Come la Chiesa cattolica e la lobby Boy Scout hanno lavorato per affrontare i casi di abuso sessuale

Le tecniche utilizzate per mitigare gravi accuse e frenare le normative che avrebbero potuto facilitare i procedimenti legali per le vittime

Due giornalisti del quotidiano USA Today hanno fatto luce sui dettagli di come la Chiesa cattolica e organizzazioni come Boy Scouts  d’America lavorano per ripudiare le leggi a favore dei bambini vittime di abusi sessuali da parte di queste istituzioni . In un’indagine approfondita, i giornalisti Marisa Kwiatkowski e John Kelly hanno indagato sulle tecniche utilizzate per mitigare le gravi accuse e sanzioni per l’abuso di minori negli ultimi anni. L’articolo affermava che qualsiasi parte del paese in cui venivano introdotte normative che avrebbero potuto facilitare procedimenti legali per gli accusatori, era stata sistematicamente seguita da un opposizione coordinata, comprese le compagnie assicurative.

Secondo l’indagine, la Chiesa ha centralizzato i suoi sforzi nel lavorare con le persone che ha già a sua disposizione: i credenti che vanno regolarmente a Messa e donano denaro alle loro parrocchie locali. La Chiesa cattolica americana, in quelli che sembrano essere spersonalizzati e attacchi locali, si è concentrata sull’enfatizzare il pericolo che tali leggi rappresentano per le loro finanze. Da parte loro, i sacerdoti hanno tenuto prediche sugli effetti negativi che un processo a causa di abusi sessuali può causare alla loro parrocchia, anche dicendo che questi giudizi rovinano l’opera di “Dio sulla terra”. In questo modo hanno cercato di minimizzare l’abuso che si è verificato concentrandosi sul discorso che “quel prete non appartiene più alla nostra comunità”.

Ma il rapporto va oltre. Spiega come, dal 2009, i legislatori statali di “entrambi i lati del palazzo hanno cercato almeno 200 volte di estendere le leggi civili delle prescrizioni per i casi di abusi sessuali su minori“. Tuttavia, i progetti di legge sono quasi sempre terminati con una sconfitta a causa del Lobby della chiesa in coordinamento con altre istituzioni

Apparentemente, la Chiesa cattolica non sarebbe sola in questo sforzo. Molti interessi, incluso il settore assicurativo, si oppongono agli sforzi per dare alle vittime più tempo per intentare causa.

Leggi e prescrizioni

Dopo la famosa indagine di un gruppo di giornalisti del Boston Globe che ha smascherato uno scandalo sulla pedofilia che la Chiesa cattolica del Massachusetts ha nascosto per anni , diverse leggi sulla prescrizione sono state presentate nelle legislature statali. Con la premessa che qualsiasi accusatore avrebbe un tempo limitato – di solito un anno – per presentare le proprie richieste, i progetti di legge hanno aperto per la prima volta la possibilità che le vittime che erano state abusate durante l’infanzia potessero presentare denunce contro la Chiesa o altre istituzioni.

L’ indagine del Globe , spiegano i giornalisti di USA Today , ha aiutato a cementare due nozioni: in primo luogo, che la chiesa è stata in grado di nascondere, in modo premeditato e coordinato, gli abusi sessuali che si sono verificati all’interno delle sue mura. E in secondo luogo, ha confermato ciò che molti già sapevano: potrebbe essere necessario troppo tempo perché i sopravvissuti alle prese con il trauma rendano pubblico il loro caso.

È molto difficile per le vittime di abusi in questi contesti religiosi raggiungere un accordo su come è possibile che Dio permetta che ciò accada a loro“, ha detto Marci Hamilton, CEO di CHILD USA e professore presso la facoltà di giurisprudenza dell’Università di Pennsylvania, al giornale americano. “Alcuni lo chiamano assassinio dell’anima. Non è solo la distruzione della vita di un bambino, ma in qualche modo è la distruzione dei meccanismi di sopravvivenza dei bambini attraverso la fede”.

Stati come la California e New York sono stati in grado di approvare queste leggi e sono state intentate migliaia di azioni legali. Solo nel primo, circa 850 casi legali sono stati presentati, in un anno, contro la Chiesa. Più di 300 azioni legali sono state anche intentate contro organizzazioni come i Boys Scout. Molte di queste azioni legali costano centinaia di milioni di dollari non solo per queste istituzioni, ma anche per le compagnie assicurative che le hanno protette da azioni legali. I danni sono stati condivisi e questo ha incoraggiato queste compagnie ad assumere i loro migliori avvocati per fare pressioni sulle capitali dello stato.

Sforzo coordinato

La parte più rilevante del rapporto è che spiega il coordinamento degli sforzi degli avvocati delle compagnie assicurative, dei parroci in tutto il paese e delle autorità del boy scout per frenare questo tipo di leggi. Facendo affidamento sui “valori familiari” delle persone che appartenevano alle loro istituzioni, la Chiesa e un’altra organizzazione fecero appello emotivamente al loro pubblico e attaccarono con tutto il loro potere contro le leggi di estensione della prescrizione congiuntamente .

