Non mentirai? – Provolo: Francesco non getterà dalla Chiesa i preti abusatori condannati a Mendoza

¿NO MENTIRÁS? – Provolo: Francisco no echará de la Iglesia a los curas abusadores condenados en Mendoza

Pur conoscendo le testimonianze di Corradi dal 2002 e nonostante le prove inconfutabili, in Vaticano affermano di non poter ancora “valutare i fatti” per decidere cosa fare del prete italiano e del suo favorito Corbacho.

Questo lunedì la notizia delle dure e storiche condanne a due sacerdoti e un giardiniere dell’Istituto per i bambini non udenti Antonio Provolo de Luján de Cuyo (Mendoza) per aver abusato e corrotto tra il 2005 e il 2016, undici studenti tra 7 e 17 anni, hanno girato il mondo.

Alla gravità dei fatti, al modus operandi criminale dimostrato nel processo e ai comportamenti abietti di Nicola Corradi (84) e Horacio Corbacho (59) durante il processo, si aggiunge che molti degli eventi si sono verificati nel paese di Jorge Bergoglio e durante il periodo in cui era la massima autorità della Chiesa in Argentina.

Tuttavia, né la forza delle condanne (42 anni per Corradi, 45 per Corbacho e 18 per il giardiniere Armando Gómez) né la conferma che la curia conoscesse i fatti da molto tempo prima di essere processati, sembrano essere motivi sufficienti per Il Vaticano per prendere la decisione di eliminare entrambi i sacerdoti dell’istituzione religiosa.

Al contrario, è come se la “notizia” avesse attivato i lati più offensivi di una gerarchia cattolica piuttosto abituata al silenzio, a mentire e a coprire tutti i suoi crimini.

Ipocrisia e tonache

All’ipocrita rassegna stampa dell’arcivescovo di Mendoza, rilasciata ore dopo la sentenza, sono state aggiunte nelle ultime ore dichiarazioni di fonti vaticane che mostrano il disprezzo dell’istituzione per le vittime e la volontà di continuare a proteggere i criminali di tonaca.

Il quotidiano La Nación (compagnia diretta a Roma) riferiva che “dalla Santa Sede accusano la Giustizia” di Mendoza perché, secondo “fonti religiose dall’Italia”, sarebbe stato impedito alla curia “l’accesso agli atti giudiziari” del caso.

Secondo La Nación, l’argomento del Vaticano è che “attendono la conclusione del caso nella giustizia civile argentina. Inoltre, hanno indicato che il processo canonico (cioè il processo interno contro Corradi e Corbacho, NdR) procederà solo con una frase definitiva, in modo che solo dopo tale istanza si discuterà della possibile espulsione dei sacerdoti condannati ”. Cioè, praticamente mai.

Sembra così vaga la risposta vaticana che la stessa corte di Mendoza ha risposto. “Quello che dicono è molto brutto. Parlano di giustizia civile e quello che abbiamo fatto è una condanna penale, in primo luogo. In secondo luogo, dovrebbero mostrare le richieste di informazioni. Terzo, quello che hanno detto è che non avvieranno il processo fino a quando non ci sarà un giudizio finale. C’è il segreto: un giudizio deciso su dove; può essere nel tribunale provinciale, nel tribunale nazionale o nella corte interamericana dei diritti umani. Sono ipocriti. È davvero un pezzo di carta”, riproduce La Nación come “una fonte del tribunale provinciale”.

D’altra parte Sergio Salinas, avvocato a nome delle vittime e referente dell’organizzazione Xumek, ha anche condannato la posizione del Vaticano e ha affermato che sono direttamente “complici, nascondendo prove che sono obbligati a dare. Siamo stanchi del suo cinismo.”

Questo lunedì, in dialogo con La Izquierda Diario, l’avvocato della Rete dei sopravvissuti all’abuso ecclesiastico Carlos Lombardi, ha anche fortemente criticato la gerarchia cattolica, ricordando che “entrambi, Dante Simón (vicario giudiziario dell’arcidiocesi di Cordova inviato da Bergoglio a Mendoza interverrà nel caso) come Alberto Bochatey (il commissario apostolico e l’attuale arcivescovo ausiliare di La Plata) vengono denunciati penalmente non solo per non aver collaborato con la giustizia di Mendoza ma per aver ostacolato le indagini ”.

