Bochatey ha assicurato che la Chiesa non nasconde i sacerdoti

Il commissario apostolico inviato dal Vaticano parlò anche delle lettere pornografiche trovate tra le proprietà del sacerdote Horacio Corbacho, disse che provenivano da un seminarista.

Mendoza – Il “commissario apostolico” Alberto Bochatey, nominato da Papa Francesco per indagare sulla causa degli abusi sessuali dell’Istituto Próvolo, ha affermato che la Chiesa non copre questi casi, ma investigano e collaborano per raggiungere la verità. Inoltre, ha sostenuto che il sacerdote Nicola Corradi non ha cause o denunce in Italia .

“Quando si è saputo cosa sarebbe successo, è stata avviata un’indagine interna e nel luglio dello scorso anno il Papa mi ha nominato commissario apostolico, lungi dal nascondere stiamo lavorando, investigando e collaborando”, ha detto Bochatey a Cannale 7.

E ha rafforzato: “È una notizia quasi quotidiana, sarebbe impossibile nasconderlo, a volte le persone provano l’emozione, e credono a questi casi aberranti, ma nulla viene coperto e la verità viene cercata”.

Sulle accuse rivolte contro Corradi a Verona, in Italia, il commissario apostolico ha dichiarato: “È una bugia sistematica che i media sostengono. Presentiamo il caso di padre Corradi che in Italia non aveva, né ha cause pendenti. È agli atti con le appropriate note internazionali, che sarebbero l’equivalente del nostro casellario giudiziario, sia in Italia che nella regione di Verona”.

Bochatey ha detto: “Una cosa è un imputato che lo copre e un’altra cosa è indagare, e la Chiesa sta indagando su queste accuse, non ci stiamo nascondendo. Tutte le vittime sono vere, come potremmo non credere, come potrebbero inventare? Stiamo aspettando il processo, da due anni stiamo aspettando che il processo possa cercare di scoprire la verità, la giustizia, ciò che dobbiamo fare”.

Ha anche fatto riferimento alle lettere pornografiche trovate nella stanza del sacerdote Horacio Corbacho, all’Istituto Próvolo: “Ho capito che sono state scritte da uno che allora era un seminarista e che le ha mandati a padre Corbacho”.

Ha detto: “Padre Corbacho le ha mandati a Roma dicendo che questo seminarista non poteva continuare, e poi quel ragazzo è stato espulso e ha fatto una tragica fine”.

Ha aggiunto: “Si è visto che li ha tenuti nelle carte dell’archivio di quel ragazzo che è passato attraverso la congregazione. Sono cose indifendibili e disgustose”.

Bochatey ha anche risposto a domande circa la vendita della proprietà del Provolo, e ha detto: “Eravamo in una situazione catastrofica dal punto di vista economico. Quella proprietà per due anni fu chiusa, per un anno e mezzo non abbiamo potuto entrare, furono fatte più di 20 livellamenti del terreno e molto è stato scavato. L’edificio stava cadendo a pezzi, e i debiti che avevamo erano 5 o 6 milioni di pesos per i le cause legali che stiamo iniziando.

Abbiamo dovuto prendere una decisione con quella proprietà perché sappiamo che molte altre richieste arriveranno e l’unico bene che avevamo era quella proprietà”.

“Sapevamo che la Municipalità di Luján stava cercando una sede, la vendita è stata fatta, abbiamo già pagato molti debiti e stiamo preservando il denaro nel miglior modo possibile perché, se le vittime saranno riconosciute, le richieste economiche arriveranno”, ha spiegato. Ha aggiunto: “È un peccato che lo vogliano investire in pesos senza interessi e questo denaro verrà pagato alle vittime”.

(traduzione con Google)

https://www.diariouno.com.ar/mendoza/bochatey-aseguro-que-la-iglesia-no-encubre-a-curas–11232018_Sy5tl2r0Q

Advertisements