Don Isakowicz-Zaleski pubblica due lettere che espongono pedofilia e omosessualità tra il clero polacco e mette alle strette il Cardinale Dziwisz

Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski [*], dopo i suoi libri, ora ha pubblicato sulla sua pagina Facebook due lettere scioccanti, che oltre a svelare casi di preti polacchi pedofili e smascherare anche una dozzina di altri eminenti ecclesiastici omosessuali, maltrattatori e collaboratori del SB (il Servizio di sicurezza, la polizia segreta della Repubblica Popolare di Polonia fino alla fine del regime comunista nel 1989), dimostra l’insabbiamento nell’Arcidiocesi di Cracovia. Anche se non si conoscono i nomi di preti e parrocchie omessi nella pubblicazione (tranne quelli già ampiamente noti), il fatto rappresenta un vero libro nero.

Raccontando alla Radio Wnet della lettera che ha scritto al Cardinale Stanisław Dziwisz, sostenendo la necessità di cambiare la mentalità del clero e la necessità che sacerdoti e laici agiscano insieme, Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski ha detto: “In materia di pedofilia, la Chiesa polacca ignora le linee guida di tre papi successivi”. Parlando dei collegamenti di alcuni sacerdoti polacchi con il Servizio di sicurezza comunista ha dichiarato: “Mi sono impegnato a fornire al Cardinale tutti i documenti dell’Istituto della Memoria Nazionale e il materiale dei lettori. Sfortunatamente, questo non ha reagito, quindi ho deciso di rendere pubblica la lettera. Ovviamente ho omesso tutti i nomi”. Aggiunge che l’ex Arcivescovo metropolita di Cracovia gli ha detto di aver perso la lettera. Poi gli ha chiesto di non inserire informazioni sulle relazioni omosessuali tra il clero nel libro “Sacerdoti contro il Servizio di sicurezza”: “Uno dei sacerdoti della Curia di Cracovia mi ha chiesto di gettare questi materiali nella fornace, perché non servono a nessuno”, ha detto.
Don Isakowicz-Zaleski racconta anche del processo avvenuto in Vaticano per le accuse a sacerdoti colpevoli di pedofilia. Indica le connessioni tra pedofilia, omosessualità e cooperazione con lo SB.

Ospite nel programma “Corriere a mezzogiorno” su Wnet ricorda che da anni fa appello per l’autolustrazione della Chiesa Cattolica Romana in Polonia: “Sfortunatamente, questi problemi hanno ancora dei singhiozzi. Non puoi aspettare qualcosa da storici e giornalisti, soprattutto da quelli di estrazione laica”. Rispondendo al giornalista, Adrian Kowarzyek, che è necessario cambiare la mentalità del clero polacco, Don Isakowicz-Zaleski sottolinea che la Chiesa in Polonia non tiene conto delle linee guida di tre papi successivi: “In molti casi si può vedere che gli autori si sono sentiti impuniti e hanno compiuto i loro atti atroci nelle parrocchie successive”. Don Tadeusz Isakowicz critica il punto di vista secondo cui stigmatizzare i peccati del clero è una lotta contro la Chiesa: “È come dire che i medici sono oppositori dei pazienti”. L’ospite del “Corriere a mezzogiorno” avverte che un ulteriore disprezzo per i crimini tra il clero in Polonia porterà a uno scenario irlandese: “C’è bisogno di un’azione comune da parte di coloro che sono al centro della Chiesa e un po’ alla periferia” e assicura di aver sperimentato così tanto nella sua vita da non temere le conseguenze della lotta per rivelare la verità sulla situazione della Chiesa Cattolica Romana in Polonia.

