VILMINORE – LA TESTIMONIANZA: “Io, abusato da un prete a 13 anni”. Quando il pastore si trasforma in un lupo

Chi mi ridarà quanto mi è stato tolto? Chi mi ridarà l’innocenza devastata? Purtroppo nessuno e tantomeno questa povera ‘chiesa’ che non è in grado di preservare i figli più deboli a lei affidati”. Valerio Maj ha deciso di raccontare quella “devastazione” subita quando aveva 13 anni, da un prete. Perché raccontarla dopo 47 anni? “C’è chi si porta il suo ‘segreto’ fino alla morte. E io me lo sono tenuto dentro per una vita. Un giorno leggo di un prete pedofilo che si è suicidato a Neuchâtel, vicino a dove abitavo. Mi si è mosso dentro qualcosa che pensavo di aver rimosso per sempre. Mi è tornata l’ansia. Ne ho parlato con un sacerdote italiano, per la prima volta ho raccontato quello che mi era successo da ragazzo. Lui ha ascoltato poi mi ha detto: ‘Non dire niente a nessuno’. Sono tornato a ingoiare il mio boccone amaro, ma non era più come prima, ed ho iniziato a somatizzare alcune malattie. Già nel 2006 avevo subito una depressione ma lo psichiatra non era riuscito a scalfire la mia corazza che proteggeva questo peso. Ma i problemi continuavano e un giorno mia moglie mi ha chiesto: chi sei veramente? Perché ti fai del male? Io ho risposto che ho sempre distrutto i miei centri d’interesse, nella mia vita. Lei sospettava che, nella mia infanzia, era successo qualcosa che mi rendeva instabile e introverso. Mi sono stati necessari tre giorni per fare resuscitare quei tristi momenti e poi le ho raccontato tutto”. E adesso lo vuoi raccontare a tutti… CONTINUA A LEGGERE SU ARABERARA IN EDICOLA DA VENERDI 23 MARZO

Advertisements