Una valanga di rapporti dopo aver rivelato una mappa pedofila nella Chiesa. “Possono esserci fino a 2.400 vittime”

La fondazione che aiuta le vittime dei preti pedofili ha pubblicato una mappa dei perpetratori e delle vittime. Ci sono oltre 300 casi e ne sono stati registrati circa 100 in 24 ore. – Le vittime possono essere anche più di 2.400 – dice Marek Lisiński, fondatore della fondazione e co-creatore della mappa.

La mappa è disponibile su Internet da domenica. – Ci viene fatto un piccolo “Spotlight”. Ora è più di mezzo milione per entrare nel sito con una mappa. Cinque anni fa, quando ho fondato la fondazione, avevo un sogno di cambiare qualcosa nel nostro paese quando si parla di pedofilia nella Chiesa. E infine, vedo che qualcosa sta iniziando ad accadere – dice Lisiński. E aggiunge: “Se fossi rimasto in piedi in mezzo alla piazza e dato fuoco per protestare contro lo stupro dei bambini da parte del clero, non avrebbe fatto nulla. Ma grazie a queste numerose testimonianze di vittime, giornalisti che ne scrivono, pressione sociale, la Chiesa in Polonia comincia a pubblicare dati sulla pedofilia.

Una mappa di pedofilia nella Chiesa è disponibile QUI

Lisiński annuncia che la mappa verrà aggiornata dopo aver verificato le richieste in arrivo. – Non voglio fare del male a nessuno con una falsa accusa, motivo per cui verificherò tutto da solo. Ho un lavoro e di sera vado in viaggio con persone che denunciano casi di pedofilia. Faccio quattromila chilometri alla settimana. Raccolgo testimonianze – dice.

Durante il giorno, quasi 100 persone hanno riferito a lui, che ha controllato i dati sulla mappa e non ha trovato l’autore dei loro danni lì. – Queste sono storie fresche, ma anche quelle di 20-30 anni fa. Ho appena scritto per me una donna che ha descritto in dettaglio casi di molestie, stupro in uno dei seminari – dice Lisinski.

Il fondatore della fondazione ” Non aver paura ” parla della svolta nella Chiesa polacca. Nelle ultime settimane, diverse diocesi hanno pubblicato informazioni sul numero di reati sessuali sui bambini. L’ultima domenica della diocesi di Opole è stata letta la lettera del vescovo Andrzej Czai . “Fino ad ora, la colpa di sei sacerdoti della diocesi di Opole che hanno commesso almeno una volta un atto di abuso sessuale contro un minore”, ha informato la gerarchia.

– Qualcuno ascolta e pensa: in totale, non ce ne sono così tanti. Ora vediamo come appare globalmente. Cerchiamo di moltiplicarlo per il numero di diocesi e arcidiocesi, vale a dire 41. Questo dà più di 240 responsabili-sacerdoti. Ognuno di loro ha l’illecito di diversi bambini – una media di 7-10, quindi può essere anche più di 2.400 vittime – sottolinea Lisiński.

Ci sono oltre 300 punti sulla mappa pubblicati dalla fondazione “Non aver paura”. Si tratta di informazioni sui perpetratori condannati dai tribunali e casi di sacerdoti sospettati di molestie su minori. Ci sono anche descrizioni descrittive delle vittime. La Fondazione spera che una mappa interattiva incoraggi altre vittime a rivelare ulteriori casi di pedofilia tra i sacerdoti.

(traduzione con Google)

https://wiadomosci.wp.pl/lawina-zgloszen-po-ujawnieniu-mapy-pedofilii-w-kosciele-moze-byc-nawet-2400-ofiar-6303692419081857a

Advertisements