La prima lettera Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski aveva indirizzata nel 2012 al Cardinale Stanisław Dziwisz, allora Arcivescovo metropolita di Cracovia. La domanda oggi è: il cardinale metropolita ha investigato e fino a quando non ha investigato. Ora il Cardinale Dziwisz non è più nella condizione di poter scegliere di tacere e nemmeno la Curia arcivescovile di Cracovia lo può fare. Tutte le questioni sollevate da Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski dovranno essere chiarite fino in fondo. Cosa si sapeva, da quando, cosa si faceva e cosa non si faceva, chi ne era responsabile. Se l’Arcivescovo metropolita di Cracovia Mons. Marek Jędraszewski vuole davvero essere credibile nella sua lotta contro i vari fenomeni sociali, deve affrontare la questione della pedofilia e omosessualità tra il suo clero. Restare in silenzio, fingere che non ci sia argomento e attaccare chi ha il coraggio di parlare del problema è un modo semplice per screditare. E non solo il Cardinale Dziwisz, ma anche tante altre persone e, infine, la stessa Chiesa Cattolica Romana in Polonia e sotto scrutinio. Le vittime hanno diritto alla verità, le persone che hanno combattuto per la giustizia hanno diritto alla verità. Vale la pena ricordarlo. Nel frattempo non è da escludere che il Papa interverrà con la sostituzione di una decina di vescovi polacchi… e del Nunzio Apostolico a Warsavia, l’Arcivescovo Salvatore Pennacchio.

La lettera al Cardinale Stanisław Dziwisz ora resa pubblica, era in relazione al caso del Parroco di Międzybrodzie Bialskie già noto. Don Jan Wodniak, Parroco di lunga data, ha abusato centinaia di volte di Janusz Szymik. Nel 2008, Don Isakowicz-Zaleski ne informò il Cardinale Dziwisz. Dopo le pubblicazioni di Onet.pl, il Cardinale Dziwisz affermò che accusarlo di inattività circa a pedofilia nella Chiesa in Polonia era un’azione ispirata da Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski.

“Nel pubblicare questa lettera oggi, ho omesso i nomi dei sacerdoti e dei laici, nonché i nomi delle parrocchie. Ad eccezione della questione descritta al punto 1, perché è ampiamente conosciuta dai media. Naturalmente, non c’erano omissis nell’originale, anche con allegati di più pagine. Tuttavia, [il Cardinale Dziwisz] non è intervenuto”, scrive Don Isakowicz-Zaleski. Afferma di aver consegnato personalmente la lettera al Cardinale Dziwisz nel 2012.

Il 15 settembre 2020 il Cardinale Dziwisz ha dichiarato di deplorare “l’enorme danno che è stato fatto a Janusz Szymik”, ha espresso la sua “sincera solidarietà” e che ha intenzione di “spiegare onestamente la situazione”.

Segue la traduzione italiana di lavoro della lettera di Don Isakowicz-Zaleski al Cardinale Dziwisz.

Eminenza,
Onorevole Cardinale!

Con riferimento alle questioni discusse nell’ultimo Consiglio dei Sacerdoti, presento alcune questioni che mi sono giunte dopo la pubblicazione dei libri precedenti e dell’attuale intervista-fiume. Tuttavia, queste non sono tutte le questioni, poiché altre, per quanto difficili, richiedono ulteriori studi.

1. Quattro anni fa, mi ha scritto il Signor Janusz Szymik, ex chierichetto e conferenziere di Międzybrodzie Bialskie, che nella lettera allegata descrive le molestie sessuali che ha subito negli anni 1986-1989 da Don Jan Wodniak, allora sacerdote dell’Arcidiocesi di Cracovia ed ex cappellano del precedente metropolita di Cracovia. Vedi: allegato n. 1.
Ho parlato personalmente con l’autore della lettera alla presenza della moglie e dello zio, che hanno confermato i fatti. Purtroppo il Vescovo di Bielsko-Żywiec, S.E. Mons. Tadeusz Rakoczy, a cui la famiglia si è rivolta, non ha risolto questo problema. Allo stato attuale, può essere accusato di aver nascosto i rapporti omosessuali da parte delle autorità ecclesiastiche, che il sacerdote a loro subordinato (quando era ancora parroco in carica) aveva con un minore.
Ho citato questo caso nell’ultima pubblicazione a pagina 116, ma non ho fornito alcun dato personale. Ho fatto una cosa simile nel libro “Sacerdoti contro il Servizio di sicurezza”, anche se nell’Istituto di Memoria Nazionale ci sono documenti affidabili su Don Wodniak, che per diversi anni è stato registrato come collaboratore segreto dell’agente “Janek”.
A proposito, attraverso il sito ho avuto molte altre informazioni sull’”eccessivo interesse” di Don Wodniak per altri giovani ragazzi.

