I vescovi votano “somma forfettaria” per le vittime di preti pedofili

I vescovi della Francia si sono incontrati in sessione plenaria a Lourdes per decidere su una compensazione finanziaria nel “riconoscimento della sofferenza” delle vittime.

I vescovi di Francia hanno votato questo sabato a favore di una “somma forfettaria” per il “riconoscimento della sofferenza” delle vittime dei preti pedofili quando erano minorenni, ha dichiarato al presidente della stampa Eric de Moulins-Beaufort, il presidente della Conferenza dei vescovi di Francia (CEF).

I vescovi hanno votato “in gran parte”, secondo lui, questo dispositivo, che passa per “un’unica somma di denaro e somma forfettaria”, il cui importo tuttavia non è stato annunciato.

Il prezzo dell’indifferenza

I vescovi, riuniti a Lourdes , si sono assicurati di riconoscere l ‘”aggressione”, ma anche “silenzio, negligenza, indifferenza, mancanza di reazione, decisioni sbagliate o disfunzioni all’interno della Chiesa”, disse, parlando di “cattiva condotta di vari ordini all’interno della Chiesa”. Non è “né il risarcimento che dipende dalla giustizia del nostro paese o la giustizia canonica né il risarcimento”, ha affermato Eric de Moulins-Beaufort.

Il suo importo sarà proposto ai vescovi nella prossima riunione a Lourdes del prossimo aprile, come fondo di dotazione specifico, che pagherà il pacchetto. Il pagamento avverrà quindi dopo questa riunione.

Le vittime in questione sono quelle per le quali sono prescritti i fatti. Per coloro i cui atti giudiziari sono ancora pendenti, il pagamento avverrà dopo. “Ogni vescovo prenderà l’iniziativa di riconnettersi con le vittime che conosce” per offrire loro questo pacchetto. Il fondo di dotazione sarà finanziato da “vescovi, sacerdoti colpevoli quando saranno vivi e fedeli che verranno ad aiutarci”, ha detto, “ma questo può essere solo un passo volontario dei fedeli “, secondo il presidente del CEF.

I vescovi riflettono anche sull’idea di un “gesto liturgico”. Questa potrebbe essere una preghiera per le vittime, ad esempio il Venerdì Santo, o la possibilità di presentare “storie di vita” in un “memoriale”, ritiene Eric de Moulins-Beaufort.

“La parola” responsabilità “non appare”

Le misure di compensazione finanziaria sono attese con impazienza dalle vittime, soprattutto quando sono prescritti i fatti. Giovedì, a Lourdes, quattro di loro avevano messo in guardia contro un atto finanziario che non avrebbe riconosciuto “la responsabilità della Chiesa”, un punto essenziale ai loro occhi.

Tuttavia, “la parola” responsabilità “della Chiesa non appare, mi dà molto fastidio”, ha reagito Jean-Luc Souveton, sacerdote, aggredito quando era minorenne, membro del gruppo di lavoro con il CEF su questa domanda . Una critica osservata anche da un altro membro del collettivo, Michel, prete anche vittima che ha richiesto l’anonimato: “manca”.

“In un certo senso, lo dicono senza dirlo, è molto importante”, da parte sua ha stimato Véronique Garnier, un’altra vittima. Quest’ultimo si rammarica, tuttavia, come altri, che l’episcopato non abbia aspettato la fine del lavoro di Ciase, la Commissione indipendente per gli abusi sessuali nella Chiesa, prevista all’inizio del 2021. “C’è molto poco rispetto per la competenza della commissione Sauvé “, ha dichiarato François Devaux, presidente dell’associazione La parole Libérée.

“Non vogliono affrontare lo tsunami”

“I vescovi aggirano le raccomandazioni della Commissione Sauvé, per non dover affrontare quello che sarà uno tsunami”, ha giudicato Olivier Savignac, un’altra persona aggredita. Lui, come Jean-Luc Souveton, si rammaricava in particolare del fatto che non fosse stato messo in atto un vero compenso, concesso da un organo indipendente, con scale secondo la singolarità di ciascun caso. “Stanno facendo il minimo.”

“Dal 2016, le vittime ci aspettano cose, non aspetteremo fino alla primavera del 2021”, ha dichiarato Eric de Moulins-Beaufort. “Prenderemo in considerazione l’opinione di Ciase su questo dispositivo se necessario”.

Per le altre vittime, il fatto che il pacchetto sia pagato su iniziativa del vescovo non ha senso. “Quando vediamo la tensione che può esistere tra il vescovo e la vittima in alcune diocesi”, afferma Jean-Luc Sauveton. “Rischia di lasciare indietro molte vittime”, ha detto. “A Lione, faremo affidamento su Barbarin?”, Domandò François Devaux.

Per Jean-Luc Souveton, “abbiamo l’impressione che ci sia stata un’opera di co-creazione per le giuste misure da giocare insieme e che abbiamo perso”.

https://www.lexpress.fr/actualite/societe/religion/les-eveques-votent-une-somme-forfaitaire-pour-les-victimes-des-pretres-pedophiles_2106366.html#C2GFjSv5Dh6kWHjx.41

Annunci