Il giudice dice che l’avvocato ha calunniato il tribunale per aver insinuato di favorire il Canada sul caso di Sant’Anna

Il sopravvissuto alla scuola residenziale di St. Anne dice che le parole del giudice potrebbero disincentivare altri richiedenti che cercano rimedi giudiziari

Jorge Barrera · Notizie dalla CBC ·Inserito: 16 gennaio 2018 8:44 ET | Ultimo aggiornamento: 17 gennaio

Un giudice dell’Ontario incaricato di supervisionare l’Accordo di insediamento della scuola residenziale indiana dice che un avvocato che rappresenta i sopravvissuti della scuola residenziale di St. Anne “ha diffamato la corte” suggerendo che fosse prevenuta a favore del governo federale.

Il giudice della Corte Superiore dell’Ontario Paul Perell ha emesso una disposizione pesante, lunedì, rivolta a Fay Brunning, un avvocato di Ottawa che ha rappresentato i sopravvissuti di St. Anne per diversi anni, ottenendo importanti vittorie lungo la strada.

Casi da Fort Albany, Ontario, scuola, dove una sedia elettrica fatta in casa era stata usata per punizione e sport, sono stati invalidati dalla decisione di Ottawa che inizialmente riuniva migliaia di documenti di un’indagine della polizia provinciale dell’Ontario, varata negli anni ’90, che aveva portato ad accuse e condanne per ex personale scolastico.

Perell ha posto una obiezione alle recenti deposizioni del Tribunale da parte di Brunning, relative alla dichiarazione che il Tribunale ha dato “trattamento preferenziale” al Canada. Perell ha anche espresso disagio rispetto all’e-mail  della Brunning, inviata il 12 gennaio al legale della Corte, dove ha dichiarato che il Tribunale aveva “trascurato di imporre i propri ordini contro il Canada” nei casi che coinvolgono i sopravvissuti di Sant’Anna e che “presume sempre che il Canada sia sincero”.

Perell ha scritto che era preoccupato per le “accuse di Brunning che riducono la fiducia dell’opinione pubblica nella supervisione della Corte” sull’accordo transattivo con le scuole residenziali, che ha impostato una sentenza per stabilire un risarcimento per gli abusi subiti dalle istituzioni.

“Le sue affermazioni possono essere forse sprezzanti”, ha scritto Perell, uno dei nove giudici che supervisionano l’attuazione dell’accordo transattivo.

“Ha messo in discussione l’imparzialità della Corte e la sua integrità”.

“I difensori hanno un dovere … per l’amministrazione della giustizia”

Nella stessa e-mail, Brunning ha detto che la sua cliente, Stella Chapman, nota anche come C-14114 di St. Anne nelle registrazioni giudiziarie, non avrebbe partecipato a una ri-audizione della sua richiesta di indennizzo per abuso di studenti contro studenti, fissata per venerdì, come risultato delle azioni del Tribunale e del Canada. L’ordine di Perell ha indirizzato Brunning a presentarsi con il suo cliente per l’udienza programmata.

“Credo che la signora Brunning sia un avvocato zelante e leale a favore di C-14114, ma i difensori hanno un dovere non solo verso i loro clienti, hanno anche il dovere di amministrare la giustizia e lo stato di diritto”, ha scritto Perell.

“Se C-14114 avesse dato istruzioni alla signora Brunning di procedere come ha fatto, cosa di cui dubito, la signora Brunning non avrebbe dovuto accettare quelle istruzioni, ed è stato poco professionale per lei farlo”.

Brunning ha dichiarato in una e-mail a CBC News che avrebbe consultato il proprio avvocato e Chapman riguardo ai suoi “diritti legali”.

Brunning ha messo in dubbio l’imparzialità della Corte in seguito alla sentenza Perell, del 4 gennaio, che ha respinto un tentativo di Chapman di obbligare i legali federali ad accettare come trascrizioni delle prove da un’indagine della polizia provinciale dell’Ontario, degli anni ’90, sugli abusi a St. Anne, e da un caso del tribunale civile del 2003 a Cochrane, Ontario.

Perell ha stabilito che il governo federale aveva il diritto, in base all’accordo transattivo, di contestare le richieste di risarcimento per la scuola residenziale e di respingere alcune prove.

Chapman richiedeva le trascrizioni utilizzate nell’udienza del venerdì nell’ambito del processo di valutazione indipendente (IAP), che è stato impostato dall’accordo transattivo per l’indennizzo.

Il ministro delle relazioni indigene della corona, l’ufficio di Carolyn Bennett, ha detto che il governo non si sta più impegnando per la ri-audizione della richiesta di Chapman di IAP.

Le parole del giudice possono disincentivare

Chapman inizialmente perse la sua istanza IAP nel 2013, in un periodo in cui il governo federale teneva migliaia di file OPP che descrivevano abusi diffusi – tra cui l’uso di una sedia elettrica fatta in casa, aggressioni sessuali e percosse con fili rullanti di castoro – sottosopra.

Perell ordinò la pubblicazione dei file OPP nel 2014 in un caso in cui Brunning rappresentava 60 sopravvissuti di St. Anne.

Il sopravvissuto di Sant’Anna, Edmund Metatawabin, che è stato rappresentato da Brunning, ha detto che l’ordine di Perell probabilmente ha gelato gli altri sopravvissuti e gli avvocati continuano a lottare per i diritti.

“Ora non sappiamo cosa aspettarci dal Tribunale: qual è l’avvertimento ad altre persone giuridiche, ad altri avvocati quando scelgono di parlare per le persone delle First Nations, che c’è un pericolo in futuro?” ha detto Metatawabin, in un’intervista telefonica martedì.

“È molto strano: un giudice rappresenta cose più forti, dovrebbe essere in grado di sentire tutto e fare del suo meglio per arrivare a una decisione senza attaccare nessuna delle due parti”.

L’ordine di Perell ha anche rivelato che Brunning, a nome di Chapman, ha comunicato in una altra e-mail, l’11 gennaio, che stava progettando di presentare una opposizione per la mozione della Corte contro Bennett e il ministro della Giustizia Jody Wilson-Raybould, sostenendo che non avevano rispettato l’ordine di divulgazione del 2014 e i requisiti previsti dall’accordo transattivo. Brunning lasciò scadere i termini  suggeriti dalla Corte e dal governo federale.

Il governo federale ha chiesto alla Corte di ordinare a Brunning di pagare le sue spese legali, in una mossa Perell ha detto che era un “regolamento delle tariffe”, secondo la sua sentenza del 4 gennaio.

https://www.cbc.ca/news/indigenous/judge-st-anne-s-residential-school-lawyer-reprimand-1.4490498

Advertisements