2. Un altro caso, descritto anche a p. 116, riguarda Don Dr. (omissis). Sebbene questo prete fosse candidato a collaboratore segreto dell’agente “Rettore” non ha collaborato, ma il suo grosso fascicolo è conservato anche negli archivi dell’Istituto della Memoria Nazionale. Questo file contiene descrizioni sia della sua relazione con la comunità omosessuale di Cracovia sia di alcuni atti osceni. Adempiendo alla richiesta di Vostra Eminenza di non descrivere questioni omosessuali, ho omesso questo argomento nel libro “Sacerdoti contro il Servizio di sicurezza”. Oggi, però, me ne rammarico, perché questo sacerdote, sentendosi completamente impunito (sottolinea pubblicamente la sua amicizia con Sua Eminenza), ha commesso altre cose indegne.
Ciò può essere confermato da una coppia sposata (omissis) il cui figlio adolescente è stato molestato da questo sacerdote. Hanno deferito la questione a Mons. Jan Szkodoń, ma la questione non è stata risolta adeguatamente, e Don (omissis) dopo alcuni mesi di interruzione, è stato riconfermato parroco, questa volta in (omissis). Questi sposi sono persone affidabili e rette, fortemente impegnate nella vita della Chiesa. Pertanto, nonostante siano feriti da questa faccenda, sono pronti a incontrare Vostra Eminenza di persona. Fornisco il loro indirizzo: (omissi) telefono (omissis).
La condotta del suddetto parroco può essere testimoniata anche da Suor (omissis), che ha lavorato in questa parrocchia per molti anni.

3. Nell’Istituto di Memoria Nazionale ho trovato molti altri fascicoli riguardanti sacerdoti omosessuali, inclusi alcuni della nostra Arcidiocesi. Ho anche trovato i file dell’operazione “Sadzawka”, che riguardava la penetrazione della comunità omosessuale concentrata intorno al bagno romano di via San Sebastiano a Cracovia. Un discorso a parte è il fascicolo dell’operazione “Hyacinth”, che, a causa dei primi casi di AIDS in Polonia, ha coinvolto omosessuali attivi negli anni ’80. Anche giornalisti e storici laici hanno accesso a questi file.
Il caso più lampante è il caso di Don (omissis) delle cui tendenze ho informato oralmente Sua Eminenza due volte. Il parroco, dopo aver rivelato i suoi contatti omosessuali con ragazzi del Corpo Volontario del Lavoro, è stato registrato dal SB come collaboratore segreto dell’agente “Junak”. Sebbene all’inizio abbia interrotto la collaborazione, i materiali su di lui erano ancora raccolti dai servizi di sicurezza. Sia durante il soggiorno a Cracovia che a Roma. Questi materiali includono, tra altra le testimonianze dei suoi partner sessuali.
Tramite uno dei circoli della “Gazeta Polska”, ho ricevuto anche una lettera di uno dei sacerdoti, che si presentava per nome e cognome, e che descriveva la condotta di Don (omissis) in anni recenti. In questa lettera l’autore esprime la sua sorpresa che una persona con un simile passato sia stata nominata capo della Commissione storica per la beatificazione di Giovanni Paolo II, e ora anche postulatore nel processo di beatificazione di Don (omissis).
Per quanto riguarda le pratiche dei sacerdoti omosessuali, questo vale anche per Don (omissis), che Sua Eminenza ha recentemente nominato Cappellano della Scuola Primaria con Pensione per Bambini (omissis).

