Quebec giudice ordina a un gruppo religioso di risarcire le vittime di abusi sessuali

 MONTREAL – Un tribunale del Quebec ha ordinato a un gruppo religioso di risarcire le vittime di abusi sessuali che coinvolgono diversi sacerdoti dell’organizzazione – un totale complessivo che potrebbe alla fine raggiungere milioni di dollari.

La Corte Superiore del Quebec condanna l’Ordine dei Redentoristi a pagare almeno $ 75.000 di danni per ogni vittima che ha partecipato al Seminario di Saint-Alphonse tra il 1960 e il 1987.

Finora, 70 ex-allievi si sono fatti avanti , altri furono abusati mentre frequentavano la scuola di Quebec City  che ormai non è più in attività.

Un avvocato che rappresenta le vittime dice che si aspetta che questa decisione incoraggi gli studenti più vecchi a denunciare, e crede che il compenso totale potrebbe raddoppiare o triplicare.

“E ‘la punta di un iceberg”, ha detto l’avvocato Pierre Boivin.

“In una class-action, le persone non comunicano con noi finché non ci sarà un giudizio.”

Nella sua sentenza, il Giudice Claude Bouchard ha detto che gli ex-studenti che possono dimostrare di essere stati vittime di aggressioni “di natura particolare” potranno inoltre beneficiare di un ulteriore $ 75.000.

Boivin ha dichiarato che l’ordine cattolico romano ha i fondi sufficienti per pagare i danni, che potrebbero ammontare a un totale di diversi milioni di dollari.

L’ex studente di Frank Tremblay ha lanciato l’accusa nel 2010 contro l’ordine, la scuola e il suo aggressore, il Rev. Raymond-Marie Lavoie.

Fino ad oggi, solo Lavoie è stato condannato per accuse penali. Nel 2011, si è dichiarato colpevole di 18 conteggi riguardanti 13 vittime su un periodo di 11 anni 1973-1984 ed è stato condannato al carcere.

Dei nove sacerdoti citati nella class action, sei sono morti e altri tre hanno sostengono di vivere al di sotto della soglia di povertà.

Il giudice ha ordinato Tremblay sarà aggiudicato l’intero importo di 150.000 dollari.

Tremblay definito la sentenza una “vittoria storica”.

Ma ha detto Giovedi la sua principale fonte di soddisfazione deriva dal fatto la Corte Superiore del Quebec gli ha creduto.

“L’intera organizzazione è stata una cancrena per la giustizia,  Bouchard si dichiara soddisfatto”, ha dichiarato Tremblay al The Canadian Press.

Carlo Tarini, un portavoce per l’Associazione Quebec di vittime dei preti, chiama Tremblay “, un eroe vero e proprio” per il coraggio nel farsi avanti.

“Il Redentorista ha lottato come gatti randagi a difendere l’indifendibile”, ha detto Tarini.

“Hanno fatto di tutto per evitare che le vittime di testimoniassero, e ogni volta che accadeva, erano storie diaboliche soprattutto per le persone che danno lezioni di moralità.”

http://www.winnipegfreepress.com/arts-and-life/life/faith/quebec-court-orders-religious-group-to-compensate-victims-of-sexual-abuse-266665101.html?device=mobile

Advertisements