Il vescovo sapeva degli abusi?

La diocesi di Friborgo ha sospeso un sacerdote accusato di molestie su dei minorenni. La polizia indaga, e lo scandalo si allarga

FRIBORGO – La diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo ha trasmesso lo scorso lunedì alla polizia cantonale vodese nuove informazioni relative ad accuse di abusi sessuali che riguardano il parroco della cattedrale di Friborgo. Secondo la presunta vittima, un uomo oggi 39enne, i fatti sono avvenuti nel 1998 a Torgon (VS), quando aveva 17 anni. Le nuove rivelazioni provengono dall’inchiesta canonica preliminare che riguardano un altro caso di violenze di ordine sessuale del religioso, commesse nei confronti di un prete tra il 2008 e il 2011.

Rundschau, trasmissione della televisione della Svizzera tedesca SRF, ha diffuso questa sera la testimonianza del 39enne. Oggi in un articolo del Tages-Anzeiger, questi aveva già sostenuto che il sacerdote «ha abusato della mia intimità e della mia fiducia. Avevo l’impressione di essere stato violentato».

Il quotidiano zurighese indica che il vescovo della diocesi di Losanna, Ginevra e Friborgo, Charles Morerod, era a conoscenza della vicenda nel 2011. La commissione delle vittime in Svizzera occidentale gli avrebbe consegnato un dossier sull’argomento. Contattato dall’agenzia Keystone-ATS, la responsabile della comunicazione della diocesi ha negato categoricamente.

Interrogato in prima serata dalla radio romanda RTS, Morerod conferma. «Non so di cosa si parli quando si dice che sia stato informato nel 2011 (ossia prima della nomina del parroco alla cattedrale di Friborgo nel 2012). Abbiamo ancora una volta ben verificato tutti i dossier che mi sono stati trasmessi. Non ce ne sono che riguardano» il sacerdote friborghese. Il vescovo ha aggiunto di aver appreso che qualcosa era accaduto solo nel 2016, quando il prete gli ha comunicato «di aver avuto una storia con un uomo adulto». Monsignor Morerod sottolinea di non aver assolutamente saputo che l’uomo in questione in realtà era minorenne.

Dopo aver preso atto dei nuovi elementi, la diocesi ha deciso di trasmetterli alla polizia cantonale vodese. Quest’ultima si occuperà di verificare la veridicità dei fatti.

Ieri, Morerod ha deciso di allontanare il sacerdote sotto accusa dal suo ministero, almeno fino al chiarimento degli addebiti. Una prima denuncia per abusi era stata depositata a fine dicembre 2019. Un prete di origini africane attivo a Peseux (NE) aveva accusato l’omologo friborghese di averlo molestato sessualmente tra il 2008 e il 2011, a Vevey (VD). Anche in questo caso – dopo un articolo del Tages-Anzeiger – la diocesi aveva trasmesso le informazioni alla polizia cantonale vodese. Nessuna inchiesta era stata aperta. Dal canto suo il parroco della cattedrale, ora sospeso, ha respinto le accuse.

Sempre a fine dicembre, Morerod aveva ordinato l’avvio di un’inchiesta ecclesiastica preliminare nei confronti del sacerdote friborghese. L’aveva affidata a un avvocato ginevrino, non cattolico, affinché fosse più libero nello svolgere il suo lavoro. Proprio da questa indagine è emerso il secondo caso risalente a oltre 20 anni fa.

https://www.tio.ch/svizzera/attualita/1417834/il-vescovo-sapeva-degli-abusi

Annunci