Giappone, il caso delle bambole gonfiabili-bambine: “Per controllare gli impulsi dei pedofili”

L’imprenditore Shin Takagi: “Dovremmo accettare socialmente che non vi è alcun modo per modificare le perversioni”. E la sua azienda Trottle commercializza il prodotto: si va dalla classica scolaretta made in Japan a bimbe in mutandine e reggiseno, da fanciulle con un orsetto tra le braccia a bambine di nemmeno otto-dieci anni completamente nude o con una mela a coprire il pube. “Aiuto tante persone ad esprimere i loro desideri, in modo legale ed etico”
Advertisements