L’arcivescovo di San Salvador: “chiedo perdono per pedofilia nella Chiesa”

José Luis Escobar Alas ha chiesto perdono a un ragazzo di 13 anni che è stato molestato per anni da un prete, Padre José Adonay Chicas

José Luis Escobar Alas, arcivescovo della Capitale di El Salvador San Salvador ha chiesto pubblicamente perdono per i reati di abusi sessuali che un sacerdote avrebbe commesso contro un ragazzo di 13 anni, che ha denunciato il suo violentatore facendolo arrestare.

Il vescovo ha spiegato che il minore ha presentato denuncia contro Padre José Adonay Chicas, parroco della Chiesa di Nostra Signora del Pilar, nel comune di Zaragoza.

Il vescovo ha poi spiegato che il processo canonico inizierà subito: “Gli abbiamo chiesto perdono e ora lo facciamo di nuovo pubblicamente, a nome della Chiesa chiedo perdono alla vittima, ai suoi genitori e alla società per quanto accaduto”.

La procura generale di El Salvador ha arrestato il sacerdote José Adonay Chicas venerdì scorso. Il prete sarà processato per i reati di abuso sessuale continuo di minore, pagamento per atti sessuali, corruzione di minore o persona incapace. Adonay Chicas è stato sospeso da tutte le sue facoltà sacerdotali. Secondo la procura del Paese, gli abusi sul ragazzo sarebbero iniziati oltre due anni fa nella chiesa di Zaragoza, e sono stati i genitori del minore ad aver scoperto le conversazioni su Whatsapp nelle quali il sacerdote chiedeva al ragazzo foto che lo ritraevano nudo. Nel 2016, la Chiesa cattolica ha destituito tre sacerdoti salvadoregni che sono stati dichiarati colpevoli di abusi sessuali su minori. Lo scandalo abusi venne alla luce nel novembre del 2015, quando l’arcivescovo di San Salvador sollevò da tutte le sue funzioni il sacerdote Jesus Delgado, accusato di violenza su una ragazza di 17 anni.

https://www.globalist.it/world/2018/06/25/l-arcivescovo-di-san-salvador-chiedo-perdono-per-pedofilia-nella-chiesa-2026866.html

Advertisements