Pedofilia, perquisita casa di un prete

Pedofilia, perquisita casa di un prete

Perquisita l’abitazione a Scandicci di don Daniele Rialti. Il sacerdote fiorentino è accusato da un altro sacerdote e da alcuni fedeli di pedofilia. Personale della squadra mobile della questura di Firenze avrebbe anche perquisito la casa in cui viveva in precedenza don Rialti, a Empoli.

Gli agenti avrebbero acquisito materiali informatici, dai quali gli investigatori pensano di risalire ai nomi di persone da ascoltare come testimoni. La polizia ha acquisito materiale informatico anche nella sede dell’Opera Madonnina del Grappa a Firenze, alla quale è legato don Rialti, che è tra l’altro giudice del tribunale ecclesiastico diocesano: tre anni fa era stato trasferito dalla parrocchia di Empoli ad un’altra a Scandicci dall’arcivescovo Giuseppe Betori.

La polizia avrebbe anche perquisito l’abitazione di un giovane albanese ad Empoli, oggi maggiorenne ma minorenne nel periodo al quale risalirebbero i presunti abusi, tra i cinque ed i tre anni fa, quando don Rialti era parroco a Empoli.

Il presunto caso di pedofilia sarebbe stato scoperto dalla procura di Firenze mentre indagava sull’attentato subito, il 4 novembre 2011, dall’arcivescovo monsignor Giuseppe Betori nel quale il suo segretario, don Paolo Brogi, rimase ferito da un colpo di pistola. I due episodi non sarebbero collegati tra loro, ma gli accertamenti avrebbero fatto emergere il caso e diversi testimoni sentiti sulla vicenda di don Rialti sono già stati ascoltati dalla polizia anche nel corso delle indagini sull’attentato.

DON RIALTI: CALUNNIE. E MINACCIA QUERELE
«Sono tutte calunnie. Non ho mai avuto problemi di questo genere», ha commentato ieri sera don Daniele Rialti, 59 anni, il sacerdote fiorentino che sarebbe al centro di una vicenda di pedofilia anticipata da un servizio di Panorama. Trasferito tre anni fa in un’altra parrocchia, il prete spiega «di aver già dato mandato ai suoi legali: sto aspettando di vedere il servizio». «Io non sono mai stato sentito dalla polizia – continua don Rialti – e non ho mai avuto problemi. Ho la fedina penale pulita».

http://www.unita.it/italia/accuse-di-pedof…lunnie-1.398683

Advertisements