Atti osceni in piscina, denunciato un sacerdote

Concorezzo. Atti osceni in luogo pubblico. E’ questa l’accusa da cui dovrà difendersi un sacerdote milanese denunciato dai carabinieri. Il prete si trovava all’interno dell’Acquaworld di via La Pira, nello spazio idromassaggio, quando il suo atteggiamento è stato notato da diversi utenti. L’uomo, quarentenne, pare si stesse masturbando e, a quel punto, è stata richiamata l’attenzione del personale della piscina. Viste le numerose testimonianze è stato allertato il 112 che ha prima identificato la persona e poi spiccato la denuncia. Il reato proprio a inizio 2016 era stato depenalizzato con una sanzione amministrativa da 5 a 30.000 euro, ma il Codice prevede che “si applica la pena della reclusione da quattro mesi a quattro anni e sei mesi se il fatto è commesso all’interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori e se da ciò deriva il pericolo che essi vi assistano”. Non è ancora chiaro se il sacerdote fosse in visita alla struttura per conto proprio o se stesse accompagnando un gruppo. Ovviamente lo stesso sacerdote avrà modo di fornire la propria versione dei fatti.

http://www.concorezzo.org/cronaca/atti-osceni-in-piscina-denunciato-un-sacerdote-3057.html