Marcial Maciel, fondatore di questa congregazione, come “veri crimini” e affermano che la sua vita è stata “senza scrupoli”.

“Questa vita era sconosciuta a gran parte dei legionari, soprattutto a causa del sistema di relazioni costruito da Maciel, che aveva sapientemente saputo creare alibi, ottenere la fiducia, la familiarità e il silenzio di coloro che lo circondavano”, ha affermato la dichiarazione.

Un altro dei preti accusati è Fernando Martínez, che, dopo essere stato pubblicamente denunciato da alcune delle sue vittime in Messico, ha ammesso di aver commesso abusi.

Biani López Antúnez sarebbe stata violentata dagli 8 ai 10 anni .

A quel tempo López Antúnez scrisse una lettera in cui disse alla sua insegnante che il prete e direttore della scuola dava a lei e alle sue compagne “baci sempre più vicini alla bocca” e “le avvicinava tra le gambe” .

Questa è la testimonianza della museografa ormai 37enne narrata in prima persona.

Quando avevo 8 anni, la mia famiglia si trasferì da Città del Messico a Cancun. I miei genitori mi hanno messa in una scuola dei Legionari di Cristo, senza poter immaginare che terribili abusi avrei subito dalle mani del direttore e sacerdote Fernando Martínez.

Ero una dei primi studenti del Cumbres Institute di Cancun nel 1991. La scuola era ancora in costruzione quando abbiamo iniziato le lezioni.

Avevo 8 anni e sono entrata in terza elementare. I miei genitori avevano deciso che dovevamo andare in quella città, che era ancora molto piccola, in modo da crescere in un ambiente più sano e vicino alla natura.

Il direttore della scuola era il sacerdote Fernando Martínez. Ora sappiamo che Martinez era stato nominato nonostante fosse già stato accusato di abuso sessuale in altre scuole a Città del Messico e Saltillo.

Lui stesso aveva riconosciuto un’accusa del 91 e aveva persino chiesto di non essere trasferito a Cancun perché non si sentiva “sicuro” ad accettare quella responsabilità dopo le accuse.

Tuttavia, i legionari hanno messo a capo della mia scuola un predatore sessuale, che ha continuato il suo comportamento criminale a proprio agio.

Martinez stava guadagnando la nostra fiducia e aumentando gradualmente i suoi abusi.

Ha iniziato con i baci sulla guancia che ci ha dato sempre più bocca in bocca, come per caso.

E così, è salito di tono, con abusi più gravi, fino a quando è venuto a violentarci. Lo ha fatto in più occasioni.

Era colluso con una insegnante, che ci prendeva in gruppo di tre ragazze dalle nostre classi e ci portava in direzione o alla cappella. Lì’, chiudevano le tende, le porte e ci facevano tutti i tipi di cose orribili.

A volte ci faceva leggere la Bibbia, ci dava le ostie o ci faceva giocare con oggetti sacri per distrarci, confonderci e abusare di noi.

Le ragazze uscirono piangendo e nessuno disse nulla.

Mi ha abusato per due anni, dagli 8 ai 10 anni. Inoltre, mi ha fatto vedere come ha abusato di altre ragazze.

È stata una cosa terribile. Ero molto piccola e non capivo cosa stesse succedendo. All’inizio era una figura di totale autorità. Era il sacerdote della scuola, che apparentemente rappresentava Dio.

Inoltre, era la massima autorità della scuola. Come poteva quell’uomo fare qualcosa di sbagliato?

Ho pianto molto . Abbiamo pianto tutte. Ricordo di essermi chiusa nel bagno della scuola per piangere e piangere. Tornai in classe, mi sdraiai sul banco e continuai a piangere.

A poco a poco mi sono resa conto di essere stata abusata. Non potevo con le mie emozioni e con il mio corpo.

Ho ricordi molto vividi di alcuni abusi. Ricordo molto bene una volta che mi fece vedere come aveva violentato un’altra ragazza più piccola di me, nella cappella della scuola. Lì mi resi conto che questa bambina soffriva e che dovevo fare qualcosa per proteggerla.

In un’occasione, una maestra di scuola è entrata nel bagno e ha scoperto il gruppo di ragazze che piangevamo. Ci ha chiesto cosa non andava in noi, ma gli abbiamo detto che non potevamo dirglielo.

Ci ha chiesto di scrivere una lettera.

L’ho scritta, ma l’ho inviata alla mia insegnante, Lorena.

Oltre ai baci, ho potuto articolare che ci attirava tra le gambe .

Nella nostra mente infantile era difficile discernere che la Maestra Aurora era la sua complice e che ci portava con sé sapendo cosa ci stesse facendo.

Quindi le abbiamo detto cosa stesse succedendo. Ci ha detto che avrebbe risolto il problema, ma di non dirlo ai nostri genitori. Invece e’ proprio quello che abbiamo fatto.

Ho detto a mia madre e ho parlato con altre mamme delle ragazze che sapevo fossero state abusate.

