Bologna. Don Stefano Benuzzi: “Al Forteto avevo relazione con ragazza”, “Cardinali e vescovi sapevano tutto”. Firenze, processo per abusi in comunità

LATESTIMONIANZA
Il prete confessa: «Al Forteto avevo una relazione con una ragazza»
Le rivelazioni del sacerdote bolognese al processo: «Cardinali e vescovi sapevano tutto»
FIRENZE – «Al Forteto mi chiamavano “il priore”, avevo una relazione con una ragazza di cui sapevano anche vescovi e cardinali»; una volta «capitò che Rodolfo Fiesoli mi baciò in bocca, ma era un atto casto, puro, senza violenza» e comunque «il punto finale è Rodolfo, dopo di lui c’è Dio. Solo Dio c’è sopra di lui. Di Fiesoli mi affascinava la sua interpretazione del Vangelo»: così alcuni passi della testimonianza di un parroco del Bolognese, don Stefano Benuzzi, al processo sul Forteto, la cooperativa agricola del Mugello a cui il tribunale dei minori di Firenze affidava giovani disagiati. Il prete, che è anche insegnante di religione in un liceo di Bologna, ha risposto alle domande del processo che vede imputati per maltrattamenti Fiesoli, storico fondatore del Forteto, e altri 22 collaboratori. Fiesoli è anche imputato di violenze sessuali su giovani. Don Benuzzi ha intrattenuto rapporti con Fiesoli e la comunità negli anni 2000 tanto da accompagnarvi frequentemente, anche una volta la settimana, suoi giovani parrocchiani che poi hanno scelto di viverci e che attualmente costituiscono il gruppo detto «dei bolognesi», al momento quello anagraficamente più giovane del Forteto, comunità fondata negli anni ’70.
24 febbraio 2014

http://corrieredibologna.corriere.it/bolog…123645351.shtml

Un prete-insegnante: “Al Forteto stavo con una ragazza, lo sapevano vescovi e cardinali”
Un sacerdote bolognese parla a Firenze al processo sul Forteto, la cooperativa agricola del Mugello a cui il tribunale dei minori di Firenze affidava giovani disagiati

PROCESSO FORTETO, “IO VIOLENTATO DA FIESOLI PER 8 ANNI”
Noi, prigionieri al Forteto, con le catene nella testa: era come nel libro di Orwell”
Processo Forteto, continuano le deposizioni choc: “Costringemmo un bambino a dire che la madre lo cedeva a un pedofilo”

Bologna, 24 febbraio 2014 – Continua il processo sul Forteto, la cooperativa agricola del Mugello a cui il tribunale dei minori di Firenze affidava giovani disagiati. Questa volta arriva la testimonianza choc di un prete bolognese, don Stefano Benuzzi: “Al Forteto mi chiamavano ‘il priore’, avevo una relazione con una ragazza nella comunità di cui sapevano anche vescovi e cardinali”; una volta “capitò che Rodolfo Fiesoli mi baciò in bocca, ma era un atto casto, puro, senza violenza” e comunque “il punto finale è Rodolfo, dopo di lui c’è Dio. Solo Dio c’è sopra di lui. Di Fiesoli mi affascinava la sua interpretazione del Vangelo”.

Questi alcuni passi della testimonianza di don Benuzzi. Il prete, che è anche insegnante di religione in un liceo di Bologna, ha risposto alle domande del processo che vede imputati per maltrattamenti Fiesoli, storico fondatore del Forteto, e altri 22 collaboratori. Fiesoli è anche imputato di violenze sessuali su giovani.

Don Benuzzi ha intrattenuto rapporti con Fiesoli e la comunità negli anni 2000 tanto da accompagnarvi frequentemente, anche una volta la settimana, suoi giovani parrocchiani che poi hanno scelto di viverci e che attualmente costituiscono il gruppo detto “dei bolognesi”, al momento quello anagraficamente più giovane del Forteto, comunita’ fondata negli anni ’70.

http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cr…o-benuzzi.shtml

Advertisements