4. Qualche anno fa, Sua Eminenza mi ha chiesto due volte se Don (omissis) è omosessuale. Oggi il sacerdote è morto. Tuttavia, in quei giorni mi scriveva un suo collega. Quoto: “Mi rivolgo a te per quanto riguarda il decesso di Don (omissis), mio collega, il cui corpo è stato trovato in (omissis). Aveva solo (omissis) anni. Era “diverso”, ma era il parroco di (omissis), Direttore di (omissis), soprannominato ‘Playboy’ (omissis). Don (omissis) è partito per (omissis) perché ne era stufo. Ma lui voleva tornare. È morto in circostanze strane. Il necrologio diceva ‘è morto improvvisamente’”.
Quanto al comportamento di Don Direttore (omissis), queste cose sono talmente note che da parte mia non necessitano di ulteriori informazioni. Sicuramente tutto questo prima o poi “scoppierà” come un’ulcera gonfia.

5. Sono stato contattato anche da una delle famiglie di Cracovia, che ha fornito ulteriori informazioni sul decesso di Don (omissis). Si tratta dei suoi eccessi omosessuali e delle frodi finanziarie e del loro insabbiamento da parte delle cosiddette lobby gay. Al momento non posso fornire ulteriori dettagli a Vostra Eminenza.

6. Un’altra questione, sebbene non direttamente collegata alla nostra Arcidiocesi, è una serie di suicidi di sacerdoti avvenuti nella vicina Diocesi di Tarnów, che fa parte della Metropolia di Cracovia. Vedi: allegati n. 2 e 3. Ho ricevuto pochi giorni fa una nuova lettera che informava del prossimo, ottavo suicidio. Vedi: allegato n. 4.
Ho un contatto diretto con gli autori di queste lettere che, accusando Vostra Eminenza Metropolita di Cracovia e il Nunzio Apostolico di omissione di azioni adeguate, hanno presentato questi materiali alla Gazeta Polska. Ne ho già scritto nella mia rubrica intitolata “Non spazzare sotto il tappeto”, pubblicato l’8 novembre 2011. Ho intenzione di scriverne anche nelle prossime colonne e nella prossima pubblicazione del nuovo libro.

7. Un altro caso riguarda il deplorevole comportamento dei sacerdoti (omissis). Vedi: allegato n. 5, che è una copia della lettera inviata a Vostra Eminenza. Inoltre, ho ricevuto lettere da altre otto persone che si sentono offese dai monaci di (omissis). Il caso avrà sicuramente un seguito, perché le parti lese sono molto determinate.
Vostra Eminenza, Onorevole Cardinale, come ho detto all’inizio, questa è solo una parte delle questioni che riguardano l’Arcidiocesi di Cracovia. Preparerò il resto in un secondo momento.
A loro volta, le questioni che riguardano altre diocesi o ordini saranno trasmesse al Nunzio Apostolico a Varsavia e al Presidente della Conferenza Episcopale Polacca. Ce ne sono così tanti che ho chiesto a uno degli studi legali di mia fiducia di catalogarli e compilarli.

Con cordiali saluti e rispetto
Che Dio vi benedica!

Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski

– Cinque allegati

Ieri, 17 settembre 2020 Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un’altra lettera sulla pedofilia tra il clero polacco, questa volta inviato alla Santa Sede nel 2013, con le seguente introduzione: “A causa dell’inattività del Cardinale Stanisław Dziwisz, riguardo alle questioni descritte nella lettera del 24 aprile 2012, consegnatagli personalmente, il 24 ottobre 2013, ho scritto una lettera alla Congregazione per la Dottrina della Fede in Vaticano, tradotta in italiano da uno dei professori che mi hanno assistito in questa materia.
Solo dopo questa lettera, il Tribunale metropolitano di Cracovia ha avviato un processo nel caso descritto al punto 2 della lettera. Sono stato ascoltato in questo processo su espressa richiesta di Mons. Robert Oliver. Sono stati intervistati anche i genitori del ragazzo. Non conosco il risultato di questo processo. Non so nemmeno se siano stati interrogati anche gli altri testimoni che ho indicato.
Tuttavia, durante l’interrogatorio, e io ho testimoniato sotto giuramento, nessuno ha negato il fatto che il Cardinale ha ricevuto da me la suddetta lettera, che ha accolto o negli ultimi giorni di aprile o nei primi di maggio 2012. La data esatta della mia udienza è sicuramente riportata nei documenti conservati dalla segretaria.
Aggiungo che Mons. Robert Oliver è venuto dal Vaticano a Cracovia pochi mesi dopo, nel giugno 2014“.

