Lettera online su presunti abusi da parte di un sacerdote, la diocesi: «Nessuna denuncia, avviata indagine»

Un sito internet ha pubblicato la missiva di una donna che sostiene di aver subito violenze sessuali da don Alberto Lucchina negli anni Novanta. Lui ha chiesto e ottenuto la sospensione dall’incarico di parroco a Inzago

«Domenica 11 ottobre è stata pubblicata su una testata online la lettera di una persona che denuncia di avere subito un abuso di natura sessuale negli anni Novanta, abuso che avrebbe come responsabile un sacerdote della Diocesi di Milano, don Alberto Lucchina»: è quanto si legge in una nota della Diocesi di Milano, in riferimento a una lettera pubblicata su retelabuso.org (il sito non divulga il nome dell’autrice). «Non è giunta direttamente alla Curia di Milano alcuna segnalazione relativa a questo fatto, né risulta presentata alcuna denuncia all’autorità giudiziaria o avviato alcun procedimento penale o civile a carico del sacerdote», precisa la diocesi.

La diocesi, «coerentemente con la sensibilità e il rigore con cui affronta situazioni di questo genere», comunica che l’arcivescovo di Milano Mario Delpini «ha disposto l’avvio dell’indagine prescritta dalle norme canoniche; don Alberto Lucchina ha chiesto e ottenuto una sospensione dall’incarico di parroco delle Parrocchie di S. Maria Assunta e S. Maria Ausiliatrice in Inzago e si rende disponibile ad ogni approfondimento; nessuna denuncia o segnalazione relativa a questo o altri episodi simili che coinvolgano don Alberto Lucchina è pervenuta negli anni scorsi alla Curia di Milano».

https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/20_ottobre_17/lettera-online-presunti-abusi-parte-un-sacerdote-diocesi-nessuna-denuncia-avviata-indagine-9e7e939c-1056-11eb-bf58-6564bb782bca.shtml