MALTA – Prete incarcerato per aver abusato sessualmente di un adolescente

Un prete è stato condannato a tre anni per aver abusato sessualmente di un adolescente che era stato affidato alle sue cure. 

Donald Bellizzi è stato condannato per aver abusato sessualmente dell’allora ragazzo di 13 anni, che frequentava un gruppo speciale per coloro che desideravano diventare preti.

I reati sono iniziati nel 2010 quando il ragazzo ha iniziato a frequentare le adunanze per scoprire se avesse la vocazione a diventare prete e sono durati fino all’età di 16 anni.

Bellizzi, che ora ha quasi 50 anni, ha avuto la sua condanna a tre anni di reclusione confermata in appello dalla giudice Consuelo Scerri Herrera che lo ha ritenuto colpevole di aver contaminato il minore e di aver partecipato ad attività sessuali con lui.

La Corte d’Appello ha respinto la sua argomentazione secondo cui le attività sessuali erano consensuali e che non si era imposto su di lui, dicendo che questo non significava che non equivalessero a contaminazione. Inoltre, c’è stata una violazione della fiducia.

Il giudice ha osservato che le attività sessuali, che hanno assunto le forme del sesso orale, sono durate più di tre anni e hanno avuto un effetto drastico sul giovane, tanto che la verità è emersa solo quando ha parlato ai suoi genitori della sua attrazione per gli uomini, dicendo loro che l’abuso ha avuto un effetto sul suo orientamento sessuale.

“Quello che ha fatto l’accusato è stato deplorevole e condannabile perché questi giovani erano soliti partecipare a riunioni di gruppo e live-in al convento per scoprire se avevano la vocazione a diventare sacerdoti e lui era il loro modello di cui si fidavano e si fidavano persino dei loro genitori “, Ha detto la giudice Scerri Herrera confermando la pena detentiva di tre anni.

Il tribunale ha anche confermato l’ordine di protezione a favore della vittima, ordinando all’ex sacerdote di non parlare o di non avvicinarsi e ha anche ordinato che il nome dell’uomo fosse elencato nel registro pedofilo.

Non è chiaro se don Bellizzi abbia da allora lasciato il sacerdozio, ma il caso è stato indagato per la prima volta dalla Commissione di salvaguardia della Chiesa che ha deferito la questione alla polizia. Il caso originariamente riguardava tre giovani, ma è stato giudicato colpevole solo di aver contaminato uno di loro. Era stato anche accusato di possesso di pornografia infantile, ma il tribunale non lo ha ritenuto colpevole di questa accusa.

Gli ispettori Joseph Busuttil e John Spiteri sono stati perseguiti. L’avvocato Joe Giglio è stato difensore mentre l’avvocato Stefano Filletti è apparso parte civile per la vittima.

https://timesofmalta.com/articles/view/priest-jailed-for-sexually-abusing-teenage-boy.832594

close