Radwanowice, 24 ottobre 2013
Mons. Robert Oliver
Promotore di Giustizia
Congregazione per la Dottrina della Fede
Palazzo del Sant’Uffizio
00120 Città del Vaticano
VATICANO

Reverendissimo Padre Prelato!
Il mio nome è Tadeusz Isakowicz-Zaleski. Sono sacerdote dell’Arcidiocesi di Cracovia, Parroco della parrocchia armena cattolica della Santissima Trinità a Gliwice e Presidente del Consiglio nazionale della Fondazione Il fratello di Albert, che gestisce 30 strutture per disabili in tutta la Polonia.
Sono stato autorizzato a scrivere questa lettera da (omissis) della parrocchia di (omissis), che sono miei buoni amici. È una coppia che da molti anni è coinvolta nella vita della Chiesa. Il loro figlio, (omissis), come chierichetto è stato qualche anno fa molestato sessualmente dall’allora parroco a (omissis). Il nome del sacerdote è Don (omissis) ed è sacerdote dell’Arcidiocesi di Cracovia.
(Omissis) hanno segnalato questo fatto a uno dei vescovi ausiliari dell’Arcidiocesi di Cracovia. Di conseguenza, Don (omissis) è stato dimesso dalla funzione di parroco in (omissis) e mandato in ferie, ma dopo pochi mesi è tornato a essere parroco nella parrocchia di (omissis), anch’essa nell’Arcidiocesi di Cracovia. Attualmente vive lì come pensionato.
Ho descritto il caso nel 2012 nel mio libro “Mi occupo solo della verità”, ma non ho menzionato il nome della vittima, l’autore e il nome della parrocchia. Perché speravo che la Curia metropolitana di Cracovia si sarebbe preso cura di questo scandalo morale e del dramma di un ragazzo minorenne ferito. Nel maggio 2012 ho trasmesso personalmente la mia lettera all’Arcivescovo di Cracovia, nella quale ho descritto il caso in dettaglio. Ho anche dato il nome e l’indirizzo di (omissis) che erano pronti a testimoniare.
Purtroppo fino ad oggi nessuno della Curia metropolitana li ha contattati. (Omissis) ne hanno un grande rimpianto. (Omissis) inoltre non riescono a capire come sia possibile che il sacerdote pedofilo che ha ferito il figlio abbia continuato a lavorare come parroco.
Vorrei aggiungere che nel 2005-2006 ho ricercato negli archivi dell’Istituto della Memoria Nazionale di Cracovia, che contengono numerose informazioni, che in passato questo sacerdote era un omosessuale attivo e aveva contatti sessuali con giovani uomini. Questi file sono stati preparati dal Servizio di sicurezza comunista, che fino al 1990 aveva sotto sorveglianza, tra gli altri, la comunità omosessuale a Cracovia. Ho anche informato l’Arcivescovo di Cracovia di questi file. Nonostante ciò, Don (omissis) fino al suo pensionamento nel 2012 non è stato escluso dal lavoro con bambini e giovani. Attualmente è responsabile di (omissis).
So che, secondo il documento “Delicta graviora” del 2001, tutti i casi di abusi sessuali su minori di 18 anni da parte di sacerdoti cattolici sono trattati dalla Sezione Disciplinare della Congregazione per la Dottrina della Fede. Chiedo cortesemente a Lei, Padre Prelato, di risolvere questa dolorosa vicenda secondo le procedure stabilite negli ultimi anni dalla Santa Sede. Se la Congregazione intraprende un’azione appropriata, allora (omissis) tramite me, forniranno il loro indirizzo e si incontreranno con un rappresentante o un funzionario della Congregazione per fornire spiegazioni pertinenti. Tuttavia, non si fidano delle autorità dell’Arcidiocesi di Cracovia.
Distinti saluti. Che Dio vi benedica!

Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski

[*] Don Tadeusz Isakowicz-Zaleski, nato il 7 settembre 1956 a Cracovia, è armeno polacco, sacerdote cattolico del rito armeno e latino, attivista sociale, storico della Chiesa, partecipante di lunga data all’opposizione anticomunista nella Repubblica popolare di Polonia, poeta.
Durante gli studi liceali, è stato coinvolto nel movimento delle Oasi e, dopo il diploma di scuola superiore, è entrato nel seminario teologico di Cracovia. Nel 1975, come seminarista, è stato chiamato al servizio militare. Alla fine degli anni ’70, mentre era in seminario, ha co-curato la rivista clandestina “Krzyż Nowohucki” (Incrocio Nowa Huta) ed è stato attivo nel Comitato di Solidarietà Studentesca. Nel 1977 ha debuttato come poeta in Tygodnik Powszechny. Dal 1980 è stato coinvolto nelle attività del Sindacato autonomo dei lavoratori “Solidarność”. Ha frequentato un seminario guidato dallo storico della Chiesa, Don Prof. Bolesław Kumor, e sotto la sua supervisione ha scritto la sua tesi di master.
Durante gli anni ’80 è stato perseguitato dal Servizio di sicurezza. Nel 1985 fu duramente picchiato due volte dagli ufficiali dello SB. Per la prima volta, il Sabato Santo. La seconda volta è stato aggredito il 4 dicembre nel convento delle Suore della Divina Misericordia da ufficiali dello SB vestiti da paramedici dell’ambulanza.
La sua persecuzione da parte del Servizio di sicurezza è diventata la base per il film di Maciej Gawlikowski “Intimidate un sacerdote” (2006).
Nel 1988 ha partecipato come cappellano operaio allo sciopero di Nowa Huta ed è stato scelto per studiare presso il Pontificio Collegio Armeno a Roma. Tuttavia, per tre volte non ha ricevuto il passaporto a causa della sua collaborazione con l’attività clandestina di “Solidarność”. È stato coinvolto con Don Kazimierz Jancarz, nella la Pastorale per i lavoratori della Parrocchia di San Maximilian Maria Kolbe di Mistrzejowice a Nowa Huta. Ha preso parte alle Messe del giovedì per la patria, celebrate da Don Kazimierz Jancarz,. Negli anni 1994-2006 ha collaborato con Radio Maryja e Telewizja Trwam.
Nel 2001 ha studiato presso il Pontificio Collegio Armeno a Roma ed è stato nominato dall’allora Ordinario di rito armeno, il Cardinale Józef Glemp, Cappellano Armeno dell’Arcidiocesi di Cracovia. Negli anni 2002-2009 è stato Cappellano armeno della Polonia meridionale. Nel 2009–2017, è stato parroco della parrocchia cattolica armena meridionale di San Grzegorz Oświeciciel, presso la chiesa della Santissima Trinità a Gliwice.

