Con il tanto decantato “nuovo” decreto papale oggi, non esiste ancora alcuna tolleranza zero per i crimini sessuali su minori commessi dal clero anche nella Città del Vaticano

DI: Peter Isely, (portavoce degli Stati Uniti / membro fondatore della ECA)

29 marzo 2019. Oggi Papa Francesco ha messo in atto il diritto ecclesiastico per il piccolo territorio dello Stato del Vaticano che i funzionari vaticani reclamizzano come il più “avanzato pensiero internazionale sulla questione” di denunciare, perseguire e prevenire crimini sessuali su minori e sanzioni per il fallimento nelle segnalazioni di quei crimini. Anche se queste modifiche si applicano solo a diverse centinaia di cittadini dello stato del Vaticano e diplomatici papali, i cambiamenti sono stati salutati dal Vaticano come “il modello” per i vescovi da seguire in tutto il mondo.

È spaventoso che la nuova legge per lo stato del Vaticano non stabilisca nemmeno la vera tolleranza zero per i crimini sessuali su minori. La tolleranza zero è semplice e chiara. Chiunque sia stato dichiarato colpevole di aver violentato o sessualmente aggredito un bambino, indipendentemente da quando si è verificato il crimine, viene immediatamente rimosso dal ministero e dal sacerdozio. Ad esempio, questa è la legge della chiesa negli Stati Uniti. La “versione” di Papa Francesco della tolleranza zero non si avvicina nemmeno al raggiungimento di questo standard. Se i vescovi di tutto il mondo seguissero il modello presentato oggi da Papa Francesco, la stragrande maggioranza dei criminali sessuali di minorenni rimarrebbero nel ministero, non dovrebbero essere denunciati alle autorità civili e resterebbero non identificati al pubblico.

Perché? Perché la nuova legge per lo stato del Vaticano non elimina la legge sulle limitazioni dei diritti dei minori in materia di diritto canonico. Anche se si estende lo statuto fino a quando la vittima raggiunge l’età di 38 anni, consente alla stragrande maggioranza di religiosi credibilmente accusati che hanno violentato o aggredito i bambini di rimanere nel ministero. Come ben sanno i funzionari ecclesiastici, la maggior parte di questi crimini non viene denunciata fino a quando la vittima non è in età adulta, con studi che dimostrano che l’età media delle vittime che si sono fatte avanti ha superato i 38 anni.

Le leggi che Francesco sta attuando per lo stato del Vaticano non sono, in effetti, tolleranza zero e rappresentano un modello che permetterebbe a decine di preti, con storie conosciute, di abusare di bambini di rimanere nel ministero, trasferiti a nuovi incarichi e non punire o ritenere responsabili vescovi che coprono per loro.

Altrettanto stupefacente, quando sembra che un sacerdote sia credibilmente accusato di aver stuprato un bambino, gli è permesso di rimanere nel ministero e non identificato al pubblico fino al completamento del processo giudiziario vaticano, un meccanismo complicato e confusionario sconosciuto per velocità, trasparenza, responsabilità e imparzialità.

Inoltre, anche quando è dichiarato colpevole di aver commesso un crimine contro un bambino, i suoi colleghi possono “riabilitarlo” e rimetterlo nel ministero. Questa non è tolleranza zero.

E anche quando si scopre che funzionari pubblici vaticani hanno coperto casi di violenze su bambini non riferendoli, essi non vengono rimossi dalle loro posizioni di autorità, ma ricevono solo una multa monetaria. Questa non è la tolleranza zero per coprire i crimini sessuali su minori e i vescovi di tutto il mondo lo sanno.

Se sei un vescovo o un cardinale in tutto il mondo, che sta coprendo i crimini sessuali su minori, il modello che Papa Francesco presenta non è che tu sia rimosso dalla tua posizione di autorità nel sacerdozio, ma ti viene data una multa nominale.

Alla fine del vertice papale di febbraio, Papa Francesco ha drammaticamente dichiarato una “guerra” globale agli abusi nella chiesa. Oggi ha presentato il “modello” per come vincere questa guerra e ha dichiarato la vittoria nella sua prima battaglia all’interno dello Stato del Vaticano, il territorio per il quale ha un’autorità completa e incontrastata. Anche se questa piccola battaglia coinvolge solo poche centinaia di persone e praticamente nessun bambino che vive lì, la Città del Vaticano dovrebbe essere un santuario per la giustizia e lo stato di diritto. Purtroppo, questo non è chiaramente il caso.

Il decreto Motu Proprio di Papa Francesco oggi è nel migliore dei casi confuso, incoerente e spesso vago. La tolleranza zero non lo è e i vescovi di tutto il mondo lo sanno.

Peter Isely, (portavoce degli Stati Uniti / membro fondatore della ECA)

Annunci