Giudizio per abuso in Paraná Un sacerdote che ha denunciato Ilarraz parla: “Molti preti e vescovi sono sporchi”

Nel 2010, José Dumoulin ha inviato una lettera ai suoi superiori. Stanco di non essere ascoltato, nel 2015 ha lasciato le abitudini. Il lunedì dichiara

Per liberarsi di vent’anni di vocazione è stato difficile per José Dumoulin. Ma non ne dubitava. Come sacerdote, avevo cercato di combattere all’interno della Chiesa contro gli abusi . Aveva ricevuto le testimonianze delle vittime in prima persona contro il sacerdote Justo José Ilarraz. Da allora, a metà 2010, ha gestito le presentazioni alla ricerca di risposte gerarchiche che non sono mai arrivate. “La storia inizia con delusione, con questo numero di Ilarraz”, inizia il discorso con Clarín, l’ex prete che lunedì può ulteriormente complicare la situazione di Ilarraz dopo la sua dichiarazione. “La Chiesa continua a nascondersi perché molti sacerdoti e vescovi sono sporchi e sono impegnati in questi problemi criminali “, critica uno dei principali promotori del caso Ilarraz.

Guarda anche : Mendoza Al menos 34 chicos fueron víctimas del médico anestesista que los abusaba y filmaba

“Ci sono stati molti colpi di scena, il mio rapporto con il vescovo (Maulión) è stato teso, ho sentito che altri preti mi hanno fatto un vuoto . E quello indossava tutto fino al 2015, quando finalmente me ne sono andato. È stata una domanda difficile da prendere “, aggiunge l’ex prete, che nel bel mezzo delle presentazioni interne è stato trasferito a Villaguay, dove ha finalmente lasciato le sue abitudini.

Già nel settembre del 2010, un gruppo di otto sacerdoti, tra cui Dumoulin, ha annunciato l’arcivescovo di Paraná, al momento, Mario Luis Bautista Maulión una dichiarazione scritta che delinea il loro “grande preoccupazione abusi da parte di sacerdoti dei minori affidati il suo ministero (…) in particolare la crescente consapevolezza che un caso sta avendo nella nostra parrocchia, Padre Justo José Ilarraz “, dice la lettera alla quale Clarin ha avuto accesso.

foto jose almeida
comienzo del juicio al cura justo ilarraz acusado de corrupcion de menores seminaristas entre 1985 – 1993
parana 16-04-2018

“All’epoca, con il cambio di Vescovo – arrivò Puiggari (la corrente) e andò Maulion – fu avvertito prima che prendesse il comando per darci una pronta soluzione. Ha superato il 2011, il 2012 senza risposta. Ma in quel momento è venuto per intervistare le vittime per manipolarle … Ilarraz era ancora un prete che era ciò che nessuna vittima voleva “, spiega.

– Potresti fare di più dall’interno o dall’esterno, ora, accompagnando le vittime?

– Senza dubbio che il mio impegno con le vittime avrebbe continuato a stare dentro e fuori. Forse da dentro si può fare altri accordi, ma l’usura era enorme e il cambiamento è non andare a dare a causa degli atteggiamenti e modi di procedere con il vescovo e sacerdote, che avevano una posizione definita e oggi ancora mantenere. Essi non agiscono come dovrebbero fare . Quindi è molto difficile dall’interno dare una rissa quando qualcuno si chiude e non vuole vedere dove sta andando la cosa. Ecco perché la mia decisione di continuare all’esterno, di accompagnare le vittime affinché la giustizia sia fatta, è proseguita con la stessa intensità e impegno.

-Perché la chiesa nasconde questo tipo di caso?

– La Chiesa si nasconde per paura che il popolo cambi la posizione che ha nei confronti della Chiesa, che lo ha benissimo catalogato dalle domande morali. Se questo tipo di caso viene alla luce, è come un contro-messaggio , ha paura dello scandalo e di una ripercussione negativa e che i fedeli si allontanano. La paura di mostrare una chiesa così com’è. D’altra parte, molti sacerdoti e vescovi sono sporchi e impegnati in questi problemi criminali, riconoscerli sarebbe esposto.

-Non noti una svolta riguardo a questo problema nell’ultima volta?

– Rimane nel livello del discorso, non c’è una vera svolta nella parte della chiesa , credo che il problema del marketing sia ancora mantenuto ma non delle azioni reali. In Cile, il Papa ha riconosciuto di essere stato scambiato per un’informazione non reale, quindi ha emesso un giudizio affrettato senza fondamento, ma non vi è alcun fatto concreto che dimostri che l’atteggiamento è cambiato. Restiamo nel discorsivo, nel piano della riflessione teologica e rimaniamo distanti dalla realtà. Finché non arrivano in prima linea e testimoniano e portano in tribunale altri casi, non vi è alcun cambiamento decisivo.

foto jose almeida
segundo dia del juicio al cura justo ilarraz acusado de corrupcion de menores seminaristas entre 1985 – 1993
parana 16-04-2018
seminario nuestra señora del oraculo – lugar donde acontecieron los hechos denunciados

José dichiara questo lunedì. Lo faranno anche altri cinque preti attivi. ” Si spera di essere sinceri, di non essere manipolati . Ma ho il sospetto che sarà dichiarazioni superficiali perché alcuni di loro ha dichiarato nel l’indagine interna che ha avuto luogo nella chiesa di 95, e c’è a quanto pare avrebbe detto di essere vittime , ma in nessun momento dichiarate come tali , come hanno perso la memoria. “

Come prosegue il processo

Tra i cinque sacerdoti che devono dichiarare questo lunedì, c’è una testimonianza che è una delle più attese dalla denuncia. È il caso del prete Diego Ariel Rausch, fratello di una delle vittime che ha denunciato Ilarraz. Il denunciante ha rilasciato una dichiarazione lunedì, all’inizio del processo contro il sacerdote Ilarraz per le accuse di abusi verificatisi tra il 1985 e il 1993.

“Tutti i sacerdoti che testimoniano hanno la possibilità di essere onesti e raccontare le proprie esperienze, ma anche di essere onesti con le vittime”, ha spiegato una fonte del caso a Clarín . Nei prossimi giorni le dichiarazioni saranno prese fino a giovedì, e altri ex-sacerdoti e testimoni passeranno attraverso i tribunali del Paraná.

Il cardinale Karlic è in procinto di testimoniare il 9 maggio. Ma a causa della sua età avanzata (92 anni) ha chiesto di non comparire davanti alle Corti, per cui il giudice Alicia Vivian, ha deciso – su richiesta del reclamo – a favore di poter andare a prendere una dichiarazione al Seminario, dove risiede. Fu anche deciso che un medico legale e uno psicologo vedessero a quali condizioni Mario Luis Maulión, arcivescovo emerito di Paraná, ricoverato per qualche tempo a Rosario. Da parte sua, l’attuale vescovo di Paraná, Juan Alberto Puiggari, sarà in grado di utilizzare i privilegi e presentare un documento. Va notato che al momento degli episodi che sono stati processati, Puiggari era Prefetto del Seminario maggiore di Paraná.

La difesa di Ilarraz ha annunciato che l’ex sacerdote progetta di testimoniare durante il processo – non ha ancora una data – e ha anche lasciato aperta la possibilità di chiedere di essere confrontato con alcune delle vittime.

Paraná. Inviato speciale

https://www.clarin.com/sociedad/cura-denuncio-abusos-ilarraz_0_ryrQlPcnG.html

Advertisements