‘Sono demoniaci’: parlano le vittime sorde dei preti pedofili argentini

La testimonianza delle vittime scuote il processo contro i sacerdoti cattolici di Mendoza accusati di abuso sessuale.

Ezequiel Villalonga ha trascorso gran parte della sua vita presso l’Istituto Provolo di Mendoza, una scuola cattolica per bambini non udenti. Ma ora il diciottenne, che è sordo e muto, ha perso ogni fiducia nella Chiesa.

Lui e i suoi compagni di classe affermano di essere vittime dei preti pedofili che gestivano l’istituzione, parte di uno scandalo radicale che ha scosso l’Argentina, la patria di papa Francesco.

“Penso che tutto nella Chiesa sia falso. Tutto ciò che ci hanno fatto leggere, recitare, come (hanno detto) le persone dovrebbero vivere”, ha detto in lingua dei segni, poco prima dell’inizio del processo dei sacerdoti lunedì.

“Penso che mentano e che siano demoniaci”, ha aggiunto.

Ezequiel imparò la lingua dei segni solo da adulto, perché nonostante la missione specializzata dell’Istituto, la scuola situata ai piedi delle Ande non gli insegnò come parlare.

Aveva solo sette mesi quando sua madre si rese conto che era sordo. Quando Ezequiel aveva quattro anni, lo mandò al Provolo, che fu fondato nel 1995, 621 miglia (1.000 chilometri) a ovest di Buenos Aires.

Fino a quando Ezequiel aveva 16 anni, quando finalmente lo scandalo scoppiò, trascorse le sue giornate all’interno del massiccio edificio con un tetto verde. Una volta dentro i suoi muri di mattoni rossi, gli era permesso di tornare a casa solo nei fine settimana.

“La vita lì è stata terribile. Non abbiamo imparato nulla, non potevamo parlarci perché non conoscevamo la lingua dei segni”, ha detto.

“Scrivevamo senza sapere cosa dicesse, e quando chiedevamo ad altri compagni di classe, nessuno capiva nulla”, ha aggiunto, parlando al quartier generale della ONG Xumek (che significa “sole” nella lingua indigena di Huarpe), che gli ha fornito con un avvocato.

Le sue testimonianze, e quelle di altre 20 vittime, sono al centro di un processo per i sacerdoti Nicola Corradi, 83 anni, e Horacio Corbacho, 59 anni, nonché l’ex giardiniere della scuola Armando Gomez, 49 anni.

“Voglio che vadano tutti in prigione. Corbacho, Corradi e Gomez, in modo che possiamo risolverlo”, ha detto Ezequiel.

Corradi arrivò in Argentina nel 1970 dall’Istituto Provolo originale di Verona – che è stato anche scosso da uno scandalo della pedofilia negli ultimi anni – per gestire il Provolo a La Plata.

Nel 1998, si trasferì a soli 42 miglia a nord di Mendoza, dove lavorò come capo dell’Istituto fino al suo arresto nel novembre 2016.

L’ex chierichetto Jorge Bordon, che ora ha 50 anni, è stato condannato l’anno scorso a 10 anni di prigione come parte dell’affare, dopo aver ammesso di aver abusato di cinque vittime. Quindici altri sono anche accusati e saranno giudicati nel corso di altre due prove.

“Come hanno potuto?” 

Paola Gonzalez si è interrotta ricordando il momento in cui ha appreso che sua figlia Milagros, che ora ha 16 anni, era stata maltrattata mentre frequentava l’Istituto.

Prima dello scandalo, la scuola libera era stata considerata piuttosto prestigiosa.

“Avresti dovuto vedere il suo corpicino quando entrò (nel Provolo). Era così piccola”, ha detto Gonzalez, seduto nella sua casa a Mendoza.

“Non capisco, non riesco a immaginare un tale male. Come hanno potuto fare così tanto male a una creatura così fragile?” chiese lei.

Quando le prime testimonianze delle vittime furono rese pubbliche, Gonzalez chiese a sua figlia se fosse stata maltrattata al Provolo.

“Era seduta proprio lì”, ha detto la donna delle pulizie, indicando il punto in cui sua figlia “ha mimato che le avevano sbottonato (vestiti) e tirato giù i pantaloni.”

“Poi ha guardato di nuovo in basso”, ha ricordato Gonzalez, che afferma di aver trasformato il suo “dolore in combattimento”.

“È una grande vittoria che ci sia una prova”, ha aggiunto.

“Non ci sono abbastanza parole per entrare in empatia con l’orrore che hanno vissuto e che li ha feriti così tanto”, ha detto mons. Alberto Bochatey, vescovo ausiliare di La Plata.

“Dobbiamo chiedere perdono e cercare di guarire il meglio che possiamo, senza odio.”

Nel luglio 2017, Papa Francesco ha nominato Bochatey Commissario Apostolico per esaminare la Compagnia di Maria, il gruppo che gestisce gli istituti di Provolo.

“Quando sono stato nominato, la prima cosa che ho fatto è stato cercare di avvicinare le vittime e chiedere loro perdono, e mi hanno mandato a fare i bagagli”, ha detto Bochatey.

“Fino ad oggi, non sono stato in grado di farlo”, ha detto, aggiungendo che è “molto felice che il processo sia iniziato.”

– AFP

https://www.batimes.com.ar/news/argentina/theyre-demonic-the-deaf-victims-of-argentinas-pedophile-priests-speak-out.phtml

Advertisements