Pedofilia: si dimette il capo della commissione vescovile sugli abusi

«Ho bisogno di concentrare tutte le mie energie nella mia diocesi, per chiarire questi fatti terribili», ha dichiarato Goic

SANTIAGO DEL CILE – Monsignor Alejandro Goic, vescovo di Rancagua, si è dimesso oggi dal suo incarico di responsabile dell’organismo creato dalla Conferenza episcopale cilena per prevenire gli abusi sessuali, dopo le rivelazioni sul suo atteggiamenti riguardo al caso di 14 sacerdoti che avevano creato una «confraternita» di abusatori nella sua diocesi.

«Ho presentato le mie dimissioni indeclinabili, ho bisogno di concentrare tutte le mie energie nella mia diocesi, per chiarire questi fatti terribili», ha detto Goic al quotidiano La Tercera.

Lo scandalo ha colpito Goic – 78enne ex presidente della Conferenza episcopale – al suo ritorno dal Vaticano, dove insieme a tutti gli altri vescovi cileni ha presentato le sue dimissioni a Papa Francesco, che ha accusato la Chiesa cilena di avergli mentito sul modo in cui avevano gestito i casi di abusi sessuali da parte del clero.

Un canale tv ha reso noto che una ex responsabile della pastorale giovanile a Rancagua aveva incontrato Goic in quattro occasioni per denunciare i sacerdoti che facevano parte della «confraternita» che abusava sessualmente di minorenni, senza ottenere alcun risultati.

«Non sono stato capace di rendermi conto di quello che stava succedendo, anche se c’erano segni visibili e oggi devo riconoscere che in questo sono stato poco attento», ha ammesso Goic. Il vescovo ha precisato che dei 14 sacerdoti che sono stati sospesi nella sua diocesi uno è stato denunciato formalmente per abuso di minorenni e gli altri 13 sono sotto inchiesta per «comportamenti impropri riguardo al loro celibato».

https://www.tio.ch/estero/attualita/1261385/pedofilia–si-dimette-il-capo-della-commissione-vescovile-sugli-abusi

Advertisements