“Quel prete era un predatore di bambini”

02/05/2012 – Processo in Irlanda per il sacerdote che masturbava i bambini

Il giudice che ha letto la sentenza di custodia da 18 mesi moltiplicati per sette reati ha definito il sacerdote imputato davanti alla corte di Dundalk, estremo nord della Repubblica d’Irlanda un uomo “in una posizione di fiducia e di autorità mentre le sue vittime erano vulnerabili ed isolati”. L’uomo avrebbe perpetrato “abusi sistematici e seriali” contro i ragazzi a lui affidati e il suo comportamento sembrava essere quello di “un predatore che era in una condizione di dominio” sui poveri bambini.

CONDANNATO – L’identità dell’imputato non è nota, spiega l’Irish Examiner, per ragioni legali. Si sa che è stato ridotto allo stato laicale, che ha 61 anni e che, prima di diventare un mostro pedofilo, a sua volta aveva subito violenze sessuali. Il che rende il caso ancora più complicato e controverso. L’uomo ha ammesso sei reati nei confronti di un bambino, e ha confermato un’altra accusa nei confronti di un altro bambino. “Il prete ha masturbato uno dei piccoli, dicendogli che questo avrebbe evitato un suo ricovero in ospedale per essere circonciso, e avrebbe prevenuto ulteriori problemi nella sua vita sessuale futura. Ha analogamente masturbato un altro bambino di 13 anni nei giardini nella scuola”, il tutto fra il 1982 e il 1984.
TERAPIA – L’uomo lavorava in una scuola cattolica e in quegli ambienti, e nei momenti in cui “si doveva occupare del benessere dei bambini” agendo “in luogo dei parenti”, li rendeva soggetti ad attenzioni improprie. “E’ pieno di rimorso e dispiaciuto per il suo comportamento. Si è sottoposto a terapia ed ora è davvero a basso rischio di recidiva”, ha detto il suo avvocato difensore. Anche i due bambini hanno dovuto subire terapia psicologica “per superare gli effetti del trauma”, conclude l’Examiner.

http://www.giornalettismo.com/?p=277336

Advertisements