I parroci sono stati incaricati dalle arcidiocesi di pianificare i loro sforzi contro le autorità locali, concentrandosi sui legislatori statali che potrebbero aiutarli a frenare le leggi. Concentrando i loro sermoni sui “tempi difficili che la Chiesa” ha vissuto con le accuse, lo scopo era duplice: convincere i legislatori che avrebbero perso le loro prossime elezioni se avessero sostenuto i progetti di leggechiedendo allo stesso tempo soldi ai loro pellegrini con cui potevano pagare le richieste milionarie.

Dozzine di legislatori si sono confrontati con le loro chiese nelle quali si recavano ogni domenica. Un delegato del Maryland, Eric Bromwell, sapeva che avrebbe dovuto affrontare una dura battaglia quando cercava di estendere le leggi delle prescrizioni civili nel suo stato, afferma il rapporto. La Conferenza cattolica del Maryland aveva espresso preoccupazione ancor prima di presentare il disegno di legge del 2008.

Bromwell ha detto ai giornalisti che i funzionari cattolici lo hanno avvertito che le diocesi sarebbero fallite attraverso la “finestra” che avrebbe permesso alle persone di fare causa per abusi passati. Gli hanno chiesto di rinunciare ai suoi sforzi o di smettere di andare a messa nella sua congregazione. “Molti di coloro che abusano sono morti“, ricorda di essere stato detto, e “alcune accuse erano così vecchie che non c’è modo in cui la chiesa possa difendersi.”

Utilizzando banche dati che confrontavano il linguaggio usato dai funzionari della chiesa in tutto il paese, USA Today ha identificato che questo era lo stesso argomento di cui la Chiesa cattolica ha approfittato più e più volte, a prescindere dal fatto che le cause fossero effettivamente per sacerdoti già deceduti o troppo vecchi per sfidarli. Era un argomento che ha funzionato: nel Maryland, in Pennsylvania, nel Rhode Island e in altri stati, i progetti di legge non hanno mai raggiunto il tavolo del governatore.

Inoltre, l’argomento è servito a galvanizzare il rifiuto popolare delle leggi che avrebbero esteso la prescrizione. Gli oppositori in California e Maryland, per esempio, non erano d’accordo con il modo in cui le loro leggi statali trattavano le istituzioni pubbliche rispetto a quelle private. Le persone in Maryland, Wisconsin e Rhode Island hanno cercato di distinguere tra presente e passato, evidenziando i controlli sui precedenti penali che le loro organizzazioni ora conducono.

Il movimento di opposizione a queste leggi divenne popolare in tutto il paese. La Chiesa, i Boys Scout e persino le compagnie assicurative fingevano di essere vittime di questo processo legale con lo stesso discorso e, in molti casi, erano supportati da sentimenti popolari che li sostenevano.

Nuovi casi e pagamenti a New York

Tuttavia, hanno spesso perso la battaglia legale e le leggi sono state approvate, permettendo alle vere vittime di abusi sistematici di presentare le loro richieste.

Mercoledì, per esempio, l’arcidiocesi di New York ha dovuto pagare USD $ 67 milioni a 338 vittime di abusi sessuali nei casi in cui ci sono stati sacerdoti o personale ecclesiastico coinvolti, ha detto Lunedi l’ex giudice Barbara Jones, che ha condotto una revisione contabile fuori dalla chiesa di New York

Ad agosto, le autorità di New York hanno aperto una finestra legale di 12 mesi, in base alla quale le vittime di abusi sessuali possono denunciare i loro stupratori indipendentemente dalla data in cui si è verificato il crimine. L’istituzione di questo periodo di grazia, facilitato dalla Legge sulle vittime minorenni, ha costretto la Chiesa cattolica e altre istituzioni, come gli Yeshiva – scuole ebraiche – o Boy Scout, a prepararsi per una valanga di lamentele.

Lo stesso giorno in cui si è aperta la “finestra”, lo studio legale Jeff Anderson & Associates ha presentato 250 denunce di abusi sessuali contro la Chiesa di New York.

In questo senso, l’arcivescovo di New York, Timothy Dolan, ha dichiarato oggi in una conferenza stampa che la chiesa non è ancora “consapevole” dell’impatto finanziario che queste denunce possono avere. Nelle sue conclusioni, l’ex giudice ha sottolineato che la stragrande maggioranza dei casi di abuso sessuale sono stati registrati prima del 2000, in particolare tra gli anni ’60 e ’80 del secolo scorso.

Gli autori del rapporto affermano che dal 2009 i legislatori di 38 stati hanno presentato tali progetti di legge, secondo un’analisi degli USA OGGI, e il tasso di successo è aumentato. Dei 29 stati che hanno adottato tali leggi, 11 lo hanno fatto per la prima volta quest’anno.

Dieci stati non hanno più uno statuto civile di prescrizione e 16 stati hanno ripristinato le leggi scadute, secondo CHILD USA, che tiene traccia di tale legislazione ogni giorno.

https://www.infobae.com/america/eeuu/2019/10/03/como-funciono-el-lobby-de-la-iglesia-catolica-y-los-boy-scouts-para-enfrentar-los-casos-de-abuso-sexual/?fbclid=IwAR12GNx97ZOVK-WKWtzOKUjwbPRWcrStswfawl7lAPuXe6mvPzO-_2R5Uvk

(traduzione con Google)

Annunci