Prete accusato di violenza su minore, il pm chiede il processo

Il pm del Tribunale di Pescara, Salvatore Campochiaro, nei giorni scorsi ha presentato la richiesta di rinvio a giudizio per don Vito Cantò, l’ex parroco di Spoltore (Pescara) accusato di violenza sessuale a seguito dei rapporti che avrebbe avuto negli anni scorsi con un ragazzino di 15 anni, oggi maggiorenne.

L’udienza davanti al gup Gianluca Sarandrea si terra’ il 13 ottobre prossimo. Stando all’accusa, i rapporti sarebbero avvenuti nell’alloggio canonico del prete.

A denunciare i fatti, prima alla Curia e poi alla squadra mobile di Pescara, diretta da Pierfrancesco Muriana, che si e’ occupata delle indagini, sono stati i genitori del ragazzo, che frequentava la chiesa di Spoltore e che si sarebbe confidato con i genitori solo l’anno scorso, mentre i rapporti ci sarebbero stati tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012.

Stando agli atti dell’indagine, i rapporti sarebbero avvenuti senza costrizione fisica ma, a distanza di mesi, avrebbero provocato una crisi di identita’ sessuale al ragazzino.

Nei mesi scorsi il giovane che ha accusato il prete di abusi sessuali e’ stato ritenuto attendibile dai periti nominati dal gip Catapane e Cupillari.

I due consulenti durante l’incidente probatorio del 21 aprile scorso hanno infatti sostenuto che il ragazzo non ha malattie psichiatriche che possano inficiare il profilo dell’attendibilita’ e della credibililita’ e che ha un buon indice della realta’.

http://www.abruzzo24ore.tv/news/Prete-accusato-di-violenza-su-minore-il-pm-chiede-il-processo/159808.htm

Advertisements