Papa Francesco prevale nella fila degli abusi vaticani

ROMA – Nella guerra civile che infuria all’interno della chiesa cattolica, papa Francesco ha vinto un’importante battaglia.

Nel 2018, monsignor Carlo Viganò, ex ambasciatore vaticano negli Stati Uniti, ha accusato Francesco di aver coperto l’abuso sessuale clericale ai massimi livelli, sostenendo di aver ignorato le accuse di cattiva condotta sessuale contro l’ex cardinale e arcivescovo di Washington Theodore McCarrick. Viganò ha poi chiesto le dimissioni del Papa.

Ma due anni dopo, in seguito alla pubblicazione di un rapporto forense e rivoluzionario sul caso la scorsa settimana, l’assalto conservatore sembra essersi ritorto contro, con Francesco che emerge più forte che mai.

L’arcivescovo di Chicago, il cardinale Blase Cupich, anche lui attaccato da Viganò per avere “un’ideologia pro-gay”, ha definito Francesco “impavido” nell’ammettere i fallimenti dei leader della chiesa. Il rapporto ha rappresentato un “momento di svolta” che ha dimostrato “l’impegno di Francesco verso la responsabilità, la responsabilità e la trasparenza nei confronti di tutte le vittime-sopravvissute”, ha detto .

L’attacco di Viganò è stato ampiamente visto come l’ultima scaramuccia nel conflitto tra progressisti e conservatori principalmente statunitensi che si oppongono a Francesco per le sue posizioni più liberali su questioni come l’omosessualità e i migranti.

Ma l’inchiesta sul processo decisionale vaticano che ha permesso l’ascesa al potere di McCarrick ha ampiamente scagionato Francesco, puntando invece il dito contro i suoi predecessori Giovanni Paolo II, che ha promosso McCarrick nonostante i molteplici avvertimenti, e Benedetto XVI, che non è riuscito a far rispettare le misure limitate contro di lui. .

Dato che il rapporto non era indipendente, ma scritto da avvocati che rappresentano la Santa Sede, forse non sorprende che Francesco debba essere liberato dai guai. Ma il rapporto non ha risparmiato la frusta nell’incolpare un santo in Giovanni Paolo II, né nella sua raffigurazione di una cultura della segretezza e del clericalismo che ha permesso a un molestatore di raggiungere il secondo grado più alto nella chiesa.

Affrontando questi fallimenti istituzionali, Francesco si è posizionato come il papa della trasparenza e della responsabilità, afferma il biografo papale Marco Politi, autore di “Francesco, la peste Covid e la rinascita”.

“Francesco emerge come l’unico papa con il coraggio di affrontare la questione”, ha detto a POLITICO.

Cattolico alla Casa Bianca

I conservatori hanno finito per danneggiare i propri interessi “poiché la colpa è caduta sui due papi che favoriscono e usano come arma contro Francesco su questioni teologiche”, ha detto Politi. “Le prove mostrano che Giovanni Paolo e Benedetto hanno deciso di accantonare la questione. Non volevano esplorare la verità “. Il rapporto ha rilevato che lo stesso Viganò aveva ignorato gli ordini di indagare sulle accuse su McCarrick mentre era nunzio negli Stati Uniti, una posizione equivalente all’ambasciatore.

Con la vittoria di Joe Biden che annuncia una nuova era nella politica statunitense, la pubblicazione del rapporto potrebbe dare il tono alle future relazioni di Francesco con l’amministrazione americana.

Trump si è scontrato con Francesco su questioni come l’ambiente, i migranti e il muro al confine con il Messico. Alla vigilia delle elezioni, la campagna Trump ha tentato di tradurre in voti il ​​sentimento anti-Francesco tra i cattolici conservatori statunitensi, ma Trump ha finito per perdere il sostegno dei cattolici rispetto al 2016.

Mettendo al primo posto le preoccupazioni dei cattolici statunitensi e affrontando di petto il caso McCarrick, nonostante il rischio di creare uno scandalo in Vaticano, Francesco ha premuto i pulsanti giusti.

La tempistica del rapporto , pubblicato dopo le elezioni americane, è stata utile a Biden poiché la storica collaborazione tra l’amministrazione Obama e McCarrick in missioni di pace diplomatiche come l’accordo di pace a Cuba avrebbe potuto essere usata contro di lui.

L’asse Biden-Francis può ora iniziare a lavorare insieme su questioni condivise come l’ambiente e la povertà. Mentre Biden, che è cattolico, ha una posizione pro-vita sull’aborto che potrebbe essere problematica, Francesco è meno legato all’aborto rispetto ai precedenti papi.

Gioco di moralità

Sebbene Francesco possa aver conquistato i moderati, è improbabile che il rapporto converta tutti i conservatori cattolici in fan.

George Weigel, ad esempio, un cattolico conservatore, autore e teologo presso l’Ethics and Public Policy Center di Washington DC, dubita che avrà molto effetto. “Le opinioni sono già piuttosto fisse, in tutto lo spettro.”

“Ma se aiuta a dimostrare che il Vaticano è serio nell’affrontare i problemi di abuso sessuale, rassicurerà le persone”.

Anche i sopravvissuti agli abusi sono scettici. L’attivista italiano di abusi clericali Francesco Zanardi ha  definito il rapporto “un pezzo teatrale”, sottolineando che la chiesa non ha ancora ordinato la denuncia obbligatoria di abusi alle autorità civili. “È stato un rapporto molto orchestrato. ” 

In futuro, le vittime di abusi potrebbero richiedere lo stesso livello di trasparenza nei loro casi. Ma Zanardi è pessimista sul fatto che il caso McCarrick abbia stabilito un precedente significativo. Nonostante abbia richiesto i documenti sul suo caso mesi fa, dopo che le rigide leggi sul segreto papale sono state allentate, dice di non aver ricevuto risposta.

Nonostante l’impavido spunto del papa dal rapporto McCarrick, saranno necessarie tutte le sue capacità di navigazione per convincere la superpetroliera vaticana a continuare a muoversi nella direzione che desidera.

Il rapporto stesso “mostra quale grande fardello deve sopportare Francesco per rimodellare la chiesa, quanto sia lungo e difficile un processo”, ha detto Politi, “ma sta andando nella giusta direzione”.

https://www.politico.eu/article/pope-francis-prevails-vatican-sex-abuse-row/

close