Minacciava con il coltello un ragazzino per violentarlo. Prete rinviato a giudizio

Il gup del tribunale di Siracusa, Giuseppe Tripi, ha rinviato a giudizio don Antonio Sapienza, 51 anni, accusato di violenza sessuale nei confronti di un minore.

Il sacerdote, che appartiene alla diocesi di Catania, è accusato di aver costretto il quindicenne ad avere rapporti sotto la minaccia di un coltello. A far scattare le indagini è stata la denuncia presentata dalla madre del ragazzo, ascoltato dagli inquirenti alla presenza di una psicologa.

Aecondo l’accusa, “pur risultando sospeso dalle proprie funzioni di parroco, potenzialmente era in condizione di frequentare una vasta platea di parrocchiani con il concreto rischio di reiterazione del reato”.

Grazie alle intercettazioni telefoniche, la Procura di Siracusa ha ricostruito la vicenda acquisendo elementi nei confronti del sacerdote che nei mesi scorsi ha ricevuto dal gip la misura dell’obbligo di dimora a Lentini, città in cui si sarebbe consumata la violenza sessuale.

Minacciava con il coltello un ragazzino per violentarlo. Prete rinviato a giudizio

Advertisements