Lettera aperta ai Vescovi cattolici statunitensi: è finita. Open letter to the US Catholic bishops: It’s over

Cari fratelli in Cristo, pastori, compagni di pellegrini,

Ci rivolgiamo a voi mentre vi avvicinate all’incontro nazionale di quest’anno a Baltimora perché sappiamo che non c’è nulla da nascondere.

È finita.

Tutte le manipolazioni e le contorsioni degli ultimi 33 anni, tutti i tentativi di deviare e equivocare – tutto ciò ha portato la chiesa, ma soprattutto voi, a questo momento.

È finita.

Anche i federali sono ora sulla pista. Hanno ordinato di non distruggere alcun documento. Il Dipartimento di Giustizia sta conducendo un’indagine penale nazionale su come avete gestito lo scandalo degli abusi sessuali del clero. È un punto della nostra storia senza precedenti. Vogliamo che voi sappiate che non siete soli in questo momento, non siete stati abbandonato. Ma questa volta deve essere diverso. Questa volta non sarà facile.

Dalla favola al testo sacro, sappiamo come va. Il punto è raggiunto dove tutti capiscono che il re è nudo, i giusti accusatori leggono la scritta sulla sabbia e svaniscono, le autorità religiose ricevono i rimproveri più pungenti del Maestro. Come classe di governanti religiosi, i più forti tra voi sono diventati piuttosto bravi nell’applicare la legge e rivendicare l’autorità divina nell’emarginare coloro che trasgrediscono la legge. Lo scandalo di abusi prolungati suggerirebbe, tuttavia, che non avete fatto molto bene a giudicare voi stessi.

Non abbiamo una visione particolare del perché ora – il rapporto del gran Giurì della Pennsylvania, il crollo di Theodore McCarrick – abbia catturato così l’opinione pubblica e spinto la chiesa verso questo limite esterno di esposizione e vulnerabilità. Ci sono teorie, non ultima delle quali è che gli opportunisti tra di noi stanno tentando di usare questo momento per far cadere l’unico Papa che ha detronizzato i vescovi e un cardinale per i loro crimini e imprudenze.

Ma questo è un problema per un’altra volta.

La realtà, lo sappiamo tutti, è che è andata avanti da molto tempo. La prima storia nazionale è stata pubblicata su quattro pagine di questa pubblicazione nell’estate del 1985 . Il peggio è accaduto durante il pontificato del frettoloso santo Giovanni Paolo II, un gigante sul palcoscenico mondiale, ma un pastore che ha lasciato vagare i lupi nel proprio gregge. Il suo concetto idealizzato di sacerdozio eroico apparentemente lo ha lasciato incapace di ascoltare la verità da testimoni credibili, compresi i pochi vescovi che hanno osato turbare quel mondo idealizzato con notizie preoccupanti. Promosse fino alla fine Marciel Maciel Degollado, fondatore della Legione di Cristo, e un personaggio che è venuto a rappresentare il peggiore degli scandali di abuso. Maciel, un abile adulatore, ha tenuto a bada l’esame minuzioso con la sua capacità di distribuire un sacco di giovani preti e un sacco di soldi in giro per il Vaticano.

Si tratta di un marciume nel cuore della cultura affidata alla leadership della comunità cattolica.

Il punto oltre ogni disputa è che siamo in un momento nella storia della Chiesa degli Stati Uniti – e forse nella storia della chiesa globale – senza precedenti. Non si tratta di questioni discutibili – il celibato o la clausola filiale, o il primato delle Scritture o se la Terra è il centro dell’universo o se le donne dovrebbero essere autorizzate all’ordinazione sacerdotale o qualcuno dei temi caldi che hanno mantenuto un clima turbolento negli ultimi decenni. Questo, invece, riguarda un marciume nel cuore della cultura affidata alla leadership della comunità cattolica. Una marea così pervasiva che ha toccato ogni aspetto della vita della comunità, sconvolgendo tutte le certezze e le presunzioni su chi siamo e chi siete che ha aiutato a tenere insieme questa comunità.

