Una nuova indagine sugli ordini religiosi tedeschi rileva decenni di accuse di abusi

BONN, GERMANIA – Un nuovo sondaggio sui capi degli ordini religiosi cattolici tedeschi ha rilevato accuse di abusi contro almeno 654 membri in un periodo di decenni, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa cattolica tedesca KNA.

L’indagine su 392 ordini ha rilevato che almeno 1.412 bambini, adolescenti o reparti sono stati vittime di abusi sessuali. Delle vittime, circa l’80% erano maschi e circa il 20% femmine, ha riferito KNA.

Suor francescana Katharina Kluitmann, presidente della Conferenza tedesca dei superiori cattolici, ha detto che c’è stato un numero aggiuntivo non quantificabile di casi non denunciati. Ha detto che le vittime hanno sofferto ulteriormente per il modo in cui sono state trattate dai leader e da altri membri degli ordini.

“Siamo profondamente dispiaciuti di questo e riconosciamo ancora una volta il nostro fallimento”, ha detto.

La Conferenza tedesca dei superiori cattolici ha inviato un questionario ai capi degli ordini nel 2019 e ha ricevuto risposte da circa tre quarti (291 su 392), coprendo l’88% dei membri degli ordini religiosi in Germania oggi.

Di questi, 100 ordini hanno affermato di essere stati confrontati con accuse di varie forme di abuso. Mentre alcuni ordini hanno riportato più di 100 casi, la maggior parte degli altri ha affermato che ce ne sono stati meno di 10.

Le accuse di abuso sono state registrate da 53 su 77 ordini religiosi maschili e 47 su 214 ordini femminili. Circa l’80% delle persone accusate di abusi è morto.

Oltre ai 654 membri degli ordini religiosi, altri 58 membri del personale sono stati accusati.

La sorella Kluitmann ha detto che il sondaggio è stato un ulteriore passo nell’indagine sugli abusi negli ordini religiosi. Non ha affermato che si trattasse di ricerca scientifica e ha detto che la Conferenza tedesca dei superiori cattolici non aveva le risorse finanziarie e di personale per farlo. Di conseguenza, il sondaggio non può essere paragonato allo studio sugli abusi condotto dalla conferenza episcopale tedesca.

Il sondaggio dei vescovi tedeschi, pubblicato nel 2018, ha esaminato più di 38.000 fascicoli in 27 diocesi tedesche. Ha trovato informazioni su oltre 3.600 vittime di aggressioni sessuali e 1.670 chierici accusati nel periodo tra il 1946 e il 2014.

La Conferenza dei Superiori Cattolici non ha fornito alcun calendario nella sua indagine, ha riferito KNA.

Per quanto riguarda i pagamenti alle vittime in riconoscimento delle loro sofferenze, gli ordini religiosi cercano un sistema uniforme con la conferenza episcopale. Tuttavia, hanno detto che avevano bisogno di sostegno finanziario. Un concetto adottato dai vescovi in ​​primavera prevede somme comprese tra 5.000 euro ($ 5.900) e 50.000 euro a caso.

Un’associazione di vittime, “Eckiger Tisch” (Nonround Table) ha criticato il sondaggio, dicendo che la maggior parte degli ordini religiosi si era rifiutata di assumersi la responsabilità per troppo tempo.

“E anche ora pensano di avere tutto il tempo del mondo per entrare prima in trattative su se e come vogliono indagare sulla loro storia di violenza e abusi sessuali”, ha detto il portavoce dell’associazione, Matthias Katsch.

Ha chiesto che tutti i registri degli ordini religiosi siano messi al sicuro e messi a disposizione dei pubblici ministeri in caso di sospetto di abusi sessuali su minori. In nessun caso alle vittime dovrebbe essere negato un risarcimento adeguato per motivi di impoverimento degli ordini, ha sottolineato Katsch.

https://www.ncronline.org/news/accountability/new-survey-german-religious-orders-finds-decades-abuse-accusations