La vittima di abusi di McCarrick diventa pubblica, dice ai vescovi americani che è tempo di “azioni”

BALTIMORE, Maryland, 13 novembre 2018 ( LifeSiteNews ) – “La legge di Gesù è molto più alta dei segreti pontifici … non è la Chiesa di Francesco, è la Chiesa di Gesù Cristo”, ha detto James Grein, l’uomo che è stato abusato dall’ex-cardinale Theodore McCarrick per 18 anni, al raduno “Silence Stops Now” oggi.

Identificandosi pubblicamente per la prima volta, James disse al pubblico: “Devo ammettere che in questo momento tutto il mio corpo sta tremando, quindi per favore abbiate pazienza con me”. In precedenza si era identificato solo con il suo nome nelle interviste ai media.

“Questo articolo del [ New York Times ] non sarebbe mai stato scritto se non fosse stato per un chierichetto di 16 anni” che accusò McCarrick di aver abusato di lui, secondo James. Ha incoraggiato tutti a leggere quell’articolo, dove per primo ha condiviso la storia degli abusi sessuali su di lui da parte di McCarrick, iniziata all’età di 11 anni.

“Il fantasma di McCarrick per sempre perseguiterà la Chiesa di Gesù”, ha detto.

James ha rivelato che il riconoscimento da parte della Chiesa dell’accusa credibile contro McCarrick e la successiva condanna del prelato a una vita di “preghiera e penitenza” – ora svolta in Kansas vicino a una scuola elementare – lo hanno spinto a farsi avanti.

“Il mio tempo è arrivato”, disse James. “C’è voluto troppo tempo perché le vittime si facessero avanti”.

“Abbiamo bisogno di azioni che garantiscano che questo problema venga affrontato e affrontato onestamente”, ha chiesto. “È tempo che la Chiesa parli. C’è troppo silenzio. Ma il silenzio non ci ingannerà più per dimenticare o ignorare lo scandalo “.

“I nostri vescovi devono sapere che il gioco è finito.”

“Sono qui oggi per la grazia di Dio”, concluse James. Ha detto che continuerà a esporre il male nella Chiesa “per il resto della mia vita”.

La manifestazione “Silence Stops Now” si svolge fuori dall’hotel, dove la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB) sta conducendo il suo incontro autunnale. Poco prima dell’inizio dell’incontro, il Vaticano ha incaricato l’USCCB di non votare su due misure di riforma sull’abuso sessuale.

L’Arcivescovo Carlo Maria Viganò ha lanciato oggi un breve messaggio ai Vescovi statunitensi, esortandoli a confrontarsi con gli abusi sessuali come “coraggiosi pastori” piuttosto che “pecore spaventate”.

“Non temere di alzarti in piedi e di fare la cosa giusta per le vittime, per i fedeli e per la tua salvezza: il Signore renderà ognuno di noi secondo le nostre azioni e omissioni”, ha detto.

(traduzione con Google)

https://www.lifesitenews.com/news/mccarricks-abuse-victim-goes-public-tells-us-bishops-its-time-for-actions

Advertisements