Vittime di abuso da parte del clero si incontrano lunedì a Roma con l’Ambasciatore Argentino Rogelio Francisco Emilio Pfirter presso la Santa Sede

L’ Incontro anticipa le azioni e proteste che si terranno questa settimana a Buenos Aires e a Mendoza in Argentina

I gruppi chiedono che Papa Francesco visiti il suo paese d’origine e risolva la crescente crisi di abusi da parte del clero in Argentina, e promuova la “vera” Tolleranza Zero dichiarata.

I gruppi concordano che il Concordato pontificio con l’Argentina deve essere modificato per quel che riguarda i casi di crimini sessuali su minori.

All’Onorevole Rogelio Francisco Emilio Pfirter

Link to full text of ECA’s letter to Ambassador Pfirter

Link to schedule of media events and protests in Argentina, May 2-6

29 APRILE, ROMA, ITALIA – Francesco Zanardi e Simone Padovani, rappresentanti di Ending Clergy Abuse (ECA), una rete globale di vittime di abusi da parte del clero, attivisti e organizzazioni, si incontrano lunedì mattina con l’ambasciatore argentino presso la Santa Sede, Rogelio Francisco Emilio Pfirter. L’incontro si svolge a Roma. Si svolge in anticipo di una settimana rispetto alle azioni e proteste che si svolgeranno in Argentina con lo scopo di invitare Papa Francesco a visitare il suo paese d’origine e affrontare la crescente crisi di abusi sessuali. I sopravvissuti vogliono che il Papa promuova la “vera tolleranza zero” in Argentina per gli abusi sessuali da parte dei sacerdoti e l’insabbiamento dei vescovi.

I vescovi argentini, che saranno a Roma nelle prossime tre settimane di incontro con il Papa, hanno anche chiesto che Francesco vada in Argentina. Papa Francesco non è mai tornato in patria durante i sei anni del suo pontificato.

I rappresentanti della Corte che parteciperanno all’incontro saranno guidati da Francesco Zanardi, presidente della più antica e più grande organizzazione italiana di sopravvissuti, Rete L’ABUSO, e da Simone Padovani. Consegneranno una lettera da parte della rete globale invitando l’Ambasciatore Pfifter a:

– Guidare immediatamente i vescovi e i superiori religiosi argentini per attuare la vera tolleranza zero nelle politiche e nelle pratiche;

– Avviare indagini su vescovi argentini in attività che hanno protetto i preti predatori;

– Modificare il Concordato del 1966 tra la Santa Sede e l’Argentina in modo che i vescovi non possano più invocarlo per non divulgare informazioni sui reati sessuali su minori da parte da parte delle autorità civili.

La lettera è co-firmata da un eminente leader dei sopravvissuti in Argentina, Julieta Anazco (Iglesia sin Abuso)

CONTATTI:

Peter Isely, membro fondatore della ECA

Email: peterisely@gmail.com

Tel: +1414.429.7259

Tim Law, Presidente ECA USA / ECA Board Member

Email: timalaw@aol.com

Tel: +1206.412.0165

Julieta Anazco, fondatrice di Iglesia sin Abuso

Email: almadediamante1972@hotmail.com

Tel: +54 9 221 6743793 (Argentina)

Francesco Zanardi, membro fondatore della ECA

Email: portavoce@retelabuso.org

Tel: +39 3927030000 (Italia)

Simone Padovani, membro fondatore della ECA

Email: simon.padovani@gmail.com

Tel: +39 3921454211 (Italia)

Survivors of clergy abuse to meet Monday in Rome with Argentine Ambassador to the Holy See.

Advertisements