Don Marco aveva altre relazioni con ragazze minorenni

Le storie risalgono agli ultimi anni
Il prete collabora, si scava su altri casi
Per ora non ci sono denunce o altre imputazioni, ma si tratterebbe sempre di adolescenti. Il gip non ha ancora deciso sugli arresti domiciliari in una struttura ecclesiastica
Como, 13 marzo 2012 – C’erano altre ragazze nella vita di don Marco Mangiacasale. Il sacerdote di 48 anni, incarcerato con l’accusa di violenza sessuale continuata nei confronti di una ragazzina minorenne, in questi ultimi anni avrebbe intrattenuto relazioni con altre adolescenti della stessa età. Situazioni che sono ora oggetto di ulteriori accertamenti da parte della Procura di Como, per capire i confini e le modalità di queste frequentazioni.
Per il momento non ci sono imputazioni aggiuntive, e nemmeno denunce, ma solo riscontri in corso da parte dell’ufficio del sostituto procuratore di Como Simona De Salvo, a cui fanno capo le indagini. Nel frattempo, il gip Maria Luisa Lo Gatto, non ha ancora sciolto la riserva relativamente alla richiesta di applicazione degli arresti in una struttura ecclesiastica, dove non avrebbe contatti con l’esterno.

http://www.ilgiorno.it/como/cronaca/2012/03/13/680539-marco_aveva_altre_relazioni.shtml

Don Marco, decisione rinviata
Si indaga su altri due casi

13 marzo 2012

Don Marco ammette tutto Ma per ora resta in carcere

COMO – Resta in carcere, almeno ancora fino a domani, don Marco Mangiacasale, arrestato, indagato per violenza sessuale. Il giudice non ha ancora sciolto la riserva sulla richiesta di remissione ai domiciliari avanzata dai suoi difensori, che lo vorrebbero ospite di una comunità ecclesiastica protetta fuori dai confini della provincia. Non c’è, per il momento, neppure il parere della Procura, che non è vincolante ma è comunque necessario.
Nel frattempo si fa largo l’ipotesi che altre ragazze abbiano avuto a che fare con il sacerdote. Secondo quanto emerso nelle ultime ore, ce ne sarebbero almeno altre due, entrambe frequentanti l’oratorio di san Giuliano

http://www.laprovinciadisondrio.it/stories…altri_due_casi/

Advertisements