Pedofilia, il cardinale Pell condannato a 6 anni. Colpevole di “crimini efferati”

Il prelato, ex numero 3 della gerarchia vaticana, dovrà restare in carcere almeno 3 anni e 8 mesi

Il cardinale australiano George Pell è stato condannato a sei anni di carcere per gli abusi su due ragazzi del coro alla cattedrale di St. Patrick’s Cathedral, a Melbourne, perpetrati negli anni ’90. Dopo il verdetto di colpevolezza, è arrivata una sentenza relativamente mite per il 77enne ex ministro dell’Economia vaticano, che rischiava fino a 50 anni.

Il cardinale Pell, numero 3 nella gerarchia vaticana e religioso di grado più alto nella gerarchia cattolica ad essere condannato per pedofilia, dovrà scontare almeno tre anni e otto mesi prima di poter chiedere un’eventuale libertà condizionale.

La sentenza su Pell: “Condotta permeata di sconcertante arroganza”

“La sua condotta per crimini efferati è stata permeata di una sconcertante arroganza”, ha affermato nella sentenza il giudice della contea di Victoria, Peter Kidd, “considero la colpevolezza morale in entrambi i casi molto alta”.

“Gli atti erano sessualmente evidenti, entrambe le vittime erano visibilmente e udibilmente angosciati durate le molestie. Vi è stato un ulteriore livello di umiliazione che ciascuna delle tue vittime deve aver provato nel sapere che l’abuso avveniva in presenza altrui”.

Pell sarà registrato a vita come un criminale sessuale. Il cardinale, che è stato sospeso dal Papa, si è sempre dichiarato innocente e ha già presentato appello. Il nuovo processo si aprirà all’inizio di giugno.

https://www.repubblica.it/esteri/2019/03/13/news/pedofilia_il_cardinale_pell_condannato_a_6_anni_colpevole_di_crimini_efferati_-221404756/?ref=fbpr

Annunci