Papa Francesco risponde al rapporto McCarrick con il voto di porre fine agli abusi sessuali

ROMA – Papa Francesco ha promesso mercoledì di “sradicare” il male degli abusi sessuali dalla Chiesa cattolica, un giorno dopo un’indagine sul caso dell’ex cardinale Theodore McCarrick che ha continuato a fallire nel suo pontificato.

Il rapporto di 449 pagine del Vaticano si è concentrato principalmente sugli anni critici per l’ascesa di McCarrick, quando Papa Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo di Washington nonostante fosse stato avvertito della sua cattiva condotta sessuale.

Ma il rapporto ha anche rivelato come i luogotenenti vicini a Francesco abbiano mostrato scarso interesse a seguire gli indizi sulla cattiva condotta di McCarrick. Quando hanno informato il papa, hanno ignorato le accuse, descrivendole come qualcosa di “pettegolezzo” o risolto.

Nella sua trasparenza, il rapporto è un momento rivoluzionario nel papato di Francesco, documentando l’impunità e l’insabbiamento con il tipo di dettagli che i sostenitori e le vittime di abusi chiedevano da tempo. Ma il rapporto confonde anche il quadro per i cattolici di quanto efficacemente Francesco ei suoi consiglieri possano rispondere al flagello più ampio.

I risultati del rapporto hanno rafforzato le divisioni ideologiche all’interno della chiesa. Alcuni conservatori anti-Francesco lamentano che il documento minimizza la sua colpevolezza. Coloro che generalmente sostengono Francesco dicono che il pontefice ha il merito di aver autorizzato l’indagine due anni fa, e che il rapporto era corretto per puntare i riflettori sui pontificati di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, quando McCarrick stava scalando i ranghi della chiesa.

Quando Francesco è diventato papa, nel 2013, McCarrick si era ritirato da arcivescovo di Washington sotto pressioni segrete, ma conservava un alto profilo come diplomatico della chiesa auto-nominato. Francesco è descritto nel rapporto mentre si muove contro McCarrick – e alla fine, lo scoraggia – una volta che è venuta alla luce la prima accusa credibile di abuso contro un minore, al contrario di un sacerdote o di un seminarista.

Prima di allora, dice il rapporto, Francis “non è mai stato informato da nessuno che McCarrick aveva abusato o aggredito sessualmente qualcuno, indipendentemente dall’età”.

In due occasioni – nel 2013 e di nuovo tra il 2014 e il 2016 – l’allora arcivescovo Angelo Becciu ha riferito a Francesco di “vecchie accuse” relative a McCarrick. Francis, che è stato intervistato dagli investigatori della chiesa, ha ricordato di aver sentito da Becciu che “era ‘qualcosa del lontano passato’ che era stato ‘pettegolato”. “

Secondo il rapporto, Francis presumeva che qualsiasi accusa contro McCarrick dovesse essere infondata, perché Giovanni Paolo II era così “moralmente severo” che non avrebbe altrimenti promosso McCarrick a Washington.

Sempre nel 2016, il cardinale Pietro Parolin – segretario di stato vaticano – disse a Francesco che McCarrick era “spettegolato” riguardo alla passata condotta scorretta con gli adulti e che l’organizzazione vaticana che sovrintendeva i vescovi, sotto Benedetto XVI, aveva chiesto a McCarrick di condurre una vita più riservata .

“Forse McCarrick potrebbe ancora fare qualcosa di utile”, ha detto Parolin ricordava Francis allora, secondo il rapporto.

Kathleen Sprows Cummings, direttrice del Cushwa Center for the Study of American Catholicism presso l’Università di Notre Dame, ha affermato che l’assunto di Francesco secondo cui i suoi predecessori avevano affrontato la questione “è il cuore del problema”.

“I cattolici hanno questa fiducia che i responsabili abbiano fatto il loro lavoro”, ha detto. “Nessuno l’ha fatto.”

Uno dei luogotenenti più fidati di Francesco, il cardinale Marc Ouellet del Canada, anni prima aveva ricevuto avvertimenti espliciti su McCarrick, inclusa una lettera che descriveva McCarrick come un “predatore sessuale”. Ouellet è stato anche avvertito dall’allora ambasciatore del Vaticano negli Stati Uniti, Carlo Maria Viganò, che c’erano numerose accuse contro McCarrick. Ma Viganò, secondo il rapporto, non ha approfondito le accuse quando Ouellet ha chiesto. E Ouellet sembrava non approfondire ulteriormente la questione e ha ritenuto che non valesse la pena portarlo a Francis, perché era “incompleto”.

“Qualsiasi cosa che coinvolga un minore sarebbe molto grave”, ha detto Ouellet agli investigatori. “Ma non avevamo niente del genere che io ricordi. Se pensassi che ha un passato che potrebbe riguardare un minore, ovviamente lo direi [al Papa]. Renderebbe il livello di importanza completamente diverso. “

Ouellet non ha risposto mercoledì a un’e-mail in cerca di commenti.

Francesco Zanardi, un italiano sopravvissuto ad abusi e presidente di Rete L’ABUSO, ha affermato che “l’abuso sessuale e l’abuso di potere coesistono”.

Francesco, secondo la maggior parte degli osservatori vaticani, è arrivato ad apprezzare la gravità degli abusi da parte di chierici affermati contro i giovani adulti, e l’anno scorso ha menzionato specificamente gli adulti quando ha emesso un nuovo decreto della chiesa che richiede a sacerdoti e suore di denunciare gli abusi ai loro superiori .

Ma alcuni dicono che la chiesa sotto Francesco abbia lottato su altri fronti, anche dopo che il papa l’anno scorso ha convocato vescovi da tutto il mondo per discutere della crisi degli abusi e ha promesso una maggiore trasparenza .

Massimo Faggioli, professore di teologia e studi religiosi all’Università di Villanova, ha osservato che i vescovi vengono valutati e presi in considerazione per promozioni a porte chiuse. E quando vengono rimossi dal loro lavoro per sospetto di abuso sessuale, il Vaticano prende atto della transazione ma non fornisce una motivazione.

Il caso di McCarrick era di alto profilo e ha ricevuto un trattamento speciale, ha detto Faggioli. “Ma quanti vescovi in ​​questi ultimi 7 anni e mezzo sono stati tranquillamente licenziati dal Vaticano?”

https://www.washingtonpost.com/world/pope-francis-mccarrick-report/2020/11/11/fdcf3ffc-2421-11eb-9c4a-0dc6242c4814_story.html
close