Abusi: quanto è grave il problema in Argentina

L’Argentina ha circa 5600 sacerdoti. Secondo le indagini di LA NACION, negli ultimi 20 anni ci sono stati 63 casi con denunce di abusi sessuali. In 17 casi c’è una condanna giudiziaria e in 22 un processo giudiziario in corso. A questi dobbiamo aggiungere il 24 con accuse coerenti, ma non sono mai stati perseguiti (in quattro di essi c’è stato un processo troncato).

Come si confrontano questi numeri con quello che è successo in altri paesi? In relazione al numero di religiosi coinvolti negli Stati Uniti , in Cile , in Irlanda, in Australia o in Germania , le cifre dall’Argentina sembrano minori. Ma c’è una grande differenza: in Argentina non c’è mai stata un’indagine globale, come in quei paesi. Né della Chiesa né della giustizia. La dimensione del problema, quindi, può essere molto più grave di quanto indicato dai primi numeri rivelati da LA NACION.

Non ci sono referenti globali. Non è nemmeno possibile sapere esattamente cosa succede in un determinato paese perché quelli che hanno avviato indagini, come gli Stati Uniti, sono sempre stati parziali. In alcuni casi, i pubblici ministeri erano stimolati; in altri, le diocesi. “È impossibile sapere quanti casi ci sono in tutto il mondo perché la Chiesa ha cercato di nasconderli per secoli, ma quello che sappiamo è che ciò che è noto è solo la punta dell’iceberg”, dice Carlos Lombardi, avvocato specializzato in diritto canonico. e un riferimento della Rete di sopravvissuti di abuso ecclesiastico.

Il procuratore Gustavo Stroppiana è colui che porta avanti il ​​caso per abuso di bambini sordi nell’Istituto del Próvolo di Mendoza. Sebbene il caso sia stato ramificato nel quartier generale di La Plata, la sua indagine non può superare i limiti della provincia. “Non riesco a indagare su ciò che accade al di fuori della mia giurisdizione, non ho la concorrenza. Ci sono coinvolte che ha chiamato satelitely, ma non possiamo indagare, osserva. Sì possiamo, ad esempio, mostrare la sistematicità delle spedizioni, ma poi funzionerà dal procuratore di La Plata Cecilia Cordfield per indagare su ciò che è successo lì, la nostra funzione ci limita “.

Stroppiana aggiunge un altro elemento: la mancanza di collaborazione della Chiesa. “La Chiesa potrebbe portare un’indagine per scoprire chi e dove sono i preti denunciati. Non abbiamo avuto collaborazione da parte della Chiesa. Due inviati dal Vaticano si sono presentati, abbiamo avuto due colloqui, abbiamo inviato una lettera ufficiale per chiedere informazioni, ma non ci ha mai risposto” dice.

In altri paesi

“Noi, membri di questa grande giuria, abbiamo bisogno che tu ascolti”,  inizia così il rapporto che la Giustizia della Pennsylvania  ha rilasciato il 15 agosto dello scorso anno. Continua: “Ci sono state altre segnalazioni di bambini abusati sessualmente all’interno della Chiesa cattolica, ma mai di questa portata Per molti di noi, tutte quelle storie stavano accadendo altrove, lontano ora conosciamo la verità … Succede ovunque” .

In tutte le 1356 pagine, il rapporto dettaglia i nomi di 301 sacerdoti accusati di abuso. Le sue vittime, in oltre sette decenni, sono più di 1.000.

Dati Pennsylvania incontrati un mese dopo che l’Autorità di proseguimento nazionale del Cile rivelano la portata del problema in questo paese: 158 persone legate alla Chiesa, sacerdoti e laici, sono stati indagati per abusi sessuali.

Così, uno per uno, vennero a conoscenza di rapporti che rendevano conto di una tragedia in cui gli aggressori venivano contati in centinaia.

Il rapporto della Pennsylvania, un mese dopo, fu seguito da quello tedesco: a settembre un’indagine scoprì che tra il 1946 e il 2014 i sacerdoti denunciati per abuso nella Repubblica federale di Germania erano 1670. Di tutti questi nomi, solo 88 erano sanzionati con l’espulsione. I dati erano nati da un’indagine richiesta dall’Episcopato tedesco a tre università e alla quale avevano accesso i quotidiani Der Spiegel e Die Zeit .

Pochi giorni dopo, l’arcidiocesi di Los Angeles ha pubblicato una lista con i nomi di 309 sacerdoti accusati di abuso. Le accuse erano così convincenti che le testimonianze sono state consegnate alla polizia e ai religiosi a cui è stato vietato di esercitare il sacerdozio nelle loro parrocchie.

L’anno 2018 non era iniziato nel modo migliore per papa Francesco. La sua storica visita in Cile il 15 gennaio è stata contaminata dalle affermazioni delle vittime di abusi ecclesiastici, la cui perseveranza si è conclusa con una richiesta di scuse da parte del Papa stesso e nella decisione della giustizia di andare avanti in un’indagine. Era il primo passo di una serie di rapporti che mostravano la grandezza degli abusi.

Nel 2009, il governo irlandese ha stabilito che “non c’è dubbio che gli abusi sessuali su minori nel clero sono stati coperti” da gennaio 1975 a maggio 2004. Il governo di quel paese aveva deciso di affrontare la propria indagine sulla Diocesi di Dublino. Invece, è stata un’indagine del giornale del Boston Globe – ricevuto in seguito dal film Spotlight –che ha mostrato la trama del cover-up nella diocesi di Boston e ha costretto le dimissioni del cardinale Bernard Law.

Nel 2017, una commissione del governo australiano ha stabilito che il 7% dei preti di quel paese sono stati accusati di abusi tra il 1950 e il 2015. Tra questi c’era il numero tre del Vaticano, il cardinale George Pell, di 76 anni, che a dicembre Nel 2018 fu condannato per cinque casi di pedofilia.

https://www.lanacion.com.ar/sociedad/abusos-iglesia-argentina-nid2250045

Advertisements