L’Opus Dei mette da parte e indaga un sacerdote per aver abusato di uno studente in un college a Siviglia

La vittima assicura che hanno trasferito il prete nel 2010 dopo aver comunicato i fatti a un superiore

Digital Religion, giornale che ha scoperto il caso questo mercoledì, ha pubblicato parte dell’interrogatorio canonico che l’entità religiosa ha fatto alla presunta vittima (MGF). In esso, il denunciante assicura che nel 2010, alcuni mesi prima di lasciare l’istituto (di cui faceva parte come numerario laico), ha riferito quello che è successo a un direttore regionale dell’Opus Dei a Madrid. “Mi ha consigliato: ‘Guarda, non riferire questo, perché non so se lo ha fatto con un’intenzione sessuale o no, questo è stato imprudente, è stata la mentalità di 15 anni fa, per me e per il mondo intero. un altro sito, non raccolgo più storie, questo farà male, zitto, prega per lui e non ti preoccupare “, riferisce il giornale, informando che il sacerdote è stato indagato per aver abusato di” molti studenti “.

La vittima afferma che l’accusa del lavoro gli disse che avevano inviato Cociña in Galizia. La Prelatura ha affermato che al momento non ci sono prove che ci siano più vittime e che il denunciante abbia trasferito ciò che è accaduto a un superiore nove anni fa. Né ha comunicato le destinazioni di Cociña dopo il suo soggiorno a Madrid. “La nostra intenzione è quella di conoscere la verità di ciò che è accaduto e di prendere atto per prevenire tali casi in futuro. Abbiamo dato il nostro pieno appoggio al denunciante”, ha detto l’istituto, che ha aggiunto che riferirà alla stampa.

Lo scorso dicembre, l’Opus Dei ha consegnato i risultati della precedente indagine alla Congregazione per la Dottrina della Fede e in questo momento, dice, sta aspettando una decisione da Roma per iniziare il processo canonico. “Abbiamo ricevuto una lettera dal Cile, dove ora vive la vittima, e nel primo minuto abbiamo preso misure precauzionali e avviato un’indagine, siamo andati a intervistare la persona colpita nel paese andino e poi abbiamo fatto lo stesso qui in Spagna con l’imputato”, ha detto. un portavoce. Se il Vaticano decide di continuare il caso, il corrispondente responsabile del lavoro in Spagna, attraverso una sentenza, deciderà se l’imputato è colpevole o innocente. La pena per questo crimine spazia dall’esecuzione di esercizi spirituali all’espulsione del sacerdote dallo stato clericale.

Nel 2004, ha lasciato cocina Siviglia ed è stato nominato rettore della Basilica di San Miguel (Madrid) e consigliere (consigliere) Confraternita di studenti fino al 2007, quando ha lasciato l’incarico a causa di malattia, secondo un bollettino del 2015 di questa fratellanza . L’imputato, che nei suoi discorsi afferma di aver vissuto con il fondatore del lavoro, José María Escrivá, ha ricoperto vari uffici ecclesiastici di rilevanza, come la segreteria dell’Accademia di Storia Ecclesiastica nel 2003 o il priorato della delegazione di Granada di l’Ordine del Santo Sepolcro, una posizione che continua ad esibire oggi. Questo giornale ha cercato invano di contattare il prete.

Questo è il secondo caso noto di abuso che colpisce l’Opus Dei. Alla fine dell’anno scorso, un insegnante in un centro della Prelatura in Bizkaia (Collegio Gaztelueta)è stato condannato a 11 anni di carcere per pedofilia. Il centro continua a difendere che manca la storia dell’alunno.

Se sei a conoscenza di un caso di abuso sessuale che non ha visto la luce, scrivici con il tuo rapporto su abusos@elpais.es.

https://elpais.com/sociedad/2019/04/10/actualidad/1554899892_868813.html?id_externo_rsoc=FB_CM&fbclid=IwAR0wUamyNjWYibqkzL6MJod1NCUYV-MOAVL3r8gVF5kuqQjzUudV5GqvOw0

Advertisements