Coloro che hanno lavorato così ardentemente in passato per rendervi capaci – i fedeli, così traditi, che non potevano credere che vi sareste impegnati in una copertura così deliberata; personaggi del calibro di George Weigel e la sua agiografia acritica e cieca di Papa Giovanni Paolo II; La dottoressa Mary Ann Glendon e il defunto p. Richard John Neuhaus e la loro ingenua celebrazione e difesa di Maciel; il resto del coro di First Things e pubblicazioni simili; il tacito silenzio di tanti altri punti di vista cattolici; l’assurdità del ciarlatano William Donohue e della sua sciocca lega “cattolica” – hanno aiutato a sostenere il vostro scarso racconto, poiché molti di loro hanno denigrato quelli che hanno sollevato le domande difficili e hanno perseguito la verità.

È finita.

Nessuno di loro ha più di un caso convincente da produrre. Alcuni di loro ora cercano di incolpare la crisi dei preti gay. Potreste essere tentati di aggrapparvi a quel diversivo, ma non farete altro che prolungare l’agonia già intollerabilmente lunga.

I preti e i vescovi gay sono certamente tra noi – probabilmente una percentuale maggiore di gay nel clero cattolico, se si vuole credere alle prove aneddotiche e alle chiacchiere private dei Parroci e dei Rettori dei Seminari, di quanto si possa trovare nella popolazione generale.

La cultura del clero ha un profondo bisogno di una conversazione seria e di un’educazione su questo argomento e molto altro riguardo alla sessualità. Questa discussione è improbabile su scala significativa perché troppi vescovi e troppi preti, se fossero onesti, dovrebbero ammettere un orientamento che la chiesa chiama ancora “disordinato”. A meno che la preponderanza di esperti credibili abbia improvvisamente ribaltato la sua comprensione delle cose, tuttavia, l’orientamento sessuale non è uno degli argomenti che si abbinano agli abusi sessuali.

L’orientamento sessuale non è un fattore determinante nell’abuso di bambini. Se lo fosse, dovremmo investigare sull’orientamento eterosessuale come causa perché un sacco di abusi sono perpetrati da uomini eterosessuali su ragazzi e ragazze. Quindi, prendete quella strada se volete, ma siate pronti a perdere credibilità per ciò che potrà essere trovato in serbo.

È finita.

Vi siete nascosti in una cultura che vi ha protetto per troppo tempo dalle conseguenze dei vostri peggiori istinti. I confini che un tempo proteggevano la vostra cultura dal controllo sono diventati oggi irrilevanti come i fossati e le mura dei secoli precedenti. Non c’è più alcun nascondiglio. Siete stati in grado di assorbire gli eccessi di potere, autorità e privilegi che si sono accumulati nei secoli e, come il tossicodipendente che tocca il fondo, una decisione fondamentale per il recupero è essenziale per la vostra sopravvivenza.

È finita.

Avete toccato il fondo non perché l’ultimo sprizzo di cattive notizie è il risultato di una decisione di ripulire e dire la verità. È il risultato di un’altra inchiesta. In breve, siete stati spinti a parole di contrizione perché ancora una volta siete stati costretti. Sì, la maggior parte sono vecchie notizie. Sì, il meccanismo di insabbiamento è stato progettato principalmente da vescovi che non sono più in carica o sono morti. Le organizzazioni giornalistiche, una volta riluttanti a prendervi in giro per paura di essere etichettate anticattoliche, non sono più reticenti.

Siete diventati certo “clickbait”, cliccati. E continuerete ad essere sotto i riflettori, di diocesi in diocesi, più documenti vengono pubblicati e rivelati e più Tribunali esaminano il funzionamento interno di questa istituzione negli ultimi 50 anni circa. È un dolore auto-inflitto.

Vescovi, siete stati abbastanza sicuri di ciò che stava succedendo e delle sue potenziali conseguenze che avete impiegato legioni di avvocati individuali e studi associati.