Don Isakowicz-Zaleski è un attivista attivo nella comunità armena, promotore della conoscenza della storia e della cultura degli armeni, in particolare della Chiesa cattolica armena. È iniziatore del riavvicinamento tra la cosiddetta vecchia e nuova emigrazione armena e promotore della commemorazione delle vittime del genocidio armeno. Ha più volte preso parte a trasmissioni radiofoniche e televisive in cui ha presentato la storia della nazione e della Chiesa armena nonché i problemi degli armeni polacchi. È il pronipote del fratello del penultimo arcivescovo cattolico armeno di Lviv, il predicatore e filantropo eccezionale Mons, Izaak Mikołaj Isakowicz. Negli anni 2009–2014 è stato rappresentante della minoranza armena nella Commissione mista del governo per le minoranze nazionali ed etniche.
È co-fondatore e Presidente del Consiglio nazionale della Fondazione Il fratello di Albert. È stato nominato canonico onorario dell’Arcidiocesi di Cracovia nel 1997 dal Cardinale Franciszek Macharski per il suo lavoro con i disabili e si è dimesso nel 2006 per protesta contro la calunnia nei suoi confronti. Nel 2009 ha condotto su TVP Info, insieme ad Anna Dymna, il programma “Essere necessario”, dedicato ai problemi dei disabili.
È partecipante e organizzatore di molti convogli umanitari ai paesi dell’ex Jugoslavia, Cecenia, Albania, Ucraina, anche in cooperazione con l’Azione umanitaria polacca di Janina Ochojska.
Nel febbraio 2006 ha chiesto di rivelare i nominativi degli informatori dello SB tra il clero dell’Arcidiocesi di Cracovia. Lui stesso ha esaminato i documenti del Servizio di sicurezza, che ha ricevuto dall’Istituto della memoria nazionale come vittima. Le sue attività hanno provocato molte discussioni sul tema del controllo nella Chiesa polacca e hanno incontrato l’ostilità di alcuni circoli ecclesiastici. Ha ripetutamente chiesto senza successo alla Curia metropolitana di Cracovia un incarico e assistenza nella preparazione dei documenti. Il Cardinale Stanisław Dziwisz, allora Arcivescovo metropolita di Cracovia, dopo una lunga attesa, ha deciso di istituire la commissione “Memoria e cura”, che doveva occuparsi del problema della sorveglianza del clero di Cracovia durante la Repubblica popolare polacca comunista.
In qualità di sostenitore della divulgazione dei nominativi di collaboratori segreti del Servizio di sicurezza tra il clero di Cracovia, di fronte alla continua passività delle autorità ecclesiastiche e della nuova commissione “Memoria e cura”, ha presentato i risultati del suo lavoro di ricerca in una conferenza stampa tenutasi il 31 maggio 2006. Dopo il divieto di trattare la questione della cooperazione del clero con lo SB, emanato dalla Curia metropolitana di Cracovia (nei suoi confronti furono applicate misure punitive dalla sezione delle sanzioni ecclesiastiche secondo il Canone 1339), si dimise da questa intenzione, dicendo: “Accetto questa decisione nello spirito di obbedienza al Metropolita per il quale ho sempre avuto e rispetto”.
Il 22 giugno 2006, ha incontrato il Cardinale Dziwisz, dopo di che l’Arcivescovo di Cracovia l’ha assicurato che avrebbe potuto continuare le sue ricerche. Tuttavia, pochi mesi dopo, l’Arcivescovo ha nuovamente disciplinato il sacerdote. Il 17 ottobre 2006, è stato intimato dall’Arcivescovo di astenersi da dichiarazioni pubbliche sui contatti e sulla cooperazione di alcuni sacerdoti con il Servizio di sicurezza. Secondo la Curia metropolitana di Cracovia, Don Isakowicz-Zaleski “ha gravemente abusato della fiducia” e le sue attività “hanno stravolto l’immagine del sacerdote”. Lo stesso sacerdote ha annunciato la sua disponibilità a sottomettersi alla decisione della Curia. Allo stesso tempo, la decisione delle autorità dell’Arcidiocesi ha causato molte polemiche tra osservatori e commentatori della vita della Chiesa cattolica in Polonia.
Il risultato della ricerca condotta da Don Isakowicz-Zaleski sulla base dei documenti raccolti dall’Istituto della Memoria Nazionale è il libro “Sacerdoti contro il Servizio di sicurezza” sull’esempio dell’Arcidiocesi di Cracovia, pubblicato il 28 febbraio 2007 dalla casa editrice Znak. In questo libro, oltre ai casi documentati di collaborazione tra i sacerdoti dell’Arcidiocesi di Cracovia e l’apparato repressivo della Repubblica Popolare di Polonia comunista, ha presentato casi di eroica resistenza e non sottomissione alle pressioni dello SB, ha anche descritto i casi di rottura della collaborazione con lo SB e sostegno all’opposizione da parte del clero cattolico polacco. Per questo lavoro, nel novembre 2007, Don Isakowicz-Zaleski ha ricevuto il Premio letterario di Józef Mackiewicz.