Loro parlarono con Eloy Bedia Diez , che era il nuovo direttore territoriale dei legionari, era il giugno 1993.

Ora sappiamo che nel dicembre 1992 Ana Lucia Salazar, che era un anno più giovane di me, aveva detto ai suoi genitori che Martinez l’aveva abusata ripetutamente. È stata violentata da sola.

Quando parlarono con Martinez, disse loro che la ragazza “aveva frainteso tutto”.

Andarono anche da Bedia e dal vescovo Jorge Bernal, che non fecero nulla. Sicuramente pensavano che la lamentela di una ragazza singola non avrebbe causato loro problemi.

I suoi genitori la portarono via da scuola e tornarono a vivere a Monterrey.

Quando anche noi quattro lo abbiamo accusato, Bedia ha informato i genitori degli studenti che Martinez non era più a Cancun. Sappiamo che lo hanno portato fuori dal paese e lo hanno portato a Salamanca, in Spagna, e lo hanno messo in un noviziato, anche li’ in contatto con dei minori.

Bedia ha recentemente scritto che dopo l’incontro con le nostre mamme ha incontrato tutti i genitori della scuola.

Ciò che non specifica è che non ha invitato le madri delle vittime a quel secondo incontro. E ha raccontato loro una storia diversa . Disse loro che Martinez doveva lasciare il Messico a causa di un problema cardiaco e che lo avrebbero operato a Miami.

Con Martinez fuori dal paese, i miei genitori non potevano nemmeno denunciarlo legalmente .

“Marchiata e svergognata”

E attorno all’argomento si è formato un grande scandalo. Alcuni sapevano che Martinez se ne era andato per abuso sessuale. La gente si chiedeva chi fossero le ragazze che erano state violentate.

Sebbene non fossero attacchi diretti contro di me, li ho ascoltati parlare. Non sapevano che ero io, ma stavano parlando di me. Mi sentivo additata e mi vergognavo.

È ciò che fa la società: indica sempre le vittime e non il violentatore.

Alcuni addirittura difesero il prete dicendo che le accuse erano calunnie. “Come puoi dire qualcosa del genere di un padre così gentile e di una brava persona, che ha dato la prima comunione ai nostri figli”, hanno detto.

Non sappiamo quante vittime c’erano nella nostra scuola. Ma sicuramente il tuo rapporto non è all’altezza.

Riconosci solo coloro che li accusano pubblicamente. E dice che alcune altre accuse sono false.

Ad esempio, Martinez è stato accusato di abusi sessuali per la prima volta 50 anni fa, nel 1969 . Ed è stato in contatto con i bambini per molti anni.

Denunce pubbliche

L’anno scorso a maggio, è stata di nuovo Ana Lucia, che ora è una conduttrice radiofonica e televisiva, che ha iniziato a denunciare Fernando Martínez, ma ora pubblicamente.

È uscita su molti giornali parlando dei terribili abusi.

Quindi mi è sembrata molto coraggiosa, ma non ci sono riuscita.

A seguito delle sue denunce, nel novembre dello scorso anno, Martinez ha inviato una lettera ad Ana Lucia chiedendo perdono.

“Mi dispiace in ginocchio”

“Sono inorridito e voglio con questo breve messaggio fare appello al tuo cuore generoso e chiederti perdono in ginocchio. Nessuno tranne Dio e te puoi darmi la pace “, dice.

“So che il mio comportamento in quel momento non era degno del mio status di sacerdote che dovrebbe portare anime affidate a lui a Dio e specialmente nel caso di un educatore, di una persona con nuove responsabilità con le persone a lui affidate. No ho giustificazione e deploro cio’ che ho fatto “, continua.

Lì parla anche delle sanzioni che gli sono state imposte: non avere un ministero sacerdotale pubblico, non indossare una tonaca e mantenere una vita di preghiera.

Mi sembra che queste punizioni siano una risata per qualcuno che ha sistematicamente e ripetutamente abusato di bambini. Un predatore sessuale, un pedofilo confesso.

“Mostri del passato”

Quando ho iniziato a vedere Ana Lucia sui giornali, ricordavo il suo nome, ma non mi ricordavo di lei perché non eravamo della stessa classe.

Fu allora che un altro conoscente della scuola mi contattò. Mi disse che era stata violentata e voleva sapere se era anche il mio caso.

Sono rimasta scioccata. Mi sono resa conto che non eravamo le sole vittime quelle che conoscevo. Che c’era di più.

Quel giorno abbiamo finito per parlare di quattro vittime di Martinez. All’improvviso, ricordando gli abusi, tutti i mostri del passato tornarono. Non che abbia subito di nuovo il trauma, piuttosto l’ho vissuto di nuovo.

I legionari hanno risposto alle accuse dicendo che avrebbero fatto un’indagine speciale sugli abusi di Martinez.

Volevano dire che sono una legione rinnovata e trasparente e che sono preoccupati per le vittime. E hanno assunto una società americana per il controllo dei danni, chiamata Praesiduim.