Sapevano tutto

Dal Vaticano insistono nel nascondere l’invisibile. “Non siamo stati in grado di procedere nel processo canonico perché non abbiamo mai avuto più informazioni di quella dei media, dal momento che le autorità giudiziarie argentine non ci hanno dato accesso ai documenti e alle prove del processo civile”, hanno detto a La Nación fonti apostoliche e romane.

Ma la bugia ecclesiastica non può essere più grande. La Curia argentina sapeva, almeno dal 2002, dell’esistenza di denunce nel Provolo de La Plata. Una volta scoperto lo scandalo, in un raid nel quartier generale della capitale di Buenos Aires, fu trovata una lettera (datata quell’anno) che Julio García, “tesoriere” di Provolo, aveva inviato a Mendoza raccontando tutto ciò che sapeva di Corradi. Non sapevano davvero niente?

Inoltre, come riportato dettagliatamente da questo giornale, nel 2014 Francesco stesso ha ricevuto denunce da parte dei sopravvissuti del Provolo di Verona che andarono a trovarlo in Piazza San Pietro. Lì nominarono Corradi e altri chierici stupratori. La risposta ufficiale non fu altro che il silenzio papale.

Come se ciò non bastasse, l’arcivescovo di La Plata (attraverso il vescovo ausiliare Bochatey) alla fine del 2017 ha portato Eliseo Pirmati fuori dall’Argentina e lo ha “rimpatriato” nel Provolo de Verona (dove era partito decenni fa) quando erano già consistenti sospetti su di lui in merito ad abusi e torture commessi su bambini nella sede dell’Istituto di Buenos Aires.

La Chiesa non può nascondere il sole con la mano. E tanto meno i loro stessi crimini con bugie.

Oggi, con le condanne di Corradi e Corbacho, hanno un nuovo significato le parole espresse l’anno scorso da Sergio Buenanueva, vescovo di San Francisco (Córdoba), che si pone pubblicamente come “autocritico” e cerca di separarsi dalle ali più reazionarie dell’episcopato.

Buenanueva è di Mendoza e afferma di conoscere il caso Provolo “da vicino”. In un’intervista rilasciata nel 2018, Buenanueva ha affermato che questo è stato “il caso più grave che l’Argentina ha” insieme a quelli di Julio Grassi e ai casi di Paraná. Ha anche affermato che “la crisi in Argentina è appena iniziata”, poiché casi come il Provolo “hanno incoraggiato molte vittime a mettere in luce ciò che hanno sofferto e ciò che hanno vissuto”. E ha anche riconosciuto che le vittime “potrebbero richiedere decenni per mettere in luce” le loro testimonianze.

Per il vescovo di San Francisco, ciò che è accaduto all’Istituto Provolo “è la cosa più grave che è accaduta in Argentina, ma è un esempio di tutto il male che abbiamo fatto nella Chiesa nella gestione di tutti questi casi”.

Ma allo stesso tempo ha cercato di togliersi ogni responsabilità, quando si parla di “persone che con i registri sono state inviate senza che il vescovo del luogo lo sapesse, posso dire che sono stato vescovo ausiliare di Mendoza e non avevamo la minima idea”.

La cantata di Buenanueva, dei suoi colleghi della Conferenza episcopale argentina e dei suoi elettori del Vaticano non resiste a un minimo di archivio. Peggio ancora, questo canto ha l’effetto di una copertura eterna su innumerevoli stupratori e torturatori. Soprattutto quelli che hanno ancora la “fortuna” di non essere stati denunciati dalle loro vittime.

http://www.laizquierdadiario.com/Provolo-Francisco-no-echara-de-la-Iglesia-a-los-curas-abusadores-condenados-en-Mendoza?fbclid=IwAR0tFX6pSSJzBM-eyiDeAncr7OkaJBGJqS8vJThHDUR1mvJmHnErtsJPurc

(traduzione con Google)

Annunci