La Chiesa cattolica giapponese citata in giudizio per danni in presunti abusi sessuali

TOKYO (AP) – Una donna ha intentato una causa contro la Chiesa cattolica romana in Giappone sostenendo che un prete l’ha violentata quattro decenni fa, mentre la crisi mondiale degli abusi sessuali della chiesa raggiunge gradualmente il Giappone.

La causa civile, presentata questa settimana presso il tribunale distrettuale di Sendai, chiede 56,1 milioni di yen (534.000 dollari) di danni. Accusa un sacerdote, che non è stato accusato o penalizzato, nonché un vescovo che negli ultimi anni ha consigliato la donna in merito al presunto abuso.

La causa, che accusa anche la diocesi di Sendai nel nord-est del Giappone, afferma che la chiesa ha rifiutato di prendere sul serio le denunce, causando dolore psicologico.

“Ho intentato questa causa per rivendicare la dignità che ho perso e per cercare di porre fine a questo grave crimine che è una violazione dell’umanità”, ha detto Harumi Suzuki, che ha reso pubblico il suo nome.

Ha detto di aver vissuto “più di 40 anni di inferno”, ma vuole alzare la voce per gli altri sopravvissuti agli abusi.

“Sei innocente e non sei solo”, ha detto in una dichiarazione.

Il Rev. Shiro Komatsu della diocesi di Sendai ha detto di non avere commenti perché non ha visto la causa.

I documenti visti dall’Associated Press mostrano che la diocesi ha svolto un’indagine da parte di avvocati di terze parti sul suo caso nel 2016.

L’indagine ha stabilito che l’atto sessuale era probabilmente avvenuto, ma ha deciso che non poteva essere perseguita alcuna responsabilità penale o civile, dato il passare del tempo e che il sacerdote poteva aver pensato che l’atto fosse consensuale. Suzuki nega di aver acconsentito.

Il vescovo, Martin Testuo Hiraga, che si è incontrato spesso con Suzuki, ha detto che era difficile arrivare a una soluzione e il sacerdote ha negato le accuse. Il sacerdote non era disponibile per un commento.

Il sacerdote viene identificato nella causa, ma gli avvocati di Suzuki hanno chiesto che il suo nome non fosse riportato, per timore di una possibile causa per diffamazione ai sensi della legge giapponese.

Suzuki, un cattolico, è stato vittima di violenza domestica nel 1977 e si è rivolto al sacerdote per consolazione, secondo la causa. È stata violentata nella camera da letto al piano superiore della chiesa durante una sessione di consulenza e ha sofferto di depressione per anni.

“La Chiesa cattolica è una gigantesca organizzazione di potere per i credenti e ha la loro fiducia incondizionata”. “La violenza sessuale da parte del clero sui membri della congregazione è un atto estremamente spregevole che sfrutta l’assoluta disuguaglianza di potere”.

Le pressioni sono forti nel Giappone orientato alla conformità affinché le donne non si pronunciano contro gli abusi sessuali. Ma il movimento #MeToo sta gradualmente iniziando a decollare.

Yuma Sato, l’avvocato di Suzuki, ha affermato che il sistema giudiziario giapponese rende molto difficile chiedere il risarcimento dei danni per abusi sessuali a meno che non si agisca entro pochi anni.

“Ma spero che questo caso invii un messaggio su uno sforzo per creare il cambiamento”, ha detto Sato.

“Vogliamo anche che la società giapponese impari di più sui problemi della chiesa, sulla sua segretezza, sui suoi insabbiamenti e su come i colpevoli restano impuniti”.

___

Yuri Kageyama è su Twitter all’indirizzo https://twitter.com/yurikageyama

https://apnews.com/article/lawsuits-crime-sexual-abuse-by-clergy-japan-archive-7a947193a18318fa2b1e43346502ca7a?fbclid=IwAR3J5qYXxs8isb4wRECitIfOSJSQgUgVk3IPycZG6WMJcB8X4pNrWNd-p-g