Abusi nella Chiesa – La vita spezzata di Denise Buchanan: “Un prete mi ha violentata, mi ha fatto abortire e non posso avere figli”

È successo in Giamaica, quando aveva 17 anni.

Denise Buchanan piange:
“Un prete mi ha violentato quando avevo 17 anni. Mi ha messo incinta. E mi ha fatto abortire”.

La donna, nata in Giamaica, ha ora 57 anni e sebbene abbia combattuto per lungo tempo e abbia scritto lettere direttamente al Papa, il prete stupratore non è mai stato condannato. 40 anni dopo continua a tremare, emozionata, raccontando la sua storia dolorosa. Vuole che la Chiesa cattolica riconosca il suo status di vittima.

Proveniente da una famiglia modesta e molto religiosa nella capitale Kingston, afferma di essere stata abusata da un sacerdote della Congregazione della Passione (i cosiddetti Passionisti).

“Quel giorno fu come se qualcosa fosse morto dentro di me”.

Alcune settimane dopo scoprì di essere incinta e si sentì “in frantumi”.

Il sacerdote stupratore ha organizzato un aborto clandestino. Denise non disse nulla ai suoi genitori “per la vergogna” ma anche per paura: “Stavo pensando al disonore che avrei portato alla mia famiglia”, ammette.

Gli abusi continuarono. Il prete gli disse che l’amava e le aveva chiesto di prendere i contraccettivi.

“Ho obbedito come un robot. Veniva nella mia stanza all’università per fare sesso. O mi faceva andare in canonica, nella chiesa. Niente mi importava più”.

Si sentiva completamente sola. E a 21 anni rimase incinta di nuovo.

“Mi diceva che quello che voleva di più al mondo era rimanere un prete”.

Denise poi subì un secondo aborto in una clinica clandestina. E non avrebbe mai più avuto figli.

Appena ha potuto, è fuggita da quell’inferno. A 25 anni ha ottenuto un visto per studiare in Canada, dove ha incontrato un uomo che ha sposato 5 anni dopo. Ma hanno finito per separarsi.

“Ho l’impressione di aver distrutto la relazione a causa della rabbia e della paura che avevo dentro”.

Ora vive in California. Lei è un professore universitario e psiconeurologo. Ha affrontato diversi anni di terapia per “recuperare identità e autostima” e ha raccontato la sua storia nel libro Sins of the Father (“I peccati del padre”, 2013).

Per un anno e mezzo dice di aver mandato una lettera al mese in Vaticano, accompagnata dal suo libro.

Nel 2016 ha finalmente ricevuto una lettera dall’Arcidiocesi di Los Angeles, che è stata “profondamente rattristata” dalla sua storia: “Il Santo Padre prega regolarmente per le vittime degli abusi e ti terrà nelle tue preghiere”, ha detto.

Da questo giovedì, un incontro senza precedenti tra papa Francesco e vescovi di tutto il mondo per affrontare il problema degli abusi sessuali nella Chiesa è stato fatto nella Santa Sede.

Alla sua richiesta di rimuovere dalla Chiesa il sacerdote che l’ha violentata, l’unica risposta è stata che avrebbe dovuto raccogliere le prove per avviare il processo.

“Furiosa” per quella proposta di “preghiere invece di aiuto concreto”, decise di intentare una causa contro il prete.

Nel novembre del 2017 ci fu un incontro in Giamaica. Hanno partecipato Denise, l’attuale arcivescovo, gli avvocati e l’ imputato, che “ha ammesso di aver fatto sesso con me e mi ha fatto rimanere incinta, ma han negato lo stupro e di aver organizzato un aborto”.

Con la legislazione in vigore nel suo paese, lei e il medico che hanno eseguito l’aborto sono a rischio di essere arrestati.

Abbiamo Bob Marley… Ma in realtà la Giamaica è un paese molto cristiano e non parliamo delle nostre esperienze sessuali o del sesso al di fuori del matrimonio.

L’avvocato della donna ha recentemente inviato una lettera all’arcidiocesi chiedendo un risarcimento “per danni emotivi, fisici e spirituali”.

“Non c’è stata risposta”, dice Denise. Teme che ci siano altre vittime dello stesso prete: nel corso degli anni è stato spostato di parrocchia in parrocchia. Ma dal 2017 nessuno sa dove sia.

Continua la sua lotta, ora in Ending Clerical Abuse (“porre fine agli abusi clericali”), un’iniziativa pionieristica nel mondo che riunisce le vittime di 21 paesi diversi.

“È un’opportunità per aiutare a esprimersi e agire”, ha detto Denise, co-fondatrice della ONG. “In modo che nessun ragazzo debba sopportare ciò che ho sopportato”.

https://www.clarin.com/mundo/vida-rota-denise-buchanan-cura-violo-hizo-abortar-puedo-tener-hijos_0_9yS3P1mNW.html

Advertisements