Prostituzione minorile, il sindaco di Zungri rassicura: «Nessun bambino del paese è stato molestato»

Il primo cittadino Franco Galati precisa: «Circolano voci infondate. La comunità dopo lo smarrimento deve ritrovarsi». Domani gli interrogatori di don Felice La Rosa e degli altri due uomini arrestati (NOMI)

La vicenda del prete arrestato per prostituzione minorile ha turbato la tranquillità di Zungri, il paese dove don Felice La Rosa (41 anni, nativo di Calimera) ha esercitato il suo magistero per 11 anni.

Assieme al sacerdote sono finiti in carcere il bulgaro Miroslav Iliev (28 anni), che secondo le risultanze investigative della Squadra Mobile di Vibo Valentia, adescava i ragazzi stranieri, e il pensionato di 64 anni Francesco Antonio Pugliese, accusato anche lui di aver pagato per avere rapporti sessuali con minorenni. L’interrogatorio di garanzia dei tre indagati è stato fissato per domani mattina. I reati contestati ai tre (prostituzione minorile e corruzione di minore) sarebbero stati commessi tra il gennaio e il febbraio del 2016.

Intanto a Zungri e nei paesi limitrofi impazzano le voci più disparate. Al punto che il sindaco ha ritenuto opportuno fare alcune precisazioni: «Nessun bambino del paese è stato molestato. Siamo rimasti sorpresi della notizia arrivata come un fulmine a ciel sereno. Anche perché don Felice si era fatto ben volere dalla maggior parte della popolazione.Accoglieva le persone in chiesa, visitava i malati, era impegnato nel sociale. Il problema giudiziario in cui è incappato, è comunque, grave. Mi auguro che il nuovo parroco, don Giuseppe La Rosa, possa ridare tranquillità alla comunità religiosa, scossa da un fatto orrendo su cui auspico che la magistratura faccia chiarezza al più presto».

http://www.ilvibonese.it/cronaca/4393-prostituzione-minorile-domani-interrogazione-garanzia

Advertisements