Le attività di Don Isakowicz-Zaleski suscitano grandi emozioni all’interno del clero polacco. In risposta alla sua lotta per purificare la Chiesa Cattolica Romana in Polonia, il Primate Józef Glemp ha detto che “se qualcuno dice cose incoerenti, annusa alla ricerca di sensazioni e segue i sacerdoti in tutta la Polonia per includerli nel suo libro, e i media collaborano con lui, probabilmente qualcosa non va”, per cui in seguito si è scusato. Lo stesso Don Isakowicz-Zaleski ritiene che ci sia una lobby ostile contro la lustrazione nella Chiesa e nelle autorità secolari.
È apparso come uno degli esperti nel film “Tylko nie mów nikomu” (Non dirlo a nessuno) del regista e giornalista Tomasz Sekielski del 2019 diffuso via YouTube, che solleva il crimine della pedofilia nella Chiesa Cattolica Romana in Polonia. Alla fine di maggio dello stesso anno ha rilasciato un’intervista per il portale online del settimanale cattolico Niedziela, in cui ha espresso la sua posizione critica nei confronti della reazione di alcuni vescovi e sacerdoti cattolici romani a casi di abusi sessuali da parte di sacerdoti denunciati. Questo testo, però, a poche ore dalla sua pubblicazione per decisione del Direttore della rivista, Don Jarosław Grabowski è scomparso.
Alla fine di giugno 2020 è stato nominato candidato della Coalizione e Confederazione Polacca alla commissione sulla pedofilia nominata dal parlamento. Durante la votazione del 15 luglio, la sua candidatura non è stata accettata dalla maggioranza del Sejm. I parlamentari del PiS (al governo) e la maggioranza dei membri della Coalizione Civica e della Sinistra (all’opposizione) hanno votato contro la sua candidatura. Come lui stesso ha ammesso, è stato spinto da qualche gerarchia della Chiesa cattolica e da alcuni ecclesiastici a considerare la possibilità di dimettersi dalla corsa per sedere nel comitato. Alla fine, nessuno dei gerarchi della Chiesa Cattolica Romana in Polonia ha dato un segnale chiaro su questo argomento. Tuttavia, uno dei politici del PiS ha diffuso l’informazione che Don Isakowicz-Zaleski si era candidato contro la volontà dei suoi superiori.
Don Isakowicz-Zaleski ha ripetutamente criticato il Cardinale Stanisław Dziwisz per aver apertamente, a suo avviso, sostenuto la Coalizione civica quando era Arcivescovo metropolita di Cracovia. Ha anche ripetutamente parlato negativamente del sostegno più o meno aperto dell’attuale Arcivescovo metropolita Marek Jędraszewski al PiS. In diverse interviste ai media, ha anche espresso opinioni negative sulla decisione della gerarchia cattolica romana di consentire il secondo matrimonio in chiesa di Jacek Olgierd Kurski (un politico del PiS e giornalista, Presidente dell’emittente pubblica polacca TVP; in precedenza membro del Sejm, membro del Parlamento europeo e Sottosegretario di Stato per il Ministero della cultura e del patrimonio nazionale) in un luogo speciale come il Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki.
Don Isakowicz-Zaleski è diventato membro del Comitato per il sostegno sociale di Cracovia di Jaroslaw Kaczynski alle elezioni presidenziali anticipate del 2010.
È membro del Capitolo della Medaglia “Saldi nella Parola”.

Don Isakowicz-Zaleski pubblica due lettere che espongono pedofilia e omosessualità tra il clero polacco e mette alle strette il Cardinale Dziwisz