L’ordine religioso degli Oblati coprì decenni di abusi sessuali sui bambini delle First Nations, sostengono le vittime

L’abuso sessuale di Innu, i bambini di Atikamekw per mano dei missionari è stato dilagante, rileva un’indagine

Julia Page , Loreen Pindera · CBC News ·

Questa storia è basata su una relazione di Anne Panasuk del programma investigativo, un’indagine. Guarda  il rapporto completo di Enquête  qui, in francese.

“Ci lasciava guidare, sapeva come fare tutto, eravamo impressionati nel vedere un prete agire in quel modo”, ricorda Jason Petiquay.

Petiquay aveva 11 anni quando fu abusato sessualmente da Raynald Couture, un missionario degli Oblati che lavorava a Wemotaci, Que., Dal 1981 al 1991.

La comunità di Atikamekw, 285 chilometri a nord di Trois-Rivières, era una delle tante remote comunità delle First Nations del Quebec dove sacerdoti appartenenti ai Missionari Oblati di Maria Immacolata (OMI) erano leader spirituali e figure di autorità per generazioni.

Petiquay descrisse come Couture avrebbe attirato giovani ragazzi nel suo abitacolo invitandoli a fare un giro sul suo fuoristrada o sul suo pick-up.

La sua storia di abusi è una delle dozzine di Atikamekw e Innu in Québec ha detto al programma investigativo di Radio-Canada Enquête in un rapporto che andrà in onda giovedì sera.

Dipinge di un cupo ritratto di abusi sessuali diffusi per mano di almeno 10 sacerdoti oblati in otto diverse comunità servite dall’ordine missionario, che iniziò il suo lavoro di evangelizzazione tra gli Inuit e le prime nazioni in Canada nel 1841.

MMIWG mette in luce un segreto vecchio di decenni

È passato quasi un anno da quando le donne delle comunità Innu isolate di Unamen Shipu e Pakua Shipu, sulla sponda settentrionale del Québec, hanno raccontato di essere state aggredite sessualmente da un sacerdote Oblato che ha lavorato nel loro territorio per quattro decenni, fino alla sua morte nel 1992 .

Una dopo l’altra, le presunte vittime del nativo belga, padre Alexis Joveneau, hanno raccontato nell’inchiesta federale sulle donne indigene scomparse e assassinate (MMIWG) su come il sacerdote carismatico e ammirato le avesse violentate da bambini.

“Non potrei parlarne”, ha detto Thérèse Lalo ai commissari. “Era come un dio.”

Sulla scia della testimonianza di Lalo e altri, i Missionari Oblati di Maria Immacolata hanno rilasciato scuse, istituito una linea telefonica e offerto supporto psicologico alle presunte vittime di Joveneau.

“Siamo assolutamente devastati da queste problematiche testimonianze”, ha detto l’ufficio OMI in Quebec in una dichiarazione di marzo.

Ma le accuse nel rapporto dell’Ente suggeriscono che i superiori dell’ordine religioso conoscevano a lungo le accuse contro Joveneau.

Francis Mark, un uomo Innu di Unamen Shipu che ha detto di essere stato abusato da Joveneau, ha detto molti anni fa, ha chiesto aiuto al defunto arcivescovo Peter Sutton, un Oblato che è stato nominato vescovo della diocesi di Labrador City-Schefferville nel 1974.

“Mi ha deluso”, disse Mark. “Non mi ha condotto, c’era giustizia? No”

Gli anziani devoti hanno tenuto il silenzio

In alcuni casi esaminati, quando i superiori oblati o ufficiali della chiesa venivano informati dell’abuso, i sacerdoti venivano semplicemente inviati alle comunità vicine, dove altri bambini indigeni venivano abusati a turno.

In altri casi, come in quello di Padre Raynald Couture a Wemotaci, gli anziani profondamente religiosi della comunità insistevano sul silenzio.

“I mushums , i kookums [nonne e nonni], gli hanno chiesto di rimanere nella comunità”, ha detto Charles Coocoo, un uomo di Wemotaci che una volta ha chiesto che Couture se ne andasse.