E per favore smettete di affermare che non sapevate cosa stava succedendo prima del 2002. Se lo scandalo è esploso nel 2002, è stato perché una lunga miccia aveva già scatenato esplosioni in città dopo città e Stato dopo Stato ed è stata ampiamente descritta 17 anni prima della scintilla che colpì Boston. All’indomani di quelle esplosioni, eravate abbastanza sicuri di ciò che stava succedendo e delle sue potenziali conseguenze che avete impiegato legioni di avvocati individuali e studi associati. Sapevate abbastanza per tenere i file segreti sotto chiave. Sapevate che era abbastanza malvagio da doverlo nascondere.

È finita.

Non si può negare che avete apportato molte modifiche alle cattive notizie. Avete prodotto un documento per proteggere i giovani. (Giusto notare che ci sono voluti 16 anni per prendere in considerazione l’idea di includere voi stessi tra coloro che devono essere ritenuti responsabili). Avete istituito un ufficio nazionale, avete pagato studi legali specializzati, istituito commissioni di revisione nazionali e locali, avete organizzato servizi di riconciliazione e avete richiesto la formazione per la protezione dei minori e controlli sui precedenti, e pagato miliardi negli accordi. La chiesa è indiscutibilmente un posto più sicuro per i bambini per tutto questo. Ma era stato fatto tutto come reazione alle spinte esterne alla chiesa.

L’unica cosa che non si può essere costretti a fare è rivelare quello che si viene a sapere attraverso la nostra tradizione sui sacramenti: un esame personale approfondito, dicendo la verità, implorando il perdono e una decisione di riparare.

La verifica inizia con la domanda alla quale solo voi potete rispondere, individualmente e come gruppo: come mai noi e i nostri fratelli in passato, come leader di questa cultura clericale, raggiungemmo il punto in cui potemmo razionalizzare voltando le spalle ai bambini che erano stati sessualmente abusati dai nostri sacerdoti per proteggere quei preti e la nostra cultura? Uno dei vostri fratelli, il cardinale di Chicago Blase Cupich, ha già illustrato alcune misure appropriate. I vescovi devono “cedere l’autorità”, ha detto, per consentire una maggiore responsabilità verso l’autorità esterna. Ha anche detto che “il privilegio, il potere e la protezione di una cultura clericale” devono essere “sradicati dalla vita della chiesa” o “tutto il resto è un evento secondario”.

Questi sono punti degni da considerare. L’ incontro che avete programmato per gennaio sarebbe il posto perfetto per farlo proprio tutti insieme. Un consiglio: partecipate in abito civile e lasciate a casa tutti i crismi, i colletti e i completi neri, tutta la seta, i merletti e le croci pettorali. Dio vi riconoscerà. Fate quel piccolo passo in umiltà come si incontrano effettivamente i fratelli. Cercate quelli tra voi che hanno sofferto, che hanno saputo cosa significa passare attraverso il dolore, la dipendenza o la malattia. Chiedete loro di aiutarvi ad uscire da questo momento buio. Loro sapranno indicarvi la via.

Quando sarà finita, e qui diamo un suggerimento che va contro l’interesse giornalistico: state zitti. Nessuna dichiarazione grandiosa.

Nei mesi a seguire, dato che l’indagine federale probabilmente comprenderà ancor più documenti e che la miccia accesa continua a scatenare esplosioni, alcuni di voi potrebbero pagare caro per ciò che si è o non si è fatto in passato. Sapremo come è andato il vostro incontro da come vi comporterete in quei momenti.

Sapremo se avete davvero toccato il fondo e siete in via di guarigione, se avete a cuore il miglior interesse della comunità, o se siete ancora alla ricerca di grazia a buon mercato e via d’uscita facile.

È finita.

Nel nome delle vittime minorenni, le famiglie distrutte, i genitori che non conoscono la fine della loro agonia, il corpo di Cristo sottoposto a inesorabile umiliazione da decenni, deve essere finita. Questa volta deve essere diverso.

Preghiamo per te,

Tue sorelle e fratelli, i vostri compagni di pellegrini, la chiesa.

(Traduzione con Google)

https://www.ncronline.org/news/opinion/open-letter-us-catholic-bishops-its-over

Advertisements