Lo studio legale rilascia dettagli su 109 cattolici accusati di abusi sessuali a Phoenix

PHOENIX – Gli avvocati con Jeff Anderson & Associates hanno pubblicato un rapporto mercoledì contenente i nomi, le foto e le informazioni di 109 sacerdoti accusati di abusi sessuali nella diocesi di Phoenix.

“È tempo di trasparenza, ed è tempo di divulgazione”, ha detto Jeff Anderson, il cui studio legale difende le vittime degli abusi sessuali del clero.

“Il motivo per cui siamo qui oggi e diffondere questa informazione è perché non c’è stata una contabilità completa da parte della diocesi cattolica di Phoenix di tutti i nomi che avrebbero dovuto essere divulgati dai vescovi cattolici, passati e presenti”.

Il rapporto include storie di assegnazione e dettagli delle accuse. Sono inclusi anche coloro che sono stati assegnati o vivono nelle diocesi di Gallup e Tucson prima della formazione della diocesi di Phoenix nel 1969.

Il compendio dello studio legale, il primo del suo genere in Arizona, comprende 40 membri del clero che non figurano nelle liste di sacerdoti accusati in modo credibile pubblicati sui siti web delle Diocesi di Phoenix , Gallup e Tucson . Include anche informazioni che non sono disponibili attraverso le diocesi, come le accuse presentate contro i sacerdoti e la loro ubicazione corrente.

L’avvocato Jeff Anderson (a sinistra) ei membri del suo studio legale hanno tenuto una conferenza stampa mercoledì per rilasciare i nomi e le informazioni di 109 sacerdoti accusati di abusi sessuali nella diocesi di Phoenix. Gli avvocati, così come i sostenitori e i sopravvissuti, si sono rivolti alla stampa sulla relazione Anderson. (Foto di Grayson Schmidt / Cronkite News)

Secondo il rapporto, le indagini con la Diocesi di Phoenix iniziarono nel 2002, quando un gran giurì della contea di Maricopa lanciò un’indagine relativa a una condotta sessuale scorretta da parte del personale diocesano.

L’indagine della grand jury non ha trovato prove credibili del coinvolgimento diretto dell’ex vescovo Thomas J. O’Brien in una cattiva condotta sessuale, ma ha ritenuto che non fosse riuscito a proteggere le vittime.

Tali indagini si sono intensificate in tutta la nazione nell’ultimo anno, scatenate dal rapporto della giuria del 2018 in Pennsylvania che ha portato alla condanna di oltre 300 preti cattolici romani nello stato e ha scoperto più di 60 anni di insabbiamenti da parte dei leader della chiesa.

L’Arizona ha approvato una legge a fine maggio che consente ai sopravvissuti di abusi sessuali su minori di ulteriori 10 anni per citare in giudizio i loro violentatori. In precedenza, i sopravvissuti avevano fino all’età di 20 anni per portare le accuse.

L’ex pattinatore Bridie Farrell era presente anche durante l’uscita del rapporto e ha parlato del conto. Farrell è diventato un sostenitore delle vittime di abusi sessuali, dopo essere stata abusata da adolescente da un ex compagno di squadra.

Farrell ha parlato dell’impatto della nuova legge in concomitanza con la nuova relazione.

“Ho imparato molto sul tuo stato da quando sono qui, comprese le tue cinque C. Penso che dovresti aggiungere un sesto, e questa è compassione “, ha detto Farrell. “Vedremo un’ondata di forza e coraggio da parte delle voci dell’Arizona che si faranno avanti e lo renderanno più sicuro per tutti”.

I relatori hanno sottolineato che il rapporto ha consentito ai sopravvissuti di abusi in Arizona di accedere a un database in modo che possano fare le proprie analisi. L’ex prete cattolico Patrick Wall ha affermato che, sebbene la relazione si concentri sulla diocesi, dovrebbe essere vista come una finestra sulle risposte istituzionali.

“Questo non riguarda solo la Chiesa cattolica. Si tratta di una risposta istituzionale all’assalto sessuale infantile “, ha detto Wall. “Puoi vedere come funzionano i modelli e le pratiche.”

Secondo il Survivor Network dei siti Web di Abused by Priests , 20 stati stanno conducendo indagini attive che prevedono hotline o servizi online per denunciare abusi legati al clero. L’Arizona non è uno di questi.

Il presidente di Survivor and network Tim Lennon ha dichiarato di aver contattato il procuratore generale dell’Arizona via e-mail e di persona per avviare un’indagine nello stato, che includerebbe la creazione di una hotline dedicata.

“Le hotline sono più accessibili. C’è meno condivisione “, ha detto Lennon. “È anche facile. Allevia alcune delle responsabilità di assumere un avvocato. “

La Conferenza degli Stati Uniti dei vescovi cattolici ha votato all’inizio di questo mese per creare una linea diretta nazionale in cui i sopravvissuti possano denunciare abusi sessuali commessi dal clero. La rete nazionale per lo stupro, l’abuso e l’incesto ha una linea diretta nazionale riservata dal 1994.

Il numero è 800-656-HOPE (4673).

Law firm releases details on 109 Catholic clergy accused of sexual abuse in Phoenix

Advertisements