Mary Coon, un’assistente sociale all’epoca, andò direttamente all’ordine religioso per chiedere loro di intervenire, ma senza un reclamo ufficiale della polizia, gli Oblati rifiutarono.

“I ragazzi non denunciano”, ha detto Coon. “Volevamo tirarlo fuori da qui, ma come potevamo? Non ci sono state denunce, non abbiamo avuto nulla.”

Nel 1991, Couture fu inviato in Francia, dove rimase fino a quando otto delle sue vittime non fecero pressione. Nel 2004, è stato condannato a 15 mesi di prigione, una punizione definita da un’altra vittima, Alex Coocoo, così leggera da essere “ridicola”.

‘Un peccato da confessare’

Claude Niquay ha detto di essere un chierichetto di sette anni quando sostiene di essere stato molestato per la prima volta da padre Clément Couture, un altro missionario oblato che è stato inviato a Manawan, una comunità Atikamekw a sud-ovest di Wemotaci, fino al 1996.

Niquay era costretto a vedere il suo presunto violentatore ogni giorno, quando consegnava i pasti cucinati da sua nonna al sacerdote.

Quando ha cercato di dire a sua nonna gli assalti, è stato punito.

“Mi diceva di andare a sedere in un angolo, che era un peccato parlare di quelle cose”, ha detto.

Prima dell’arrivo di Couture, la comunità era stata servita da altri due sacerdoti Oblati, Édouard Meilleur, e più tardi Jean-Marc Houle, le cui presunte vittime – anziani ora – ricordano ancora vividamente le violenze subite.

Antoine Quitish aveva solo cinque anni quando Meilleur si tolse il mantello e si costrinse a “picchettare” il petto di Quitish con il suo pene.

“Sono felice che [la storia] sia uscita adesso”, ha detto Quitish, ora 75.

Altri anziani di Atikamekw descrissero Meilleur come un esibizionista che si sarebbe infilato le mani sotto gli abiti delle ragazze durante la confessione.

L’inchiesta, che è stata pubblicata a Manawan dal 1953 al 1970, ha ritenuto che Houle era attratto dalle donne incinte: si dice che abbia diffuso olio santo sugli stomaci, i seni e i genitali delle sue vittime, spiegando che stava allontanando il diavolo dai loro bambini non nati.

Le storie sono uscite.

“Ho detto all’arcidiocesi, ‘Se non lo fai uscire di lì, domani mattina sarà sulla prima pagina dei giornali'”, ricorda il leader di Huron-Wendat, Max Gros-Louis, allora il capo dell’Associazione degli indiani del Quebec.

Houle è stato rimosso, ha detto Gros-Louis – solo per essere inviato alla comunità Innu di Pessamit, sulla costa settentrionale del Québec.

La comunità ha avvertito dei comportamenti del prete

Robert Dominique, allora consigliere di una band di Pessamit, ha detto che i suoi amici di Atikamekw lo hanno avvertito di Houle, ma la cultura del tempo ha assicurato il suo silenzio.

“Per gli anziani, la loro fede è profondamente radicata”, ha detto Dominique. “La religione è sacra”.

Dire ad alta voce che un prete stava violentando donne e bambini era inconcepibile, concordò Gros-Louis.

“Non ti sarebbe più permesso uscire, saresti bandito, scomunicato” disse.

Non ci sono prove che i presunti assalti di Houle siano continuati in Pessamit. Tuttavia, le persone in quella comunità ricordano gli abusi di tre sacerdoti Oblati che lo hanno preceduto.

La sorella di Dominique, Rachelle, sostiene di essere stata aggredita per la prima volta da padre Sylvio Lesage negli anni ’60, e quando padre Roméo Archambault lo sostituì negli anni ’70, per lei le cose andarono peggio.

L’avrebbe portata nella cantina della chiesa, ricorda.

“Era dietro di me, teneva i miei piccoli seni”, afferma, “e dopo che ho dovuto masturbarlo nel buio.”

