Vaticano: pedofilia, abusi sessuali e accuse gravi sul Cardinale Pell e un Sacerdote vicini a Papa Francesco

Vaticano ancora sconvolto dagli scandali di pedofilia, droga e party gay; Due membri di alto rango della congregazione sono stati arrestati per i crimini commessi, tra cui uno che ha accuse di abusi sessuali su minori. Il primo e il consulente finanziario di Papa Francesco, il cardinale George Pell, e un altro sacerdote superiore sconosciuto, sono stati arrestati, nuova bufera e indignazione nello Stato Vaticano.

Pell è accusato di essere in possesso di  materiale pornografico infantile e il sacerdote sconosciuto è accusato di aver partecipato e ospitato un party che in realtà e stato orgia di sesso e droga.

Il mese scorso, Pell, uno dei cattolici più anziani dell’Australia, è stato accusato più volte di violenze sessuali “storiche” secondo la polizia, ha riferito il reportage.

“Pell apparirà in un tribunale australiano per affrontare svariate accuse sui reati del suo passato di violenze sessuali”, ha dichiarato il vice commissario Shane Patton dello Stato di Victoria.

Pell è l’accusato di maggior rango che la chiesa e il vaticano abbiano mai avuto, essendo stato sempre accusato di scandali sessuali e abusi nella chiesa.

Ha anche precedentemente affrontato le accuse e i casi di abuso del clero quando era arcivescovo di Melbourne e più tardi Sydney. Ora è sotto il microscopio per il suo presunto abuso.

Le accuse sembrano arrivare da due uomini, ora sulla quarantina, che sostengono che Pell li ha trattati in modo inappropriato a una festa in piscina alla fine degli anni ’70 ha riferito il Telegraph.

Pell “ha negato con forza tutte le accuse” e “aspetta con ansia la sua udienza in tribunale e difenderà le accuse vigorosamente”, secondo una dichiarazione di stampa dell’Arcidiocesi cattolica di Sydney.

“Sono innocente da queste accuse. Sono falsi “, ha detto Pell in una conferenza stampa. “Tutta l’idea di abuso sessuale è assurda per me. . . Queste questioni sono state oggetto di indagini da due anni “, ha dichiarato Pell.

“Da sempre, sono stato completamente coerente e chiaro nel mio totale rigetto di queste affermazioni”, ha aggiunto Pell.

“La notizia di queste accuse rafforza la mia decisione … e le procedure giudiziarie ora mi offrono un’opportunità per cancellare dal mio nome e poi tornare qui, tornare a Roma, per lavorare”.

Pell, terzo cardinale di rango più alto nel Vaticano, è tenuto a presentarsi alla magistratura di Melbourne il 18 luglio 2017 per l’udienza.

La polizia vaticana ha anche fatto indagini su un party di sesso gay alimentato da droga in un appartamento del sacerdote superiore il mese scorso, secondo il quotidiano italiano Il Fatto Quotidiano.

L’appartamento è stato scoperto dopo che i vicini si sono lamentati di un comportamento insolito tra i molti visitatori notturni frequenti.

Il quotidiano afferma che la polizia ha trovato droghe e un gruppo di uomini in attività sessuali, quando sono entrati nell’appartamento.

Il sacerdote funge da segretario al cardinale Francesco Coccopalmerio, consulente personale di Papa Francesco.

Ironia della sorte, l’appartamento appartiene alla Congregazione per la Dottrina della Fede – il dipartimento che ha il compito di liberare gli abusi sessuali all’interno della chiesa.

Nel 2014 Papa Francesco si impegnò a sradicare l’abuso sessuale “spregevole” all’interno della chiesa. L’ultimo maggio Papa Francesco ha riconosciuto oltre 2.000 casi di accuse di abusi sessuali nell’ambito della chiesa.

Vaticano: pedofilia, abusi sessuali e accuse gravi sul Cardinale Pell e un Sacerdote vicini a Papa Francesco

Advertisements