Il Vescovo esorta gli altri vescovi ad essere onesti sulla copertura di McCarrick: “Siate uomini, non vigliacchi” – Bishop urges other bishops to be honest about McCarrick cover-up: ‘Be men, not cowards’

JEFFERSON CITY – Missouri

Il vescovo Shawn McKnight è stato “molto deluso” dall’intervento della Santa Sede la scorsa settimana che ha vietato ai vescovi statunitensi di prendere provvedimenti in merito alle misure per affrontare gli abusi sessuali.

“La mia frustrazione, condivisa con molte altre persone, è questa”, ha spiegato il vescovo McKnight della diocesi di Jefferson City. “Sappiamo dello scandalo dell’arcivescovo McCarrick dalla fine di giugno e la nostra Chiesa deve compiere un’azione immediata, decisiva e sostanziale alla luce della profonda ferita causata dallo scandalo”.

Non è tanto il tempo che serve per punire McCarrick, ha detto, e c’è bisogno di altro al di la della punizione del colpevole.

“Come ha potuto arrivare ad una ascesa in una posizione così influente nella Chiesa?” si domanda “Sono preoccupato di come la conferenza nazionale dei vescovi e la Santa Sede rispondono a questa domanda”.

L’Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Americana (USCCB) si è svolta dal 12 al 15 novembre a Baltimora.

L’incontro è servito a prolungare la rabbia dei cattolici per lo scandalo degli abusi, dopo che il Vaticano ha bloccato il voto dei vescovi statunitensi  su due misure volte a contrastare gli abusi legati ai vescovi e una mozione per chiedere ufficialmente alla Santa Sede di concedere i documenti relativi al caso McCarrick non è riuscito a superare .

La Santa Sede ha insistito affinché i vescovi statunitensi non agissero su nessuna proposta di misure anti-abuso fino a dopo che Papa Francesco si sarà incontrato a febbraio con i presidenti delle conferenze episcopali mondiali a Roma. Il presidente della USCCB, il cardinale Daniel DiNardo, parteciperà all’incontro.

In una rubrica scritta in seguito all’Assemblea, McKnight ha chiesto un sostanziale coinvolgimento dei laici nell’affrontare la crisi degli abusi – un’idea che ha ricevuto qualche rifiuto durante l’incontro.

Ha anche detto che quelli che sono colpevoli a qualsiasi livello nella copertura di McCarrick dovrebbero farsi avanti ora di loro iniziativa.

“Al momento di questa scrittura, non c’è stato un vescovo, arcivescovo o cardinale nella Santa Sede o negli Stati Uniti che si è fatto avanti da solo per pentirsi pubblicamente dei suoi peccati di omissione o di commissione per quanto riguarda la serie di promozioni dell’Arcivescovo McCarrick  per decenni “, ha dichiarato il vescovo McKnight.

“Per favore, sii uomo, non vigliacco, e confessa da solo!” Esclamò. “Non c’è bisogno di un’indagine formale e prolungata per un vescovo per esercitare un po’ di pentimento e preoccupazione per il benessere di tutta la Chiesa. Un’indagine indipendente e trasparente è tanto più necessaria quando i gerarchi colpevoli mostrano l’incapacità di fare la cosa giusta da soli. “

McKnight ha anche criticato il benvenuto nell’incontro USCCB per i vescovi in ​​pensione responsabili di insabbiamento nella crisi degli abusi, dicendo che “i sopravvissuti agli abusi sono ulteriormente perseguitati quando non riusciamo ad agire rapidamente”.

“Vedere alcuni vescovi in ​​pensione che erano notoriamente responsabili di aver coperto gli abusi sessuali del clero all’Assemblea Generale di quest’anno a Baltimora come ospiti graditi è stato uno schiaffo in faccia a tutti coloro che sono stati feriti dal clero”, ha detto. “Questo esempio di arroganza e clericalismo episcopale dimostra il fatto che non abbiamo ancora capito il problema”.