Ha descritto di sentirsi “spezzata, denigrata”.

Jean-Yves Rousselot ha anche raccontato di essere stato aggredito sessualmente da Archambault – presunti assalti che sono continuati quando il missionario Oblato è stato sostituito da padre René Lapointe. Il giovane chierichetto raccontò a suo nonno cosa era successo e fu picchiato.

“Dovevo andare a confessarmi, confessare che avevo commesso una bestemmia”, ha detto Rousselot.

Lapointe era il suo confessore.

Il prete sarebbe poi stato trasferito in un’altra comunità Innu, a Nutashkuan, dove rimase per 30 anni, presumibilmente pagando dei bambini per masturbarlo.

Nel 2003, la polizia provinciale ha avviato un’indagine a seguito di una denuncia, ma le accuse non sono mai state fatte.

Una Class Action attende gli Oblati

Nella comunità di Innu di Mani-Utenam, Gérard Michel ricorda agli anziani della comunità che lo mandarono, insieme ad un altro giovane, a Baie-Comeau nel 1970 per chiedere all’arcivescovo di rimuovere padre Omer Provencher, che è accusato di aver aggredito sessualmente le ragazze nella Comunità.

Non è stato fatto nulla

“Niente, niente, niente,” disse Michel, ora  egli stesso un anziano.

Provencher, che ha lasciato il sacerdozio per vivere con una donna Innu anni fa, ha detto a Enquête che non risponderà a nessuna domanda finché non sarà formalmente accusato di un crimine.

Padre René Lapointe, il prete che ha trascorso tre decenni a Nutashkuan, nega di aver mai aggredito sessualmente i bambini.

Ora nella casa di riposo degli Oblati a Richelieu, ha detto a Enquête che  non c’è assolutamente nulla di vero in tutto ciò.

“Nulla è vero in questa storia: sono tutte invenzioni”, ha detto.

Raynald Couture, il prete Oblato che è stato riconosciuto colpevole di aver aggredito sessualmente i bambini a Wemotaci, vive nella stessa casa di riposo.

Ammette i suoi crimini passati.

“Ho bevuto come un bastardo, ed è allora che sono successe quelle cose”, ha detto a Enquête . Chiamò i suoi assalti “una debolezza” e poi un “gioco con i bambini”, e disse che cercava aiuto dai suoi superiori, chiedendo di vedere lo psicologo degli Oblati.

“Non sono nemmeno venuti” disse.

La maggior parte dei sacerdoti accusati di aver aggredito così tante persone Innu e Atikamekw da bambini adesso sono morti; Padre Alexis Joveneau, morto nel 1992, è sepolto nel cimitero di Unamen Shipu, dove ha trascorso così tanti anni.

Alla fine di marzo, pochi giorni dopo che gli Oblati avevano rilasciato le loro scuse e istituito una linea diretta per le presunte vittime di Joveneau, fu lanciata una causa collettiva in Québec per tutte le vittime di violenza sessuale per mano di preti oblati.

L’avvocato Alain Arsenault dice che fino ad oggi, 48 vittime si sono fatte avanti, sostenendo che sono state aggredite da 14 diversi missionari oblati.

Con la causa pendente in sospeso, il capo dell’Ufficio degli Oblati in Quebec, il Padre Superiore Luc Tardif, respinse la richiesta di essere intervistato per questa storia.

Indipendentemente dai risultati di quella causa, le persone in Unamen Shipu chiedono che i resti di Joveneau, sepolti accanto ai loro cari Innu, vengano esumati e portati via.

– Sulla base di un rapporto di Anne Panasuk di Radio-Canada  Enquête

(Traduzione con Google)

https://www.cbc.ca/news/canada/montreal/oblate-priests-accussed-sexual-abuse-quebec-indigenous-1.4868067?fbclid=IwAR3mwJktI_orSxrmkfr699j-y70gFjWAFd17wfhKycobDy_5Iwfd7zYZlos

Advertisements