Una nuova indagine per Lucio Gatti, l’ex sacerdote e direttore Caritas

Accuse di molestie, l’avvocato della parte offesa si oppone all’archiviazione

Piovono nuove accuse di violenza a sfondo sessuale su Lucio Gatti, l’ex sacerdote e direttore della Caritas che ha già subito un processo finito con un patteggiamento nel gennaio 2014 (due anni con sospensione della pena.

Il pm Annamaria Greco, in base a una denuncia presentata nell’ottobre 2017 da uno straniero che oggi ha 27 anni ha chiesto l’archiviazione, ma l’avvocato della parte offesa si oppone all’archiviazione.

Questo nuovo episodio è avvenuto durante la sua permanenza in un centro Caritas di San Fatucchio e “ in più occasioni – è riportato nella denuncia – fu portato nella parrocchia Cenerente per effettuare lavori di pulizia. Una sera il prete si sarebbe coricato nudo nel suo letto.

Successivamente ha anche denunciato violenza sessuale da parte di un altro residente, un ragazzo di origine marocchina agli arresti domiciliari, che lo avrebbe costretto a rapporti sessuali completi.

Gatti è stato interrogato 2 anni fa ed ha negato i fatti.

Per il Pm il lungo periodo intercorso dai fatti rispetto alla denuncia “non ha permesso di trovare riscontri nel ricordo delle persone individuate come potenzialmente informare sui fatti”.

http://www.quotidianodellumbria.it/quotidiano/perugia/lucio-gatti/una-nuova-indagine-lucio-gatti-lex-sacerdote-e-direttore-caritas

Advertisements