Sia il cardinale in pensione di Los Angeles, Roger Mahony, sia Washington, DC, il cardinale Donald Wuerl hanno parlato nell’Assemblea Generale. Mahony consigliò i Vescovi su come guidare e Wuerl parlò della purificazione nella vita della Chiesa.

Mahony è stato escluso dal ministero pubblico a Los Angeles dal 2013 per aver contribuito a nascondere gli abusi sessuali lì. E a settembre, Wuerl ha chiesto a Papa Francesco di accettare le sue dimissioni proposte tre anni fa, dopo aver affrontato intense critiche sulla sua gestione dei casi di abuso mentre era vescovo di Pittsburgh. Wuerl rimane l’amministratore apostolico dell’Arcidiocesi di Washington fino alla sua sostituzione.

Il giorno dopo l’intervento della Santa Sede, è stato presentato all’incontro dei vescovi, dal cardinale di Chicago Blase Cupich, una proposta alternativa per la gestione delle accuse di abuso contro i vescovi. Wuerl ha collaborato con Cupich a questa proposta.

Cupich e Wuerl sono membri della Congregazione per i Vescovi, la Congregazione vaticana che ha comunicato la direttiva dell’ultimo minuto al cardinale DiNardo che ha ordinato all’USCCB di non votare sulle misure anti-abuso proposte. Cupich ha negato che i due abbiano collaborato a un piano.

Una task force dei presidenti USCCB, passati e presenti, rivedrà i piani anti-abuso per DiNardo da portare potenzialmente a Roma quando parteciperà all’incontro di febbraio convocato da Papa Francesco.

“Sono rimasto deluso dal fatto che anche le proposte miti da prendere in considerazione all’incontro di Baltimora dovevano essere estratte da un voto”, ha detto McKnight nella sua rubrica. “È stato piuttosto un duro richiamo a me per quello che molti laici hanno detto in tutta la nostra diocesi: noi vescovi siamo inefficaci nei nostri tentativi di affrontare il problema dell’abuso di potere da parte della gerarchia”.

Un’indagine interna sullo scandalo di McCarrick senza l’uso di investigatori laici competenti e qualificati difficilmente sarà considerata trasparente e credibile, ha continuato il vescovo.

“Abbiamo bisogno e dobbiamo utilizzare le persone migliori e più brillanti per fare un’indagine di alto livello e studiare il problema”, ha affermato. “L’Arcivescovo Charles Scicluna di Malta è il sacerdote cattolico più qualificato a condurre tale indagine, ma senza sapere che i suoi collaboratori includono laici competenti, il pubblico potrebbe non percepire la sua relazione finale come indipendente e abbastanza completa da essere creduta”.

Interrogato sul perché esperti laici ben qualificati, conosciuti a livello nazionale e fidati, non possono essere nominati alla task force speciale annunciata dal presidente della USCCB, il vescovo della città di Jefferson ha detto: “Siamo di vedute troppo ristrette e chiusi come gerarchia, e lo sono anche alcuni dei nostri processi presso l’USCCB. “

Al di là dello scandalo McCarrick, i vescovi hanno più lavoro da fare e dedicare tempo per quanto riguarda la messa in atto di protocolli e strutture istituzionali per costruire credibilità nella gestione della gerarchia dei casi di abuso sessuale in corso, ha detto, aggiungendo: “La storia dimostra che noi vescovi siamo incapace di controllarci adeguatamente sulla questione degli abusi sessuali del clero “.

(traduzione con Google)

https://www.lifesitenews.com/news/bishop-urges-other-bishops-to-be-honest-about-mccarrick-cover-up-be-men-not?utm_source=LifeSiteNews.com&utm_campaign=8110bc27d7-Catholic_11_20_2018&utm_medium=email&utm_term=0_12387f0e3e-8110bc27d7-404043585

Advertisements