Zanardi consegna a nunzio apostolico le firme contro il cardinal Calcagno: “Pronta altra petizione per chiedere intervento nuovo Papa”

Roma. Il portavoce della rete L’Abuso, Francesco Zanardi, ha incontrato il nunzio apostolico monsignor Luca Lorusso, al quale ha consegnato il plico con le firme della petizione contro il cardinal Domenico Calcagno. “Mi sono intrattenuto circa quaranta minuti con il funzionario vaticano con il quale ho avuto un colloquio cordiale nel quale ho illustrato il dramma delle vittime. Possiamo dire riguardo alle firme che abbiamo raggiunto l’obiettivo preposto” commenta Zanardi.

Gli attivisti anti-pedofilia hanno ribadito la loro richiesta di non far partecipare il cardinal Calcagno, ex vescovo di Savona, al conclave. Zanardi ha condiviso la trasferta nella capitale con i responsabili della statunitense Survivors Network di Abusati dai Sacerdoti (SNAP), per ribadire le accuse a Calcagno di aver “sistematicamente coperto i casi di pedofilia della diocesi di Savona nel Nord Italia ai tempi in cui ne era il vescovo”.

“Non deve partecipare al conclave” ha ribadito Zanardi, che venerdì è stato fermato per due ore dalla polizia italiana quando aveva cercato di presentare la petizione contro il cardinal Calcagno al Vaticano.

“Sono 20 mila firme – sottolinea Zanardi di ritorno da Roma – E’ stata un’impresa impegnativa ma siamo soddisfatti. Stiamo raccogliendo le sottoscrizioni per un’altra petizione, questa volta da sottoporre al nuovo pontefice: una petizione internazionale per chiedere l’estromissione dalla chiesa di tutti i sacerdoti, vescovi e cardinali che hanno insabbiato i casi di pedofilia”.

Zanardi consegna a nunzio apostolico le firme contro il cardinal Calcagno: “Pronta altra petizione per chiedere intervento nuovo Papa”

Advertisements