Per il loro rapporto non hanno contattato Ana Lucia, hanno contattato solo uno dei nostri conoscenti. Ha dato loro le mie informazioni e ho accettato di vederli, ma sono andata con alcuni avvocati.

“Ricerche fatte a modo”

In cambio della mia testimonianza, ho chiesto loro di garantire che non l’avrebbero condivisa con i legionari in modo che ciò non influisse sul mio caso. Ma non mi hanno mai più contattato.

Di sei vittime con cui siamo in contatto, hanno intervistato una sola persona.

Quando ho visto quell’indagine, il mio sangue ribolliva perché si trattava di un’indagine condotta in un modo in cui tutti i crimini sono imputati al fondatore Marcial Maciel.

Maciel è l’unico da incolpare perché è già morto. Perché sappiamo tutti che era un criminale e nessuno si preoccupa di accusarlo di altri tre o cento reati.

Ma, ad esempio, sappiamo che l’attuale direttore generale dei legionari Eduardo Robles Gil, era a conoscenza degli abusi dal 2014 e non ha avviato un’indagine.

Dicono di aver provato a presentare una denuncia a Quintana Roo. Ma non rilasciano nemmeno un foglio della denuncia. Dicono che non ha proceduto perché era gia’ scattata la prescrizione. Ma sono trasparenti e vogliono collaborare con le autorità civili.

Nel rapporto chiedono scusa alle vittime. Quello che pensavo fosse il vomito. Perché non ci è mai importato davvero.

Quando il suo rapporto è venuto alla luce, i media lo hanno pubblicato ampiamente. Hanno parlato di una “indagine storica” e hanno dato la versione della legione, che presumibilmente si e’ rinnovata e sta cercando di servire le sue vittime.

Mi sembrava così grave che tutti lo applaudissero, che decisi di parlare pubblicamente per sostenere Ana Lucia.

“Il danno non va mai in prescrizione”

Vogliamo che i crimini sessuali contro i bambini non si prescrivano. Perché il danno non si prescrive mai: è ancora lì ed è permanente. Non puoi prevedere il periodo di tempo per riuscire a raccontare qualcosa di così terribile e così difficile persino a parlarne.

È un abuso che rompe lo sviluppo dell’infanzia e dei bambini.

Ora Martinez ha 80 anni e viene tenuto in una casa a Roma , scontando una punizione apparentemente dura per lui. Ma i suoi insabbiatori stanno dirigendo la legione.

Questa è la nostra lotta. Che non siano più responsabili di bambini che potrebbero essere loro vittime.

Hanno molte scuole private in Messico e in altre parti del mondo e sono una delle loro principali fonti di reddito. Quindi i genitori che mettono i loro figli lì, oltre a metterli in pericolo, stanno finanziando un’istituzione criminale.

I legionari furono fondati da un criminale, da un pedofilo. Se lo sai già e se la legione non ha fatto nulla contro coloro che hanno coperto quei crimini, allora come istituzione non ha motivo di esistere.

L’unica cosa che impedirà loro di commettere abusi sarà che li mettano in prigione.

“Da vittima a vittimizzatore”

Abbiamo anche appreso dal rapporto che il nostro stupratore era stato abusato da Marcial Maciel, il fondatore dei legionari.

È un brutto discorso, molti dicono che se sei una vittima diventi un abusatore. Ma per me è persino offensivo. Sono stata una vittima e non ho mai abusato di nessuno. Nessuno delle mie amiche lo ha fatto.

Non ho compassione per lui. Penso che lo abbiano reso pubblico solo per giustificarlo. Ma penso che sia il contrario. Che in cambio del suo silenzio, i legionari lo hanno protetto e coperto per 50 anni di abusi.

Nel 1997, nove ex legionari hanno inviato una lettera a Giovanni Paolo II denunciando Marcial Maciel di abusi sessuali e reso pubbliche le accuse. E Martínez non è tra questi.

Dei bambini non gli importa davvero nulla. Significano solo un business da cui ottenere denaro e per abusare.

Ma quegli abusi ti segnano per la vita. Per ogni vittima in modo diverso.

Ho lasciato quella scuola il prima possibile. E poi ho cambiato città e poi paese. Ho sempre cercato di mettere sempre più distanza, come se volessi scappare. Ho sempre cercato di iniziare una nuova vita in un altro posto dove nessuno mi conosceva.

Inoltre, ho concluso che il mio trauma non mi ha permesso di avere figli. Fisiologicamente sono sana. Ma ho un blocco. Mi spaventa pensare di avere una bambina che può essere violentata.

Capisco le vittime che non hanno parlato pubblicamente. Ognuno ha i suoi tempi, li elabora in modo diverso. Lo rispetto. Forse vogliono presentare una denuncia tra qualche anno. O forse non vorranno mai farlo. Anche questo è da rispettare. So che sono distrutti, perché lo sono anche io.

https://www.bbc.com/mundo/noticias-51306686?SThisFB&fbclid=IwAR3aoxC8bV7h38TJNHuS2pQh4ANClbLsguTk1JLIpTUbxy3Q6AGOosqFdk0

Annunci